Reazione anomala NaOH + H2O2
Non ho detto sapere "tutto", ma qualcosa ;-) Il sistema di cristallizzazione può aiutare ad identificare la sostanza (cubica, a facce sfalsate, ecc...)
Cita messaggio
sì ma ad occhio nudo o max al microscopio si capisce sì qualcosa ma non aspettarti chissà cosa.
dipende fortemente da come cristallizzi e dall'esperienza. non ti dico io per cristallizzare decentemente alcuni prodotti di modo da farci diffrattometria a raggi X. da bestemmie.
Cita messaggio
(2010-01-05, 19:27)NaClO3 Ha scritto: davvero, cioè dalla forma dei cristalli si può capire che robaccia sia?
sapevo dalla rifrazione con il rifrattometro!
ma dalla struttura no, in ke modo si fa?

bè teoricamente ogni composto cristallizza sempre in maniera uguale (es NaCl cubico, CuSO4 triclino)così se sei indeciso su due composti che cristallizzano diversamente ecco un modo (quasi) semplice per capire di quale si tratta...
dico quasi perchè la cristallizzazione deve essere fatta bene altrimenti è inutile....
MORE INFO
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
Sì, l'H2O2 si decompone diminuendo la sua concentrazione e abbassando la temperatura riduco questo fenomeno. E' conservata in una bottiglia di vetro ambrato. Il cilindro è in borosilicato e so che il vetro ha problemi con alcali concentrati, ma quando gli alcali iniziano ad attaccarlo ci si accorge che la superficie interna diventa opaca. Il cilindro invece è ancora perfettamente lucido. Mi chiedevo allora: potrebbe la bassa temperatura diminuire la solubilità dell'idrossido fino a farlo cristallizzare?
P.S.: i cristalli sono lamellari, piccoli, esagonali e non particolarmente pesanti, dato che precipitano lentamente. L'aspetto ricorda proprio l'ac. acetico puro quando ghiaccia.
Cita messaggio
Io invece penso che la miscela NaOH + acqua ossigenata abbia attaccato il tuo vetro al borosilicato formando del perborato che si è depositato come solido bianco, analogamente a quanto accade quando il borace reagisce con H2O2. In questo caso la tua reazione è stata accelerata dalla presenza della base.

Un'altra ipotesi è che la base abbia reagito con lo stabilizzante presente nella tua H2O2 (è un prodotto di farmacia e contiene sempre uno stabilizzante per farlo durare più a lungo) anche se ci credo meno visto che, a quanto pare, la produzione di cristalli è stata piuttosto abbondante.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Zardoz per questo post:
Max Fritz
A quanto pare ora non lo fa più. Gli esperimenti condotti oggi non hanno prodotto cristalli se non tramite aggiunta di acido cloridrico (che era lì in giro per la produzione di cloro). Penso che abbia formato clorato o perclorato di sodio, entrambi poco solubili. L'ipotesi del borosilicato non mi convinceva più che altro per le quantità di cristalli ottenuti, voglio dire, il vetro doveva risultare molto malmesso se era stato così fortemente intaccato.
P.S.: Grazie comunque per l'aiuto ;-)
Cita messaggio
(2010-01-06, 13:41)Max Friz Ha scritto: A quanto pare ora non lo fa più. Gli esperimenti condotti oggi non hanno prodotto cristalli se non tramite aggiunta di acido cloridrico (che era lì in giro per la produzione di cloro). Penso che abbia formato clorato o perclorato di sodio, entrambi poco solubili. L'ipotesi del borosilicato non mi convinceva più che altro per le quantità di cristalli ottenuti, voglio dire, il vetro doveva risultare molto malmesso se era stato così fortemente intaccato.
P.S.: Grazie comunque per l'aiuto ;-)

non credo proprio che si possa ossidare a tal modo il cloro, da -1 a +5 e +7.

poi il clorato di sodio è un sale solubile quasi come l'Idrossido si sodio

NaClO3=1010g/l 20°C
NaOH=1090g/l 20°C

il perclorato lo è in modo simile!

di sicuro non si tratta ne di clorati ne di perclorati!!

neanchhe di Idrossido vista la sua solubilità!
po mi se,mbra strano il fatto che gli alcali forti in soluzioni concentrate attaccano il vetro.
sapevo solo che NaOH fuso rendeva il vetro silicato di sodio corrodendolo!
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano NaClO3 per questo post:
Max Fritz
Le basi attaccano sempre il vetro, soprattutto se concentrate, ovviamente non si parla di un processo veloce. Altrimenti mi pare inutile che i chimici da decenni lavino la vetreria in potassa alcolica (che oltre all'azione solvente dell'etanolo e del KOH per sé sulle molecole organiche, si magna micron superficiali permettendo un più facile distacco dello sporco).
La superficie del vetro la vedi opaca dopo svariato tempo (e più opaca è più il vetro è mangiato) e solo quando la asciughi ma se ci lasci la soluzione dentro hai voglia a vederla così, per via di indice di rifrazione e menate varie.

Se pensi che nel pyrex c'è circa il 4% di boro (ovvero circa il 12% di B2O3), l'ipotesi della formazione del perborato non è poi tanto sbagliata. Che ora non si formi più vuol dire che ti sei portato via la maggior parte del B superficiale.
Penso al boro piuttosto che ai silicati per via del fatto che hai usato NaOH relativamente concentrato, un ambiente che ne favorisce la dissoluzione.

Dubito che l'H2O2 sia arrivata ad ossidare HCl fino ai clorati, hanno E° abbastanza simile e spannometricamente dalle concentrazioni e, soprattutto, dal pH (ricordati che sei a pH > 7 e le redox eventualmente in gioco avvengono in ambiente acido) non credo sia successo. Al massimo può essersi formato ipoclorito. Visto che cmq la loro produzione passa attraverso il Cl2, ne hai sentito l'odore?

Piuttosto penso che l'acido aggiunto ti abbia precipitato quei silicati (sotto forma di vari acidi silicici) di cui ho parlato prima.
Cita messaggio
(2010-01-06, 13:41)Max Friz Ha scritto: A quanto pare ora non lo fa più.... Penso che abbia formato clorato o perclorato di sodio, entrambi poco solubili.

Che oggi (nè domani...) non lo faccia più è molto significativo... pulire sempre bene la vetreria e usare reagenti affidabili!
(Forse la soda era addirittura molto carbonatata, eccetera).
Riguardo i sali del cloro V e cloro VII (in questo periodo vanno molto di moda *Fischietta* ) non azzardiamo ipotesi che non stanno nè in cielo nè in terra...! *help* *help*
Cita messaggio
fantachimica del cloro O_O
sarà come ha ben spiegato zardoz.
questa mania di voler sempre tirare in ballo clorati e perclorati. mobbasta però.
io di mio ho provato unicamente l'acido perclorico per pre attaccare dei sedimenti bastardi e per fare, in un'altra occasione, un complesso di Cu(I).
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)