Praseodimio e sali
Lightbulb 
Forse qualcuno di voi si sarà scordato dei post sulle terre rare e forse qualcun'altro si starà chiedendo se l'iniziativa è stata abbandonata o meno. Beh, non ho abbandonato nulla e sto lavorando da un po' con Nd e Pr come avevo già detto. Per il primo, che non perderò occasione di maledire, ho ancora bisogno di tempo per ottenerlo in forma decente. Pr invece è "pronto" per essere posto alla vostra attenzione.

Ecco qui il metallo, 100g:

   

Da una ventina di grammi circa di metallo ho preparato il cloruro, con l'arcinoto "tuffo nell'acido":

       

Trattasi di un solido cristallino di un bellissimo verde che forma facilmente soluzioni sovrasature dalle quali cristallizza come ammasso per raffreddamento veloce. E' ovviamente igroscopico, ma comunque gestibile: con un po' di accortezze lo si tiene facilmente allo stato solido; una capsulina contenente del sale da utilizzare per il passaggio successivo l'ho tenuta aperta per una settimana e solo verso il 9° giorno PrCl3 ha incominciato a sciogliersi.
Ho notato però degli "annerimenti" superficiali sul cloruro e, dopo aver fatto qualche test, ho scoperto che conteneva una certa quantità, non troppo alta di Fe (la purezza del metallo superava il 99% e HCl era a grado analitico). E' bastato sciogliere il sale e far gorgogliare nella soluzione qualche lenta bollicina di O2 per un po' di tempo per ossidare tutto Fe2+ a Fe3+ che, trovandosi poi in difetto di ioni Cl-, è precipitato come idrossido. Dopo filtrazione, anche il Montequi ha dato esito negativo per Fe3+, mentre il mercaptoacetato d'ammonio ha negato la presenza di Fe2+. Anche il colore della soluzione era notevolmente migliorato:

   

La purificazione dal ferro è stata fatta solo sulla quota di cloruro che avevo deciso di utilizzare per il passaggio successivo. I restanti 20g di cloruro che ho ottenuto li ho conservati solidi senza purificazione, che eventualmente effettuerò con più calma in un altro momento.
Dal liquido della foto precedente ho preparato l'idrossido tramite aggiunta di un eccesso di NaOH e successivi sciacqui. Qui ho un consiglio da dare: per evitare, soprattutto con le terre rare, la formazione di soluzioni colloidali di idrossidi mooolto molto difficilmente filtrabili (pensare che queste soluzioni faticano ad inumidire la carta assorbente, tanto trattengono l'acqua!!), consiglio di versare direttamente molte scaglie di idrossido di sodio nella soluzione satura del sale da trasformare e aggiungere pian piano acqua, mescolando e scaldando a fiamma media. Occorre fare attenzione, perchè la soda può reagire violentemente con acqua calda, ma la maggior parte dell'idrossido si compatterà in una polvere sottile e uniforme, che precipita molto velocemente.
Ecco l'ossido di praseodimio (III), ottenuto per blando riscaldamento dell'idrossido:

   

Ma la destinazione ultima di quella parte di PrCl3 che non ho conservato non era Pr2O3, bensì l'altro ossido noto del praseodimio, Pr6O11, costituito da una miscela di Pr2O3 e PrO2.
E' bastato scaldare Pr2O3 con fiamma a butano in un crogiolo largo, che facesse entrare facilmente l'ossigeno atmosferico. La fiamma è conveniente indirizzarla sul fondo del crogiolo e non direttamente sull'ossido. La conversione sarà abbastanza veloce; è conveniente polverizzare preventivamente tutto il Pr2O3 e mescolare di continuo, fino a che non si otterrà una polvere di un color marrone scuro davvero molto bello, quasi nero, che pare vellutato. Purtroppo la foto non è riuscita a cogliere l'esatta tonalità di marrone, che è dovuta forse più ad un aspetto "cangiante" che ad un vero unico colore.
In foto i 6g di Pr6O11 che ho ottenuto:

   

