Perchè alcuni contagocce hanno la punta a palla?
Ciao, 
perchè certi modelli di contagocce hanno una punta a palla.

Un esempio  è quel contagocce che vedete in immagine :


[Immagine: DSC8961.jpg]
Cita messaggio
Di solito si usano per usi non di laboratorio, serve all'anziano, per permettergli di contare le gocce senza che queste cadano troppo facilmente.
Se noti la goccia qui tende a ''spalmarsi'' sulla sfera piiuttosto facilmente aderendo e limitandone la caduta accidentale.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO3 per questo post:
martino-papesso
Ti ringrazio NaClO3 per il tuo utile intervento.
Ne approfitto per porre un ulteriore quesito.
Fra tutti i tipi di contagocce attualmente esistenti quale è il modello più preciso?
Nel senso che ha una struttura tale che fa uscire sempre solo una goccia e non accidentalmente un insieme di gocce che quindi in alcuni casi costituirebbero addirittura un cilindro di liquido che esce e non più una goccia.
Già questo accorgimento della punta a palla si avvicina molto a ciò che sto cercando.
C'è ancora qualcosa che garantisce maggior precisione nell'uscita di una sola goccia?
Ancora grazie.
Ciao.
Martino.
Cita messaggio
Una goccia che esce da un qualsiasi tipo di contagocce è sicuramente una misura molto approssimata del volume, dipende dal tipo di contagocce e, soprattutto, dal diametro del foro.
A cosa ti serve "contare" esattamente il numero di gocce che scendono?

Riprendendo l'esempio fatto da NaClO3, un contagocce di quel tipo usato per dosare le gocce di un medicinale presuppone il fatto che chi ha messo in commercio il farmaco abbia misurato in modo accurato la quantità di principio attivo contenuto in 1 goccia.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
martino-papesso
Il contagocce è bloccato con una pinzetta :   
qui si può vedere bene come lo ho bloccato :   
altra immagine:   
qui si vede bene la pinzetta che sto usando :    
Quanto vedi è fatto per far sì che il contagocce rimanga sopra una bacinella (o becker o bicchiere o quello che vuoi...)di acqua, dimodochè vi sia un impatto della goccia che esce dal contagocce con il piano di acqua sottostante :   
   
Il contenitore di acqua sottostante è quello :    
Nel momento dell'impatto la macchina fotografica scatterà la foto.
Il problema che ho è che premendo la tettarella del contagocce  questo un po' si muove  mentre io lo desidero fermo come se fosse perfettamente cementato dentro un blocco di cemento.
Quindi come posso far uscire la goccia di acqua con precisione da tale contagocce senza assolutamente toccarlo?
Inizialmente avevo pensato ad una pompetta a tre vie cioè questa : http://www.kartelllabware.com/it/content...adattatore la quale trasforma una pipetta in un contagocce.
Quindi togliere la tettarella al contagocce, mettergli un tubicino e al termine del tubicino collegare tale pompetta.
Solo che non è una soluzione.
La pressione esercitata è eccessiva e quindi solo eccezionalmente uscirà una goccia dal contagocce, perchè uscirà o in insieme di gocce o addirittura un cilindro di liquido.
Quindi come potrei agire?
Teniamo presente che sono ovviamente esclusi apparecchi elettronici che mi consentono di fare ciò spendendo parecchie centinaia di euro.
Vi ringrazio.
Ciao.
Ecco la tettarella a cui mi riferisco :    
   
Imbuti gocciolatori sul modello di quelli : http://www.cheimika.it/categorie/Imbuti-...-1101.aspx potrebbero quasi andare bene se non fosse per il prezzo eccessivo e per il fatto che è meglio espellere una goccia quando si vuole e non essere vincolato ogni tot. alla goccia che cadrà.
Cita messaggio
Se ho capito bene, a te serve che la goccia, sempre dello stesso volume, cada in un recipiente sottostante ad intervalli regolari di tempo e sempre nel medesimo punto.

L'ideale sarebbe una buretta: regolando l'apertura del rubinetto si ottiene ciò che desideri senza mai toccare il dispositivo.
[Immagine: SetSize217241-01028016.jpg]

Se non possiedi una buretta, se ne può costruire una artigianale in casa con il seguente materiale:
a) 2 pipette Pasteur senza contagocce, può andar bene il primo modello a sx della seguente immagine
[Immagine: SetSize217241-01182013.jpg]
b) 1 tettarella in lattice
[Immagine: SetSize217241-12250000.jpg]
c) 1 pinza di Hoffman
[Immagine: SetSize217241-04562019.jpg]
d) 1 asta di sostegno
[Immagine: SetSize217241-04662005.jpg]
e) 1 pinza + morsetto
[Immagine: SetSize217241-04530020.jpg]
[Immagine: SetSize217241-04599017.jpg]
f) 1 tubo di lattice, va bene anche un laccio emostatico
[Immagine: SetSize217241-11300000.jpg]

