Sintesi Blu di Prussia
Salve, vi presento una sintesi abbastanza semplice,realizzabile anche da chi,come me, dispone di scarse attrezzature (vetreria in primis azz! ) senza l'impiego di reagenti pericolosi o particolari DPI (bastano guanti in lattice per maneggiare FeCl3 e un paio di occhiali in policarbonato) e senza la risulta di sottoprodotti di reazione inquinanti o difficilmente conferibili ad uno smaltimento appropriato.

Materiali occorrenti:
Reagenti
Potassio ferrocianuro K4[Fe(CN)6]*3H2O ( prussiato giallo triidrato)
Cloruro ferrico (FeCl3) anidro :corrosivo: (le eventuali macchie generate da FeCl3 possono essere agevolmente rimosse con soluzione diluita di NaHSO4 ).
Sodio idrossido NaOH soluzione N/10
Acqua distillata.

Vetreria:
2 beaker da 100 ml
Imbuto Buchner
Beuta codata
Carta da filtro rapida
Mortaio con pestello
Pompa da vuoto ad acqua.

Procedimento.
Prepariamo in un beaker una soluzione pesando circa 4,17 gr. di potassio ferrocianuro in 20 ml di acqua distillata e nell'altro beaker una soluzione di circa 11,1 gr di FeCl3 in 60 ml di acqua distillata agitando fino a completa dissoluzione del sale ( è necessario un eccesso stechiometrico di Fe3+ per portare alla formazione della forma insolubile)
Versare nella soluzione di Fe3+ la soluzione di ferrocianuro potassico sotto costante agitazione, montare l'apparato di filtrazione buchner su beuta codata ,ritagliare la carta da filtro a misura imbuto e versarvi lentamente il contenuto miscelato in precedenza.
La filtrazione dovrebbe essere moderatamente rapida,troveremo sulla carta da filtro il nostro blu di prussia ancora umido che andremo a lavare su buchner con acqua distillata in piccole aliquote per portare in soluzione il KCl formato e il FeCl3 eventualmente non reagito,poi seccare in stufa (o in forno non presentando particolari precauzioni) a 90/100°C per un'ora circa.
La soluzione di risulta nella beuta è trattata con NaOH 0.1 N goccia a goccia fino a pH neutro può essere smaltita nel lavandino o usata agevolmente come concime per kentsie,ficus e tutte le piante soggette alla clorosi (foglie ingiallite).
Il prodotto finemente macinato in mortaio,si conserva in bottiglia di PE (o vetro) al buio indefinitamente.

Il blu di prussia trova applicazione come colorante dei tessuti, nel " blu degli ingegneri" in emulsione oleosa per rivelare le superfici in rilievo strofinandole su piani di riscontro cosparsi dell'emulsione e come farmaco (Radiogardase®) utilizzato nell'avvelenamento da metalli radioattivi (137-Cs e 201-Tl) e da Tallio non radioattivo .
Il blu di prussia assorbe la luce rossa ( λ =680/694 nm ) emettendo nello spettro del blu; nella scala cromatica RGB è codificato con le coordinate: RGB 0 , 49 , 83
La formula di struttura del blu di prussia è Fe(3+)4[Fe(2+)(CN)6]3·6H2O (p.m. 859,59 g/mol) , CAS #14038-43-8
Allego scheda di sicurezza del prodotto:
http://www.sigmaaldrich.com/MSDS/MSDS/Di...Flang%3Dit
Ciao a tutti !
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano comandantediavolo per questo post:
TrevizeGolanCz, ClaudioG.
Per quanto riguarda metodiche e cose del genere lascio la parola a gente più esperta di me, del resto devo dire che come sintesi è un po' carevole dal punto di vista chimico: dove sono reazioni, stechiometria, ecc...? Tu parli solo della metodica, ma non parli di quel che succede ;-) (Intendo, precipita qualcosa? Si formano gas? Ecc... Questi sono solo esempi, ovviamente)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
comandantediavolo
Ci sono un bel po' di curiosità e bisogna riconoscerlo, però anche secondo me non è molto completa: se si riuscisse ad aggiungere quantomeno qualche foto e quel che ha detto beef sarebbe già molto meglio ;-) Per il momento direi di tenere la discussione qui dov'è.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
comandantediavolo
Hai perfettamente ragione Beef, la reazione principale è la seguente:

4Fe3+ + 3[FeII(CN)6]4- → FeIII[FeIIIFeII(CN)6]3

Volendola scrivere per esteso e stechiometricamente bilanciata:

4 FeCl3 + 3 K4[Fe(CN)6] <==> Fe4[Fe(CN)6]3 + 12 KCl

Appena si versa la soluzione di FeCl3 nel prussiato si nota la comparsa della colorazione blu tipica del Fe4[Fe(CN)6]3 insolubile,non vi è evoluzione di gas.
Allego foto reagenti/prodotto ( sono invertiti i reagenti rispetto alla posizione del foglio indicante la quantità e ho erroneamente scritto K4[Fe(CN)6] * 6 H2O mentre il ferrocianuro di potassio è * 3 H2O )

[Immagine: scaled.php?server=710&filename=bludp.jpg&res=landing]

Spero di aver chiarito il tutto e di aver contribuito in qualche modo!!!!
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
(2012-05-02, 14:05)comandantediavolo Ha scritto: Il blu di prussia assorbe la luce rossa ( λ =680/694 nm ) emettendo nello spettro del blu;
Il blu di prussia assorbe la luce rossa ( λ =680/694 nm ) riflettendo nello spettro del blu, direi...
Cita messaggio
(2012-05-02, 16:03)lorenzo Ha scritto: Il blu di prussia assorbe la luce rossa ( λ =680/694 nm ) riflettendo nello spettro del blu, direi...

Ti ringrazio per la precisazione Lorenzo,ma io e la chimica fisica abitiamo su pianeti diversi *Hail* :-(
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
ciao, sarebbe belle vedere la foto del blu di prussia raccolto e asciugato se l'hai! :-)
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
Ciao R@d, ti accontento al meglio, ti aggiungo una foto della riserva di sintesi, poca roba in realtà,ma il resto è già usato per un bagno di tintura!

[Immagine: scaled.php?server=823&filename=201205021...es=landing]

Spero si veda qualcosa...
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano comandantediavolo per questo post:
**R@dIo@TtIvO**
bellissimo colore! Allora per la prossima volta, quando scrivi una sintesi è molto più elegante e di sicuro interessante oltre a leggere la preparazione e considerazioni varie vedere foto dei vari passaggi o quantomeno foto del prodotto finale; per il resto bel lavoro!
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
Un paio di considerazioni/consigli:

- allega sempre le foto al post (rimpicciolendole a 100 Kb max) senza ricorrere al famigerato Imageshack con le foto grandi come un armadio; il post guadagnerà mille punti...

- Non ho capito il motivo di proporre l'uso proprio di quelle quantità (4,17 g di ferrocianuro e 11,1 g di FeCl3), visto che le i due valori non hanno niente in comune con la stechiometria della reazione.
Vabbè che poi si concimano i fiori, ma perchè questo straordinario eccesso di ferro (del 500%) che sembra necessario?
---
In caso si usasse la stechiometria ricordo che oltre al ferrocianuro ferrico si forma anche e soprattutto, specialmente se il ferro è in difetto (ma non è certo questo il caso...) ferrocianuro ferrico-potassico, il vero Blù di Berlino colloidale KFe(CN)6.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)