Con il praseodimio non ho ancora del tutto terminato. Infatti non dimentico il favore che mi aveva fatto Chimico postandomi la procedura per la preparazione del complesso tra dibenzoilmetano ed Eu(III). La mia intenzione è di provare con Pr(III) e fermarmi al tris(1,3-difenil-1,3-propandion)acquopraseodimio (III). Vi farò sapere in una discussione a parte i risultati ottenuti, in caso siano positivi; altrimenti posterò qui un eventuale esito negativo. Ringrazio infine Al che mi aveva fornito preziosi consigli circa la preparazione dell'ossido di praseodimio (III,IV).
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
quimico, ale93, arkypita, Quicksilv3r, Beefcotto87, al-ham-bic, Nicolò, the-rock-91, fosgene
Molto interessante :-)
Il cloruro ha un colore veramente fantastico *Sbav*

Cita messaggio
Già belle le terre rare :-)

e non solo il cloruro ha quel bel colore ma anche l'idrossido!!
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
Il caro buon vecchio Cotton-Wilknson-Murillo-Bochmann, "Advanced Inorganic Chemistry" cita:
Solo pochi composti sono noti, essendo gli ossidi neri non-stechiometrici i più conosciuti, spesso formulati come Pr6O11, formati per riscaldamento di sali di PrIII o Pr2O3 all'aria.
"Pr6O11" si dissolve in acidi a dare PrIII(aq) e libera ossigeno, cloro, e così via, a seconda dell'acido usato.
Quando fluoruri alcalini miscelati nel corretto rapporto stechiometrico con sali di Pr sono scaldati in F2 a 300-500 °C, vengono ottenuti composti come NaPrF5 o Na2PrF6.
L'azione di HF anidro sull'ultimo produce PrF4, sebbene questo non possa essere ottenuto per diretta fluorazione di PrF3. C'è piccola evidenza che Pr(NO3)4 sia parzialmente formato per azione di N2O5 e O3 su PrO3.
Il praseodimio(IV) è un ossidante davvero energico: la coppia PrIV/PrIII è stata stimata possedere un potenziale di riduzione E0 di +2.9V. Questo potenziale è sufficiente affinché PrIV possa egli stesso ossidare l'acqua, così che la sua assenza in acqua non sia sorprendente.


