Rendimento in chimica ?
Data la reazione di equilibrio : 
C(s) + 2H2(g) <=> CH4(g) 
che ha luogo alla temperatura di 1000 °C ed alla pressione, mantenuta costante per tutto il corso della reazione, di 1 atm, determinare all'equilibrio : 
a) Il grado di avanzamento della reazione; 
b) Il numero di moli delle diverse specie; 
c) Il rendimento nCH4/H2 ; 
d) Il volume, in litri, occupato dalla miscela di gas. 
Si tenga presente che alla temperatura di 1000 °C è Kp=0,263 e che il numero di moli iniziali di C e di H2 è rispettivamente 2.00 e 3.00. Si consideri per i gas un comportamento ideale.


Ho difficoltà nel punto c). 
Io ho calcolato i vari numeri di moli : 
nCH4 = 0.453 moli 
nH2 = 2.09 moli 
ntot = 2.547 moli 
nC = 1.547 moli 

Il rendimento il libro me lo calcola in questa maniera : 
n(CH4/H2) = (n'CH4/n*CH4)X100 = (0.453/1)X(2/3)X100 = 30,2% 

Ora la mia domanda è la seguente : cosa indica n'(CH4) e n*(CH4) e da dove escono l'1 al denominatore e il 2/3 ?
Cita messaggio
Nella reazione in oggetto l'H2 è il reagente limitante perché:
2,00 mol C / coefficiente stechiometrico C = 2,00 / 1 = 2,00
3,00 mol H2 /coefficiente stechiometrico H2 = 3,00 / 2 = 1,5

Se tutto il reagente limitante si fosse trasformato in CH4 si sarebbero ottenute:
2 mol H2 : 1 mol CH4 = 3,00 mol H2 : x
x = resa o rendimento teorico = 3/2 mol CH4

Poiché si sono ottenute 0,453 mol di CH4, la resa o rendimento pratico percentuale è:
3/2 mol CH4 : 0,453 mol CH4 = 100 mol CH4 : x
x = rendimento pratico % = (0,453 · 100)/(3/2) = 0,453 · 2 · 100 / 3 = 30,2%
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa, Vincenzo98




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)