Semplice depurazione parziale etanolo commerciale
Salve, vorrei proporre una brevissima e molto semplice guida su come decolorare l'etanolo che viene venduto al supermercato. L'etanolo così ottenuto è sempre denaturato quindi non lo si può usare per usi alimentari, rimane la concentrazione di acqua preesistente e non è ottimo per sintesi organiche in quanto oltre ad EtOH e H2O contiene disciolte altre sostanze. Però è ottimo ad esempio per lavare i sali inorganici (questo metodo viene utilizzato nel laboratorio di inorganica del primo anno nell'università che frequento). Infatti i sali una volta sintetizzati e filtrati in genere contengono molta acqua quindi è consigliabile un lavaggio con etanolo, invece di sprecare etanolo ad alte concentrazioni o alimentare che costano di più basta quello denaturato le cui impurezze residue, una volta evaporato sono veramente trascurabili. L'nico svantaggio di usare "l'alcol rosa" è che se il sale è bianco, dopo il lavaggio diventa rosina.
In cosa consiste il metodo: basta filtrare l'alcol comprato al supermercato con uno di quei filtri (di dubbia utilità) che adesso vanno di moda per depurare l'acqua venduti sia insieme alla caraffa che singolarmente. un filtro basta per litri e litri di etanolo. Il filtro una volta usato non va usato per depurare l'acqua da bere. con filtri nuovi consiglio di fare un paio di passaggi con acqua perchè il carbone interno potrebbe sporcare la soluzione, quando il filtro inizia ad essere esaurito si troveranno nuovamente piccoli pezzetti carbone nel filtrato.

Vi allego un'immagine; spero che, nonostante la semplicità del metodo, questa guida vi possa essere utile, specialmente a chi inizia ad affacciarsi al mondo della chimica e non sa dove reperire sostanze più o meno pure.


AllegatiAnteprime
   
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano theiden per questo post:
Marzio, NaClO
Potresti dirmi dove trovare questi filtri?
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio
In un centro commerciale qualsiasi,predni una bella caraffa hai carboni.. e sei a posto.


Cita messaggio
(2012-04-28, 13:25)jobba Ha scritto: In un centro commerciale qualsiasi,predni una bella caraffa hai carboni.. e sei a posto.

caraffa hai carboni?! e che è? *Si guarda intorno*
Cita messaggio
basta comprare il carbone attivo piuttosto che questi filtri...che sicuramente costano più del semplice carbone...
Cita messaggio
Già, Chimico può ben dirlo forte:
dal vivaista 1kg di carboni attivi fanno 13€.
Quei filtri saranno dai 7-8€ in su.
Cita messaggio
mi sembra, ma non ne sono sicuro, che vengano venduti a pacchi di 2 a 10€. certo se compri il carbone attivo risparmi ma devi fare filtro e poi recuperarlo, lì è già tutto fatto ed è semplicissimo da trovare, il prezzo pio dipende dalle marche. aprendo il filtro si vede sia del carbone che dei pallini bianchi che non so cosa siano.
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
Spesso questi filtri contengono carboni attivi per la depurazione dell'acqua da parte di possibili sostanze organiche presenti (solventi, pesticidi ecc ecc) e resine a scmabio ionico per abbattere lo ione calcio presente, che insieme allo ione magnesio determina la durezza dell'acqua.

Quelle palline bianche che vedi potrebbero essere resine a scambio ionico ma più probabilmente sono semplici palline polimeriche inerti che impediscono l'eccessiva "serratura" del carbone e facilitare così il passaggio dell'acqua in esso (di solito resina ionica e carbone attivo sono separati come da immagine).

[Immagine: filtro_purella.jpg]
Descrizione apparato casalingo per la depurazione dell'acqua
Chemistry4888
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Chemistry4888 per questo post:
jobba
Io son vecchia scuola: se devo usare carbone attivo uso quello sfuso, faccio bollire sotto agitazione e poi filtrazione su letto di Celite. Non amo queste cose.
Comunque alla fine questo metodo cosa elimina? Il colorante, magari 1po' di bitrex...
E in università vi facevano usare questo metodo per aver dell'etanolo? Io non userei neanche per un laboratorio del 1° anno quell'etanolo *Si guarda intorno* dai!
Capisco che gli alcoli costino anche troppo ma se serve una certa purezza anche in sali inorganici non sono adatti questi succedanei. No?
Senza contare che togli l'acqua ma poi ti ritrovi sostanze come il tiofene *help*
Visto che siamo in argomento, più o meno, a nessuno è mai venuta la malsana idea, potendo, di mettere un piccolo pezzo di sodio metallico nell'alcole etilico rosa?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
A me, quimico, ma invece del sodio che toglie solo acqua, uso CaO.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)