Inserire il tubo di lattice in una delle due pipette Pasteur in modo che faccia tenuta.
Inserire la pinza di Hoffman nel tubo di lattice e chiuderla completamente.
Montare la pinza + morsetto all'asta di sostegno.
Fissare verticalmente la pipetta (assemblata come descritto sopra) all'asta di sostegno con il tubp di lattice rivolto verso il basso.
Riempire la pipetta chiusa all'estremità inferiore con il liquido che deve contenere utilizzando la seconda pipetta Pasteur con tettarella di lattice.
Tagliare il tubo di lattice appena sotto la pinza di Hoffman e regolare l'apertura della vite in modo che scenda una goccia per volta alla velocità desiderata.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
martino-papesso
(2016-05-20, 16:20)LuiCap Ha scritto: Se ho capito bene, a te serve che la goccia, sempre dello stesso volume, cada in un recipiente sottostante ad intervalli regolari di tempo e sempre nel medesimo punto.
La goccia sì deve cadere sempre nello stesso punto MA NON A INTERVALLI REGOLARI cada quando lo stabilisco io, poi anche se varia di volume di pochissimo va bene, l'importante è che non cada in un punto diverso anche se distante un 1/10 di mm o molto meno .
Quello che proponi tu è la stessa cosa del gocciolatore che ho indicato.

Per fare una metafora deve avvenire un qualcosa di simile a quando uno scatta una foto e la macchina fotografica ha il cavo di scatto.
Io scatto la foto  ma la macchina fotografica non la tocco minimamente.
Inoltre ,scatto la foto solo quando stabilisco io e non che la macchina continua a scattare ad intervalli regolari prestabiliti.
Allo stesso modo io faccio una goccia solo quando lo ritengo opportuno, ed il contagocce, la buretta o altro strumento assolutamente non lo tocco.
Cita messaggio
Magari potresti fissare meglio il contagocce, in modo che sia fermo. So che non è elegante come la pinza a coccodrillo, ma una salda passata di nastro isolante che lo tenga incollato ad uno stativo ben stabile dovrebbe limitare molto i movimenti del contagocce. O magari sostituire la tettarella in plastica spessa che hai con una di quelle in lattice (tipo quella della foto di Luisa), costano pochi centesimi e ti assicuro che la pressione necessaria da esercitare sul lattice per far scendere una goccia è veramente molto minore rispetto quella che occorre con la tettarella più rigida che hai tu (con ovvie conseguenze sulla stabilità dell'intero contagocce: meno pressione meno traballamenti) :-)
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ClaudioG. per questo post:
martino-papesso
(2016-05-20, 16:35)ClaudioG. Ha scritto: Magari potresti fissare meglio il contagocce, in modo che sia fermo. So che non è elegante come la pinza a coccodrillo, ma una salda passata di nastro isolante che lo tenga incollato ad uno stativo ben stabile dovrebbe limitare molto i movimenti del contagocce. O magari sostituire la tettarella in plastica spessa che hai con una di quelle in lattice (tipo quella della foto di Luisa), costano pochi centesimi e ti assicuro che la pressione necessaria da esercitare sul lattice per far scendere una goccia è veramente molto minore rispetto quella che occorre con la tettarella più rigida che hai tu (con ovvie conseguenze sulla stabilità dell'intero contagocce: meno pressione meno traballamenti) :-)

A quanto dici Claudio avevo già pensato pure io.
Infatti 'saldare' meglio il contagocce non può che portarmi dei vantaggi.
Avevo pensato di prendere un pinza per burette  tra quelle che la bloccano meglio sul modello di queste insomma: 
http://www.ebay.it/itm/181439820008?_trk...EBIDX%3AIT
e se ne conosci che blocchino ancora meglio il contagocce in esame o altro indicamele per cortesia. :-D
Per quanto riguarda la tettarella da te proposta , questo non lo sapevo ed è un buon accorgimento che voglio prendere in considerazione.
Hai un link fra le più adatte per la questione in oggetto a prezzi buoni, cortesemente? :-D
Grazie ancora per il tuo utile contributo Claudio.
Ciao.
Martino.

So che esistono delle burette con rubinetto e quindi sono dei gocciolatori per il costo di 10 € (più spese di spedizione 14 € )  http://www.ebay.it/itm/172116682265?_trk...EBIDX%3AIT ma ripeto che la goccia deve cadere solo quando lo stabilisco io e ciò non per capriccio ma perchè solo dopo parecchi scatti riuscirò a centrare perfettamente la goccia.Quindi inizialmento dopo ogni goccia che cade devo fermare il gocciolatore con lo svantaggio che quindi ogni volta lo sposterò anche se di molto poco.
Cita messaggio
Fossi in te eviterei pinze e aggeggi vari. Ne possiedo qualcuna, e ti assicuro che in ogni caso, anche con la pinza da buretta, hai uno spostamento millimetrico del contagocce se provi a premere la tettarella. E poi costano troppo.
Per le tettarelle le comprai qui:

http://www.glasschimica.it/index.php?pkg...odotto=359

Ma ti tocca comunque pagare la spedizione (15 euro contro 40 cent di tettarella :-) ), quindi forse ti conviene andare in un fornitore di materiale da laboratorio (di dove sei?) e prenderne una lì.
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ClaudioG. per questo post:
martino-papesso




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)