Primo Levi, La chiave a stella
Photo 
[Immagine: lachiaveastella.jpg]

Questa la bellissima recensione scritta da Corrado Stajano in occasione dell'uscita del romanzo "La chiave a stella" di Primo Levi nel 1978:


.pdf  Recensione La chiave a stella.pdf (Dimensione: 31.77 KB / Download: 173)

E questo un piccolo assaggio del libro per invogliarvi a leggerlo tutto:


.pdf  Acciughe I e II, La chiave a stella.pdf (Dimensione: 126.69 KB / Download: 424)

D'altra parte, come scrisse Levi stesso in un racconto tratto da "L'altrui mestiere" del 1985:

Per tutti questi motivi, quando un lettore si stupisce del fatto che io chimico abbia scelto la via dello scrivere, mi sento autorizzato a rispondergli che scrivo proprio perché sono un chimico: il mio vecchio mestiere si è largamente trasfuso nel nuovo.


.pdf  Ex chimico, L'altrui mestiere.pdf (Dimensione: 11.22 KB / Download: 165)

[Immagine: Primo_Levi_La_Chiave_A_Stella_01.bmp]
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
myttex, ClaudioG., quimico, luigi_67, NaClO
Molto interessante la recensione allegata, grazie mille per la condivisione!



Cita messaggio
Grazie di questo consiglio per la lettura! Condivido con voi un disegno a china regalatomi anni fa da uno scienziato Reatino, con il quale andai da Saverio, un vecchio chimico Romano che ormai, data l'età, riesce solo (ci prova) a leggere il giornale.

   
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano valeg96 per questo post:
ClaudioG., quimico, luigi_67, myttex
(2016-09-10, 21:16)valeg96 Ha scritto: Grazie di questo consiglio per la lettura! Condivido con voi un disegno a china regalatomi anni fa da uno scienziato Reatino, con il quale andai da Saverio, un vecchio chimico Romano che ormai, data l'età, riesce solo (ci prova) a leggere il giornale.

Grazie Valerio, ma 'scienziato' e 'reatino' è un po' un ossimoro asd
Per la questione di Saverio ( <3 ), non badateci, è una lunga storia :-D Basti dire che è un vecchio chimico proprietario di uno storico negozio di prodotti chimici a Roma, e che è simpaticissimo (tipica simpatia romana), ma che non può leggere il giornale in pace a causa degli studentastri di scienze che curiosano nel suo magazzino asd

Tornando in topic, ho letto anch'io La chiave a stella, e posso confermare che è una lettura molto piacevole e, soprattutto, istruttiva. È, tra le altre cose, un elogio al lavoro, una analisi ben congegnata dell'effetto che ha un mestiere che ci appassiona sulla nostra vita. 
Ricordo bene il tratto in cui Levi spiega in due parole il suo mestiere a Faussone, operaio specializzato che gira il mondo per montare ponteggi e gru.
Da leggere, insieme, ovviamente, a Se questo è un uomo, La tregua e Il sistema periodico.

"Si sa che il lavoro addolcisce la vita, il problema è che non a tutti piacciono i dolciumi" V. Hugo, sempre lui :-)
"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima." V. Hugo, I Miserabili.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ClaudioG. per questo post:
NaClO
Ieri sera in libreria, guardando tra i libri di Levi, l'avevo visto ed ero indeciso se prenderlo. Alla fine ho optato per "Ranocchi sulla luna" sempre di Primo Levi. Comunque prima di leggerlo devo finire le 860 pagine di "Dialogo sora i due massimi sistemi del mondo" per il quale mi ci vorrà un po'. Finiti questi due libri lo leggerò volentieri.
Cita messaggio
Mi sa che non ce l'ho. Devo procurarmelo in libreria... Ahi ahi. Non è da me.
Grazie Luisa delle dritta.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Oggi sono in vena di OT... perdonatemi, ma ci sta con Primo Levi ;-)

La mia foto del profilo è stata scattata nel Laboratorio di Chimica Analitica con una classe terza nell'a.s. 2007-2008. Era maggio, faceva già caldo, e in laboratorio ancora di più.
Inizio la lezione pomeridiana alle 14 in classe; due studenti, presenti fino alle 13, mancavano. Arrivano, in ritardo, tutti trafelati dopo un quarto d'ora.
- Beh, è l'ora di arrivare???
- Prof, ci scusi, ma è stato per una buona causa, la vuole sapere?
- Ovvio, è il minimo che possiate fare...
- È maggio, c'è caldo, siamo stanchi... la classe ci ha chiesto di andare da Blockbuster a cercare un film su Primo Levi... volevamo convincerla a non fare lezione oggi, ma non l'abbiamo trovato e abbiamo anche fatto tardi...
- Alle 16 (un'ora prima del previsto) tutti in gelateria... paga la prof!!!


.pdf  Tra palco e realtà.pdf (Dimensione: 20.26 KB / Download: 49)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
RhOBErThO, ClaudioG.
Che bella vicenda :-D
Ma come mai facevate lezione anche di pomeriggio?
_________________________________________
When you have excluded the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Cita messaggio
Si facevano ancora 36 ore settimanali, e prima ancora se ne facevano 38 ;-)

Ho scoperto dopo che, in realtà, un film su Primo Levi c'era:

https://it.wikipedia.org/wiki/La_tregua_(film_1997)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
E poi come andò a finire?ti avevano raccontato una balla? Sono curioso

Pace non trovo, et non ò da far guerra.


Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)