Raffreddamento acqua per refrigerante
Buongiorno,
Sto pensando di fare un sistema per utilizzare i refrigeranti anche dove non ho possibilità di acqua corrente. La mia idea era quella di utilizzare una pompa da acquario immersa in acqua in un contenitore metallico sul cui fondo è attaccata una cella peltier con relativo dissipatore e ventola per refrigerare l'acqua in circolo. Non so se qualcuno ha già provato una cosa simile ho se ha già usato una di queste celle e possa darmi qualche consiglio.

Ps. So che può sembrare una richiesta egoistica e da yahoo answer ma credo che possa essere utile un po' a tutti quelli che facendo questo a casa in un angolo disponibile magari si trovano in difficoltà proprio con l'acqua per i refrigeranti.
Cita messaggio
Se per refrigeranti intendi l'acqua che circola in un liebig o allhin non c'è certo bisogno di refrigerarla (a meno che tu non abbia da distillare sempre acetaldeide... *Si guarda intorno* ).
Il sistema del secchio e della pompa, basta che abbia la prevalenza necessaria e una minima portata, funziona benissimo.

In ogni caso dimentica totalmente le Peltier per questo uso: tenuto conto della capacità termica dell'acqua che servirebbe raffreddare, le dispersioni e tutto il resto ti ci vorrebbe un contatore della luce dedicato solo a questo lavoro... azz!
Le Peltier sono eccezionali, ma hanno un rendimento termico (verso il fredddo) schifoso!
Puoi vedere esattamente questo lavoro sul forum cercando il mio post "Peltier cooler" (giugno 2009).
Cita messaggio
Io avevo in mente si usare invece della cella Peltier un sistema a serpentina recuperato da un frigorifero, con tanto di compressore e scambiatore, un contenitore per il liquido, una pompa da acquario e qualche tubo. L'acqua non è adatta però, occorre almeno una miscela glicole (o glicerolo) - acqua. Poi ho abbandonato l'idea e ho telefonato all'idraulico. Dopo due ore avevo acqua fresca girando la soluzione di un rubinetto! ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Non è comunque sempre possibile fare lavori idraulici del genere.
Faccio notare che l'esigenza è quella di supplire alla mancanza di acqua corrente, non di costruire un impianto refrigerante in piena regola.
Come è già stato premesso le celle di Peltier hanno un basso rendimento, ma possono pur sempre aiutare.

Per gli amanti del fai da te segnalo che:
Le celle di Peltier sono utilizzate nei frigo portatili che senza grandi modifiche potrebbero diventare un secchio refrigerante. Il consumo, ma anche l'efficacia di queste macchine è ridotta, ma costituiscono una soluzione quasi pronta (con tanto di isolamento) per prolungare il potere refrigerante della soluzione. La versione più semplice potrebbe prevedere l'acqua di raffreddamento dentro al frigo con una pompa da acquario per il rilancio e un paio di fori nella cassa del frigo per la mandata e l'aspirazione. Ci si può aiutare mettendo ghiaccio o siberine nel frigo prima di iniziare.

Ho letto un'articolo sulla costruzione di un sistema un po' più evoluto con cui un acquariofilo refrigera la sua vasca (le potenti lampade di certi acquari cedono parecchio calore):
http://www.acquaportal.it/ARTICOLI/AGGIO...efault.asp
E' un frigo portatile con dentro un serpentino in plastica aderente alle pareti. Secondo me il sistema può essere migliorato disponendo il serpentino al centro (di solito è il coperchio che contiene le celle di Peltier, non le pareti) e riempiendo il frigo con un liquido (acqua, soluzione salina, glicole ecc...) che ha lo scopo di provvedere ad una certa inerzia termica.
Per completare l'opera sono da tenere presenti un altro serbatoio (nel frighetto c'è un altro liquido) ed uno scambiatore di calore (acqua-aria) in uscita dallo strumento da raffreddare per estrarre una prima quota del calore.

Si accende per tempo il frigo che inizierà ad estrarre calore dalla massa raffreddante (ci vuole molto tempo con questi frighi). Quanto di inizia il lavoro una pompa farà ricircolare e le celle di Platier contenute nel frigo daranno una mano a prolungare il raffreddamento.


Efficacia ben diversa si ottiene invece con un impianto frigorifero in piena regola, ma i lavori di adattamento saranno ben più importanti.
Dipende tutto da quanto calore abbiamo bisogno di scambiare nello strumento da refrigerare.
Cita messaggio
Frighi? *Si guarda intorno* Frigoriferi casomai. Mi è nuova questa parola.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2012-07-01, 18:55)quimico Ha scritto: Frighi? *Si guarda intorno* Frigoriferi casomai. Mi è nuova questa parola.
Non è proprio quello che si dice un neologismo!
http://www.dizionario-italiano.org/Frigo
http://www.wordreference.com/definizione/frigo
http://dizionari.corriere.it/dizionario_...rigo.shtml
:-)
Cita messaggio
Acua però non si può leggere... -.-'
Cita messaggio
Però il plurale di frigo è ... frigo, non frighi; come moto, foto ecc.
Cita messaggio
Infatti, il plurale di frigo resta frigo. O almeno così mi hanno sempre insegnato.
Va beh, sono questioni di lana caprina asd Scusate.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Ops, scusate, questioni di lana caprina corrette: le ho sistemate in rosso così faccio pubblica ammenda. Blush Almeno nei contenuti nulla da dire, almeno per ora. ;-)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)