Rigenerazione del Cloruro Ferrico (FeCl3)
Capisco.
Ci sarebbe anche la soluzione più pratica del gesso. Si ingloba il tutto in un globetto di gesso e si ottiene così un rifiuto solido che sicuramente è meglio di quello liquido.
Cita messaggio
E poi cosa te ne fai? Liquido non terresti nulla, anche la soluzione di cloruro ammonico, basta farla asciugare!!
Cita messaggio
(2011-01-13, 23:01)Beefcotto87 Ha scritto: E poi cosa te ne fai? Liquido non terresti nulla, anche la soluzione di cloruro ammonico, basta farla asciugare!!

beh poi dovrei gettarla tra i rifiuti solidi, o meglio ancora portarla in un'isola ecologica.

E' vero facendo bollire la soluzione otterrei rifiuti solidi meno ingombranti. Però non mi piace l'idea del rilascio di gas tossici (mai fatto prima d'ora) e non so se la mia bacinella in vetro pyrex possa resistere a lungo al calore del fornellino elettrico. Beh valuterò il da farsi nei prossimi giorni.

Detto questo, mi sono chiesto nel frattempo cosa accada alla soluzione esausta di cloruro ferrico quando viene "riattivata" con l'acido solforico o con il mix di acido muriatico e acqua ossigenata. Ovvero, dato che di rigenerazione non si tratta, perchè la soluzione recupera comunque il potere corrosivo? Nel caso di HCl + H2O2 posso immaginare che siano solo questi ultimi a reagire con il rame corrodendolo, ma per quanto riguarda l'H2SO4? Anche in questo caso è solo l'acido addizionato a fare il lavoro, o il FeCl3 fa comunque la sua parte?
Cita messaggio
l'H2O2 ossida il rame a CuO che viene sciolto dagli acidi! Se è presente Ferro(II) probabilmente l'H2O2 ossidera anche questo a Fe(III) e questo ossiderà a sua olta il rame riducendosi...
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)