Problema sulla basicità delle ammine
Ciao a tutti, ho un dubbio riguardo questo esercizio, dove bisogna determinare 'quale dei seguenti composti presenta l'azoto più basico':
[Immagine: ammine.jpg]

Io credo che la risposta giusta sia la D, poiché si tratta di un'alchilammina 3a (R3N), e dunque, essendo più sostituita, i gruppi alchilici elettron-donatori legati ad N ne vanno ad aumentare la basicità. E' un ragionamento corretto?
Ho però un dubbio: volendo fare un ordine di basicità, come mi devo muovere? Cosa devo considerare?

Grazie in anticipo a chi mi aiuterà! O:-)
Cita messaggio
Ciao,

La struttura D è una N-acil ammina (nella fattispecie, la N-acetil pirrolidina). Siamo d'accordo che è un'ammina trisostituita ma è presente un gruppo elettron-attrattore (il gruppo acetilico), il resto è elettrondonatore che sono i gruppi alchilici dell'anello. Tra i vari candidati, non è la struttura più basica. La molecola A (pirrolidina) è quella più basica poichè il doppietto è localizzato sull'atomo di azoto (maggiormente rispetto alle strutture B, C e D nelle quali sono presenti almeno un gruppo acilico che è elettronattrattore)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Ale985 per questo post:
Silvia95
Ciao Ale985, ti ringrazio tantissimo per la risposta! Sì, ho capito dopo aver postato che la D non poteva assolutamente essere la struttura con l'azoto più basico proprio a causa del gruppo elettron-attrattore a cui è legato. A tal proposito, ho disegnato le sue strutture di risonanza, posso chiederti se sono corrette? https://i.ibb.co/zQGsGqM/20210708-125151.jpg
Inoltre, ho capito che la pirrolidina è la più basica per ciò che hai scritto, vorrei chiederti però invece come posso capire l'ordine generale di basicità (B è più o meno basica di C?). Non so inoltre se si possono disegnare strutture di risonanza anche per le altre strutture.
Cita messaggio
Ciao,

sì sono corrette, occhio perchè la struttura in basso a destra è la stessa struttura della prima a sinistra. Il fatto che tu abbia disegnato la freccia di spostamento degli elettroni non la differenzia da quella in basso a destra.
In linea di principio, il concetto cardine da cui partire è quello che descrive la basicità alla natura elettronica dei sostituenti. La basicità dell'atomo di azoto è influenzata dalla natura dei sostituenti a cui esso è legato (sia per effetto induttivo sia, quando possibile, per effetto di risonanza) e dallo schema di ibridazione dell'atomo di azoto stesso, poichè la sua disponibilità a stabilire il seguente equilibrio con i protoni:
N: + H+ <-> NH+
dipenderà dalla disponibilità del doppietto (più è delocalizzato il doppietto nel resto della molecola, meno sarà disponibile per la protonazione)
Quindi, maggiore è il numero di gruppi elettronattrattori opportunamente presenti nella molecola, minore sarà la basicità poichè il doppietto sarà delocalizzato sui gruppi a richiamo elettronico. Di converso, i gruppi elettron donatori aumentano la densità elettronica del sistema ed eventuali doppietti non condivisi preferiranno rimanere localizzati sugli atomi di appartenenza.
Detto questo, lascio a te il prosieguo del problema. Potresti individuare per primi gli "estremi", ovvero la struttura più basica e quella meno basica in assoluto e poi sistemare le situazioni intermedie..-.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Ale985 per questo post:
Silvia95
Riprendendo la tua domanda, le strutture di risonanza le puoi disegnare per qualsiasi struttura, sempre se è possibile.
Nelle strutture B (succinimmide) e C (pirrolidone) puoi disegnare le strutture dove il doppietto dell'azoto è delocalizzato sui due gruppi carbonilici...è logico attendersi che due gruppi elettronattrattori diminuiscano la basicità in misura superiore rispetto ad un solo gruppo..poichè il doppietto, anziché essere delocalizzato su un solo C=O, lo è su due C=O.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Ale985 per questo post:
Silvia95




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)