Reazione inaspettata composto siliconico con acido cloridrico.
Buona sera a tutti.
Cercando di rimuovere il calcare accumulatosi in una caldaia ho immerso
il tutto in soluzione 10% di acido cloridrico.
Sulla caldaia vi erano residui di pasta termica, 
questa pasta solitamente é a base di argento e silicone.
Il tutto ha reagito emanando uno strano odore di zolfo.
Dopo 10 minuti di immersione tutte le parti metalliche erano 
state perfettamente ricoperte dalla pasta come avviene disolito per galvanizzazione.
Un sottile strato di pasta difficile da rimuovere.
La mia domanda é, posso rimontare la caldaia e tornare a bere il caffé che produce o potrebbe essere pericoloso?
Questo trattamento é comunemente usato o dovrei studiarlo per verificare se fosse utile a qualcosa?
Grazie atutti i lettori  ;-)
Cita messaggio
[Immagine: bPc3V6.jpg]
ecco il risultato, non si é legato ne all'alluminio ne all'ottone delle rubinetterie, solo all' acciaio della caldaia.
Il pezzo prima era color acciaio appunto, ora verte sul grigio brunito
Cita messaggio
- Discussione Spostata da "I Vostri Esperimenti". -
Fai attenzione a scegliere la sezione giusta, così potrai ricevere aiuto in maniera più celere. :-)
Cita messaggio
L argento è inerte al cloridrico, probabilmente è avvenuta una redox tra i vari metalli e il risultato è quello che vedi.
Comunque è strano che l ottone non si sia pulito con HCl, dalka foto non sembra essere stato a contatto con l acido.
Cita messaggio
Mi sbaglierò ma credo che lo strato superficiale della caldaia sia stato semplicemente attaccato dall'acido. Utilizzare il cloridrico per questa operazione non è stata una buona idea.
Un saluto
Luigi
Cita messaggio
Oddio. Hai rimosso con HCl diluito del calcare? E vorresti tornare a bere caffè?
Ma usare i prodotti a base di acido lattico in commercio no? Troppa fatica? Sono fatti apposta...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)