Altre informazioni, giusto per completare la cosa:
Il praseodimio è un elemento chimico del 6° periodo, appartenente alla serie dei lantanidi e avente configurazione elettronica [Xe]4f35d16s2, numero atomico 59, peso atomico 140.907, m.p. 935 °C, b.p. 3017 °C e densità 6.7 g/cm3. In natura è presente un solo isotopo, il 141Pr, stabile; artificialmente sono stati ottenuti numerosi isotopi radioattivi a numeri di massa compresi tra 134 e 149, tutti a breve vita. Fu isolato nel 1885 come ossido da Auer von Welsbach a partire dalla cosiddetta didimia, miscela di ossidi di lantanidi (neodimio e praseodimio) proveniente dal minerale cerite dopo estrazione del lantanio e del cerio; il metallo fu preparato per la prima volta nel 1902 da Muthman per elettrolisi del cloruro fuso. Elemento piuttosto raro, è presente nella crosta terrestre in quantità di ca. 5 ppm (mai libero, ma in composti corrispondenti allo stato di ossidazione +3). A causa delle somiglianze nei valori di raggio ionico, è contenuto, insieme ai vari lantanidi e al lantanio, nei minerali del cerio, quali il fosfato monazite e il fluorocarbonato bastnaesite, i silicati allanite e cerite. Deve il suo nome (gemello verde) al colore verde dei suoi sali. Per separare il praseodimio dagli altri lantanidi e dal lantanio può essere usato il metodo di scambio ionico su resine in presenza di acido etilendiaminotetraacetico come complessante. Il praseodimio metallico può essere ottenuto per riduzione del trifluoruro anidro con calcio metallico, a 1000-1500 °C e sotto vuoto. Per elettrolisi di miscele fuse di alogenuri di lantanidi si possono ottenere direttamente le leghe come il cosiddetto didimio (ca. 24% Pr, 76% Nd) e il mischmetal (ca. 50% Ce, 22% La, 18% Nd, 5% Pr più altri lantanidi e Fe), quest'ultimo utilizzato quale agente disossidante e desolforante in metallurgia e in leghe piroforiche.
Il praseodimio è un metallo argenteo, paramagnetico a tutte le temperature, abbastanza tenero, duttile e malleabile. Chimicamente è assai reattivo e si ossida all'aria umida a t.a., per cui va mantenuto in atmosfera inerte; reagisce con gli acidi forti e deboli e con l'acqua (soprattutto a caldo) liberando idrogeno, mentre a temperature più elevate reagisce violentemente con gli alogeni e con questi tutti i non-metalli. Forma composti (generalmente di tipo ionico) in corrispondenza degli stati di ossidazione 2+, +3, +4; mentre lo stato +2 è pochissimo stabile, lo stato +3 (nel quale il praseodimio assomiglia molto a lantanio, cerio, neodimio) è quello che corrisponde alla maggior parte dei composti stabili (anche in soluzione acquosa), generalmente di colore verde chiaro. I composti del praseodimio corrispondenti allo stato +4 (che non possono esistere in soluzione acquosa) sono invece pochissimo stabili (meno dei corrispondenti composti del cerio) e agiscono da fortissimi ossidanti.
Il praseodimio e i suoi composti hanno impieghi piuttosto limitati.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Max Fritz, fosgene
Ti ringrazio molto quimico!
Sulla reattività del metallo, di cui ho dimenticato di parlare nel post iniziale, posso dire che all'aria reagisce con una certa lentezza. In acqua fredda la reazione è quasi invisibile, in acqua calda si nota con facilità.
Cita messaggio
infatti come detto reagisce di più a caldo in acqua. sulla reattività all'aria dipende dalle dimensioni... in fase massima come hai notato la reazione è lenta, se avessi polvere sarebbe diverso. ma questo già lo sai asd
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Ottimo lavoro... "as usual"... ;-)
Cita messaggio
Che invidia..
Ma ti pare giusto??? :-P
Ottimo lavoro davvero, anche se mi prende male... :-@
Cita messaggio
Grazia a tutti!!

Come promesso, vi presento il lavoro sul complesso tra Pr(III), acqua e dibenzoilmetano. Spero sia effettivamente riuscito, anche se non ho elementi certi per dirlo.
Ho seguito la procedura che mi aveva cercato Chimico, che ringrazio ancora molto!!
In un pallone a due colli da 250mL ho versato 48mL di acetone, 1,3g di dibenzoilmetano, 0,3g di KOH e 12mL di acqua. Ho montato a riflusso con refrigerante a serpentina e ho versato dal collo laterale, tramite imbuto gocciolatore, una soluzione di 0,74g di praseodimio (III) cloruro (2mmoli, calcolato sul prodotto eptaidrato) in 10mL di acqua. Ho poi sciacquato l'imbuto gocciolatore con pochi altri mL di acqua per assicurarmi che tutto il PrCl3 fosse finito nel pallone. Ho continuato il riflusso per 5 min. e ho lasciato raffreddare. A differenza di quanto diceva la procedura, il prodotto faticava a precipitare e ho dovuto far evaporare un po' di acetone e compensarlo con acqua, grattando contemporaneamente le pareti del pallone e raffreddando in bagno a ghiaccio per farlo precipitare definitivamente. In parte è precipitato come sostanza collosa/resinosa, che si è poi indurita. Il tutto è stato polverizzato, filtrato e sciacquato più volte con acqua distillata. Ho poi ricristallizzato da etanolo:acetone 1:1, ottenendo 1,02g di (mi auguro) tris(1,3-difenil-1,3-propandion)acquopraseodimio (III). Il prodotto si presenta come una polvere giallo scuro, inodore, solubile lentamente in acetone. Ad alte temperature non sembra decomporsi, ma fonde in una "melassa" arancione-giallastra, trasparente, che si indurisce per raffreddamento senza cristallizzare. E' leggermente fluorescente in giallo-verdastro agli UV-B, ma non presenta alcuna fluorescenza alla lampada di Wood.



AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
ale93
bravo bravo. figata.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)