Sintesi del Al(NO3)3
Sono d'accordo!

Cita messaggio
concordo con rusty...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
mamma mia...che pena rusty,non ti sembra infantile attaccarsi ad un misero errore di battitura per carità,quello che hai detto è giusto eh....
Cita messaggio
Come non lo correggerai?!?! Come minimo devi correggerlo..e poi..se vuoi fare una sintesi carina e che stia in piedi..una foto. Come dice rusty, è condivisione, non è che tu CONCEDI a noi miseri postulanti l'ONORE di leggere una tua sintesi *Tsk, tsk*
Cita messaggio
lo so,ma non pensavo che dovessi farla prima a casa e poi pubblicarla...anche perchè non ho abbastanza HNO3 per potermi concedere questa sintesi,di cui tra l'altro non ho necessità.
Ecco spiegato il motivo del perchè non ho messo foto.
Non dico mica che vi concedo questa sintesi a voi miseri,ahahahaha...anzi,semmai è il contrario...
Cita messaggio
Buonasera a tutti!
finalmente ho trovato una sintesi stranamente assente al forum e di facile portata. ditemi se puo essere spostata in "sintesi" aggiungendo qualche foto (ora che ci riesco . É possibile farlo tramite telefono? )

Materiali
-12,5g (leggero eccesso) Alluminio Polvere 99,93% (Sconsiglio l'uso dei fogli di alluminio per uso alimentare inquanto contengono tracce di altri metalli e la soluzione non verrebbe limpida)
- 166ml HCl 30% (o 135ml HCl 37%)
- 130ml HNO3 65%
- Acqua distillata
- vetreria

Procedura
< Breve Nota: come credo gia sappiate tutti l'alluminio non reagisce direttamente con l'acido nitrico a causa del fenomeno della passivazione, sottile strato di Al2O3 che ricopre il metallo e lo rende inattaccabile da HNO3, per questo sono passato per l'AlCl3 (chi dispone di questo sale puo direttamente partire utilizzandone 60g). >
Detto questo iniziamo...

1. Porre i 12,5g di metallo in una beuta da 1000ml coprire il tutto con 50ml di acqua e aggiungere l'HCl. La reazione è abbastanza vivace e si ha un ingente sviluppo di H2.
2 Al + 6 HCl -> 2 AlCl3 + 3 H2

2. Alla soluzione di Cloruro aggiumgere l' HNO3, agitare, scaldare fino a quano la suluzione apparira trasparente e priva di vapori di ipoazotide.
Essiccare con il noto metodo del sacchetto con NaOH.

Essendo la mia prima sintesi siate clementi... ma se necessario fate presenti gli errori, anche se so che questo non è necessario precisarlo...

Saluti a tutti!
Cita messaggio
In rosso le mie osservazioni


Buonasera a tutti!

finalmente ho trovato una sintesi stranamente assente al forum ( allora quelli che hanno iniziato questa discussione di cosa parlavano? ) di facile portata. ditemi se puo essere spostata in "sintesi" aggiungendo qualche foto (ora che ci riesco . É possibile farlo tramite telefono? )

Materiali
-12,5g (leggero eccesso) Alluminio Polvere 99,93% (Sconsiglio l'uso dei fogli di alluminio per uso alimentare inquanto contengono tracce di altri metalli e la soluzione non verrebbe limpida) Ma davvero? Questa mi giunge nuova! Per esempio una lega Al-Mg dà una soluzione perfettamente limpida
- 166ml HCl 30% (o 135ml HCl 37%)
- 130ml HNO3 65%
- Acqua distillata
- vetreria Si, ma sarebbe meglio specificare quale


Procedura
< Breve Nota: come credo gia sappiate tutti l'alluminio non reagisce direttamente con l'acido nitrico a causa del fenomeno della passivazione, sottile strato di Al2O3 che ricopre il metallo e lo rende inattaccabile da HNO3, per questo sono passato per l'AlCl3 (chi dispone di questo sale puo direttamente partire utilizzandone 60g). >
Detto questo iniziamo...

1. Porre i 12,5g di metallo in una beuta da 1000ml coprire il tutto con 50ml di acqua e aggiungere l'HCl. La reazione è abbastanza vivace e si ha un ingente sviluppo di H2.
2 Al + 6 HCl -> 2 AlCl3 + 3 H2

2. Alla soluzione di Cloruro aggiumgere l' HNO3, agitare, scaldare fino a quano la suluzione apparira trasparente e priva di vapori di ipoazotide. Ipoazotide? E da dove si originerebbe?
Essiccare con il noto metodo del sacchetto con NaOH.

Essendo la mia prima sintesi siate clementi... ma se necessario fate presenti gli errori, anche se so che questo non è necessario precisarlo...

Andarsi a leggere le discussioni precedenti le farebbe un gran bene. Apprenderebbe così che quello che ha sintetizzato non è il nitrato, ma nella migliore delle ipotesi un mix di nitrato e cloruro. Nessun chimico serio preparerebbe mai il nitrato per questa via.


Saluti
Mario
Cita messaggio
Salve Mario
1- non avevo notato che era gia aperta una discussione e la mia è stata unita a questa di conseguenza non è da vedee come una continuazione
2- il problema non riguarda la limpidezza della soluzione ma le tracce di altri metalli... ma se interessa solo una soluzione... io vorrei solo Al
3- la vetreria è specificata dopo vale a dire una beuta da un litro. ma chiaramente la scelta della vetreria puo variare soprattutto in sintesi come questa
4- anche il solo HNO3 rilascia ipoazotide se molto concentrato di conseguenza non mi sorprende vedere dei vapori. la teoria è una cosa, la pratica tuttaltra...

5- Non credo sia un mix. Se la stechiometria non è facoltativa.... Comunque dato che la pratica e la teoria sono differenti sono pronto ad ammettere un errore ma solo se vero. Quindi ha un qualche test da consigliare per valutare la purezza del prodotto?

ora le mie osservazioni
ritengo che molte delle sue correzioni come quella sulla vetreria siano totalmente inutili. Cosa cambia in una reazione di doppio scambio che venga usata una beuta o un beacker? se non era specificato vuol dire che non lo ritenevo necessario
Cita messaggio
Solubilizzi un poco del sale in questione in acqua DISTILLATA e aggiungi una sol. diluita di AgNO3, chissà che bel precipitato bianco voluminosissimo! Non mi sembra difficile come test.
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
5- Non credo sia un mix. Se la stechiometria non è facoltativa.... Comunque dato che la pratica e la teoria sono differenti sono pronto ad ammettere un errore ma solo se vero. Quindi ha un qualche test da consigliare per valutare la purezza del prodotto?


Dipende quali sono le sue possibilità. Il metodo più semplice che conosco consiste dapprima in una separazione come idrossido in ambiente tamponato a pH 5. Segue la determinazione complessometrica in eccesso di EDTA, retrotitolando con Zn++.
In mancanza di altro può seguire il suggerimento di Marco. Dall'abbondanza del precipitato potrà farsi un'idea di quanti cloruri vi siano.

Per tutto il resto, beh, è mio costume non replicare più di tanto. Piuttosto rifletta sugli errori fatti ed eviti le arrampicate sugli specchi. Nel caso volesse fare seriamente il nitrato di alluminio, le potrei suggerire un metodo alternativo. Sta a lei decidere.

saluti
Mario
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)