Reattivo di Caron Raquet per il Bario
Non credo che abbiate mai parlato in questo forum (almeno suppongo) del reattivo di Caron Raquet che io ho utilizzato in qualitativa quando mi divertivo ad analizzare in gioventù i minerali che riuscivo a reperire nei mercati oppure che avevo la fortuna di trovare personalmente.

Il reattivo permette l’identificazione del bario fino a 10 ppm ed ha una grande specificità per questo elemento. Si prepara in questo modo:

Sciogliere 10g di bicromato di ammonio (NH4)2Cr2O7 in acqua, aggiungere NH4OH concentrato (circa 7,5 ml) e aggiungere cautamente 5 ml di acido acetico glaciale. Diluire ad 100 cc. Assicurarsi che la colorazione del reattivo sia nettamente gialla, altrimenti bisogna aggiungere altra ammoniaca. Il reattivo di Caron Raquet è pronto.

Una soluzione acetica in cui si sospetta la presenza di Bario deve essere riscaldata tenuemente a bagnomaria. Appena è ben tiepida bisogna aggiungere goccia a goccia il reattivo ottenendo un precipitato giallino di cromato di bario.

In soluzione acetica potete stare certi che precipita solamente il bario poiché lo Stronzio (anch’esso sensibile a questo reattivo) ha un prodotto di solubilità diverso.

Interferiscono un po’ il potassio e lo ione ammonio se presenti in forte quantità.

Nella speranza di avervi dato qualche informazione utile (vedo e leggo che siete tutti molto preparati) prendo congedo da voi salutandovi molto affettuosamente.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ENNIO VOCIRZIO per questo post:
B-lab, GabriChan, al-ham-bic, Max Fritz, Christian, jobba
Egr. Sig. Vocirzio
mi sono permesso di aggiungere alcuni commenti alla sua ottima presentazione:

Il reattivo permette l’identificazione del bario fino a 10 ppm ed ha una grande specificità per questo elemento.
Diciamo che è specifico all'interno del V gruppo analitico. Penso che nelle condizioni del test precipitano pure il piombo e probabilmente anche l'argento.

..............................................................................................


..............................................................................................

Interferiscono un po’ il potassio e lo ione ammonio se presenti in forte quantità.
Questa mi giunge nuova. Ne è sicuro? L'ammonio poi, con tutto quello già presente nel reattivo .....

..............................................................................................


saluti
Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Dott.MorenoZolghetti, ENNIO VOCIRZIO, jobba
(2012-05-13, 18:50)Mario Ha scritto: Egr. Sig. Vocirzio
mi sono permesso di aggiungere alcuni commenti alla sua ottima presentazione:

Il reattivo permette l’identificazione del bario fino a 10 ppm ed ha una grande specificità per questo elemento.
Diciamo che è specifico all'interno del V gruppo analitico. Penso che nelle condizioni del test precipitano pure il piombo e probabilmente anche l'argento.

..............................................................................................


..............................................................................................

Interferiscono un po’ il potassio e lo ione ammonio se presenti in forte quantità.
Questa mi giunge nuova. Ne è sicuro? L'ammonio poi, con tutto quello già presente nel reattivo .....

..............................................................................................


saluti
Mario

Quoto in pieno i suoi commenti e la ringrazio moltissimo.

Il problema dell’ammonio si riferisce al fatto che essendo il test praticato ad una soluzione che fuoriesce dal “V” gruppo analitico potrebbe essere essa stessa troppo concentrata di ammonio, in quel caso potrebbero verificarsi problemi.

Per il resto accolgo le sue precisazioni con entusiasmo e la ringrazio mi creda vivamente.

Saluto ovviamente lei e tutti gli altri amici
Cita messaggio
Senza voler apparire scortese con chi non lo è, mi occorre essere corretto con tutti e quindi sta di fatto che l'ammonio non interferisce esattamente come non interferisce il potassio.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
jobba
(2012-05-13, 20:23)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Senza voler apparire scortese con chi non lo è, mi occorre essere corretto con tutti e quindi sta di fatto che l'ammonio non interferisce esattamente come non interferisce il potassio.

Ho la sensazione che devo darvi ragione ad entrambi.
Mi scuso molto,….ovviamente.

Ma avete ragione.

Non ho capito da dove ho fatto saltar fuori questa cosa.

Sto leggendo Tuccari Parigi (Chimica Analitica qualitativa) dove ritenevo di aver raccolto quella procedura, ma sfogliando le pagine mon trovo niente.

Credo di essermi sbagliato allora.

Vi chiedo umilmente scusa,…e ovviamente ringrazio entrambi per questa correzione che dovrò apportare subito al mio quaderno delle note.

P.S. non riesco a mettere la faccina ma vi assicuro che sono indeciso fra quella con le guance rosse o quella che si batte la fronte.
Ancora scuse

Un Abbraccio
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)