Permanganometria e Spettrofotometria
Salve a tutti/e, posto lo svolgimento di questi due esercizi siccome ho dei dubbi sulla correttezza del procedimento.

1) Una polvere costituita da 0.1361g CaC2O4 (PM=136.14) e da 0.1711g Al2(SO4)3 (PM=342.12) è stata sciolta in 100 mL di acqua. 25 mL della soluzione ottenuta sono stati titolati con una soluzione di KMnO4 0.02 N. Calcolare quanti mL di titolante verranno consumati. Altri 25 mL sono stati titolati con 10 mL di soluzione di EDTA; quale sarà la normalità della soluzione titolante? 
MnO4 - + C2O4 2- Mn2+ + CO2 (bilanciare la reazione)
[Non riesco a capire come l'ossalato di calcio, essendo insolubile, possa essere solubilizzato. Inoltre, non essendo indicato il pH, non capisco se l'EDTA reagisce con entrambi i cationi].

2) 50 mg di progesterone impuro (PM = 314) sono stati sciolti in etanolo e la soluzione così ottenuta, è stata diluita a 250 mL. 10 mL di questa soluzione sono stati ulteriormente diluiti a 100 mL con etanolo e successivamente analizzati spettrofotometricamente alla lunghezza d’onda di 312 nm, con una cuvetta dal cammino ottico di 10 mm. Il campione ha mostrato una percentuale di assorbanza pari al 35%. Sapendo che l’assorbività specifica del progesterone, nelle condizioni operative indicate, è di 540, calcolare la percentuale di purezza del progesterone e la molarità della soluzione di partenza. 
N.B. L’assorbività specifica consente di esprimere, nell’equazione di Lambert-Beer, la concentrazione di un analita in % p/v.
[Non mi trovo; l'assorbività specifica non consente di esprimere la concentrazione solo in g/L? Mentre con la %p/v si parla di l'assorbanza specifica].

Grazie a chiunque mi aiuterà.


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
Esercizio 1
Il CaC2O4 è solubile negli acidi forti; occorre usare H2SO4 che non interferisce nella successiva reazione con permanganato
Se la reazione non bilanciata indica che lo ione MnO4- si riduce a Mn2+ significa che la reazione avviene in ambiente nettamente acido per H2SO4.
CaC2O4(s) + H2SO4(aq) --> CaSO4(s) + H2C2O4(aq)
5 H2C2O4(aq) + 2 MnO4- + 6 H+ --> 10 CO2(g) + 2 Mn2+ 8 H2O(l)
Nella prima parte ci sono due errori:
- la massa molare del CaC2O4 non è quella indicata nel testo, ma 128,10 g/mol;
- la molarità della soluzione di KMnO4 è:
M = 0,02 eq/L / 5 eq/mol = 0,004 mol/L
Il volume di titolante consumato risulta perciò di 26,6 mL.

Nella seconda parte, ammettendo che entrambi i cationi vengano complessati dall'EDTA (cosa assolutamente non chiara :-( ), abbiamo:
n Al3+ in 25 mL = 2,50·10^-4 mol
n Ca2+ in 25 mL = 2,66·10^-4 mol
n totali in 25 mL = 5,16·10^-4 mol = mol EDTA in 10 mL
M EDTA = 5,16·10^-4 mol / 0,010 L = 0,0516 mol/L

Esercizio 2
La nota in fondo al testo indica chiaramente che la concentrazione è espressa in % p/v; di conseguenza l'assorbività specifica è espressa in (%p/v · cm)^-1.
Perciò la concentrazioni dei 100 mL finali di soluzione è:
C1 = 0,35 /540 (%p/v · cm)^-1 · 1 cm = 6,48·10^-4 % p/v
6,48·10^-4 % p/v · 100 mL = C2 · 10 mL
C2 = 6,48·10^-3 % p/v = concentrazione dei 250 mL di soluzione inizale
massa progesterone in 250 mL e in 0,05 g campione= 6,48·10^-4 g · 250 mL / 100 mL = 1,62·10^-2 g
% purezza del progesterone = 1,62·10^-2 g / 0,05 g · 100 g = 32,4 % p/p
M soluzione iniziale = 6,48·10^-3 g / 314 g/mol / 0,100 L = 6,02·10^-4 mol/L
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Fraaa35
La ringrazio moltissimo per l'aiuto, non mi è chiaro solo il seguente passaggio:
    M soluzione iniziale = 6,48·10^-3 g / 314 g/mol / 0,100 L = 6,02·10^-4 mol/L
Quando si calcola la Molarità ed in particolare le moli di progesterone perchè si usa  6,48·10^-3 g e non  1,62·10^-2 g?
Cita messaggio
È la stessa cosa!!!

M soluzione iniziale = 1,62·10^-2 g / 314 g/mol · 1000 mL / 250 mL = 6,02·10^-4 mol/L
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Fraaa35




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)