Sul cloruro di piombo (II) e la sua sintesi
(2014-02-21, 13:04)quimico Ha scritto: .Se non ricordo male per ottenere il sale esente da questi complessi, al posto del sodio cloruro basta semplicemente dell'acido cloridrico diluito. Infatti ai cloroplumbati di cui sopra basta aggiungere acido cloridrico concentrato per portarli in soluzione.

Confermo quanto sopra,mi stavo documentando su questa reazione e ho trovato questo:

Pb(NO3)2(aq) + 2 HCl(aq) → PbCl2(s) + 2 HNO3(aq)
" Humile so et humiltà me basta, dragon diventarò se alcun me tasta " - Matteo Tafuri . Alchimista ,medico e filosofo salentno


Cita messaggio
(2014-02-21, 07:36)marco the chemistry Ha scritto: Per le foto lasciamo a Mario...asd

Ma è una foto bellissima.
Si nota una grande cura nella composizione dell'immagine e la mano del maestro nel mostrare quell'elissoide blu volutanente monco. Sublime è poi il contrasto ipersaturo dei soggetti con quei chiaroscuri da manuale. Che dire poi della spruzzata di cristalli bianchi avorio sul tappeto rosso, da me interpreati come una velata metafora sulla contaminazione ambientale.
Ha mai pensato ad esporre le sue opere?

saluti
Mario
Cita messaggio
Mi sa che vi devo spiegare un po di cose....
Intanto ho ricontrollato i calcoli stechiometrici e sono sbagliati.
Il prodotto finale non è totalmente cristallino, per il semplice fatto che non sono riuscito a scioglierlo tutto perchè le quantità d' acqua sono troppo grandi ed io non ho beker con capacità superiore ai 100mL (infatti ho usato un pallone da 250mL...).
La foto è stata scattata con il cellulare perchè non avevo altro a portata di mano comunque ho scritto "provvisoria" proprio perchè nel fine settimana spero di sostituirla con una foto migliore (usando una fotocamera).
Lo sfondo rosso nella foto non è un tappeto ma un tovagliolino di carta messo li appositamente per impedire che il sale di piombo di non spargersi sul tavolo.
Se devo essere sincero....a me quella foto piace è un bell' abinamento di colori asd asd
Per ora ho altre due sintesi in programma però poi ho intenzione di ripetere la sintesi usando le quantità corrette.
COCl2
[tossico]
R: 26-34

La chimica organica e' la chimica dei composti del carbonio. La biochimica e' lo studio dei composti del carbonio che strisciano. (Mike Adams)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano fosgene per questo post:
Franc
Basta suddividere il prodotto in più aliquote e ricristallizzarlo a pezzi..avevo fatto così con 900 g di benzoico, se no dovevo usare una damigiana...
Non so se lo hai capito, ma per fare buone foto serve qualcosa d'altro oltre a Una macchina fotografica...lo chiamano buon gusto...
Rifai tutto e vediamo...
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Salve a tutti, dopo aver letto la sintesi del cloruro di piombo fatta da un altro utente su questo forum , ottenuta dalla reazione di scambio tra nitrato di piombo e cloruro di sodio, mi sono chiesto: è possibile ottenerlo in maniere differente ? magari in maniera più semplice e con reagenti più comuni del nitrato di piombo?
Mi sono venute in mente due possibilità :
1 : reazione tra piombo metallico ed acido cloridrico concentrato
2 : reazione tra minio e acido cloridrico

Per la serie mi faccio una domanda e mi do una risposta(di marzulliana memoria) sono passato alla pratica e ho fatto due esperimenti.

Reazione tra piombo metallico ed acido cloridrico:

Materiale occorrente
10 grammi di piombo metallico :tossico: :preicoloambiente:
Perossido di idrogeno (nella quantità necessaria a ricoprire il piombo(dipende dal contenitore usato :corrosivo: :comburente:
500 ml di acido cloridrico al 36% :corrosivo: :tossico::irritante:

Procedimento:
dopo aver messo il piombo in un becker e averlo ricoperto della quantità opportuna di acqua ossigenata, ci si trasferisce all' aperto ,o sotto cappa per chi ce l'ha)
si aggiunge l' acido ,e subito si ha l' inizio della reazione,peraltro abbastanza vivace, con effervescenza e produzione non indifferente di cloro gassoso :tossico:

Allora dopo aver lasciato che la reazione sia terminata (direi almeno 24 h)
i prodotti sono : una soluzione gialla limpida con disciolto del cloro gassoso, e un tricloroplumato solubile ,del piombo non reagito, e nessun precipitato. portando all' ebolizione e lasciando evaporare l' acqua fino all' inizio di cristallizzazione si allontana il cloro e si recupera il sale ( bianco con dei riflessi davvero carini)

oppure ho scoperto ,casualmente, che è possibile ottenere del PbCl2(poco solubile) che precipita in soluzione se dopo avere aggiunto l' acido si aggiunge del cloridrico diluito(credo che anche l'acqua distillata vada bene)
   

Il secondo sistema riguarda l'azione dell' acido cloridrico sul minio (miscuglio di ossidi di piombo)

Materiale occorrente:
20 grammi di minio :tossico::preicoloambiente:
400 ml di acido cloridrico :tossico::corrosivo::irritante:

si pesa il minio ,l' acido e ci si trasferisce all' aperto o sotto cappa anche in questo caso,(la produzione di cloro è ancora maggiore)
   
si aggiunge il minio all' acido e parte la reazione, notevole produzione di cloro un precipitato che diventa sempre più bianco e soluzione gialla per la presenza di cloro disciolto
   
a reazione terminata si filtra, si lava il precipitato diverse volte con poca acqua distillata e si lascia asciugare, la soluzione gialla limpida viene portata ad ebolizione e lasciata fino all' inizio della cristallizazzione, si recupera il sale e si lascia asciugare
   

come prodotti finali otterremo: (a destra nella foto) del cloruro di piombo PbCl2 (magari non purissimo) :tossico::preicoloambiente:
e tricloroplumato [PbCl3]- :tossico::preicoloambiente:

   
" Humile so et humiltà me basta, dragon diventarò se alcun me tasta " - Matteo Tafuri . Alchimista ,medico e filosofo salentno


Cita messaggio
A parte che magari sarebbe buona cosa studiare un po' di chimica di base prima di avventurarsi nel fantastico mondo della chimica, evitando così di scrivere orrori come quello di cui sopra.
Quale? Basti prendere una tavola periodica (fallo) e cercare il piombo. I numeri di ossidazione di questo metallo sono +2 e +4. Quindi NON esiste PbCl3 *Tsk, tsk* *help*
I complessi di cui parli si formano quando nella soluzione ci sono ioni cloruro che possono complessare il PbCl2 a dare tricloroplumbati [PbCl3]- e tetracloroplumbati [PbCl4]2-. NON è la stessa cosa che dire PbCl3... Spero ti sia chiaro *Si guarda intorno*
La chimica è una scienza ESATTA. Non c'è spazio per magari, forse, o se. Almeno non nel 2014 su composti che esistono da (quasi) sempre.

Per azione dell'acido cloridrico senza ossidanti non si ha reazione con piombo metallico. Tanto è che serve un ossidante per produrre il cloro gas, che attacca avidamente il piombo a dare il sale corrispondente. Si ottiene PbCl2. Non c'è rischio si formino ulteriori sottoprodotti a parte, in alcuni casi, piombo non reagito. Ma non è qui il caso.

Invece, nel caso del minio, in quanto miscela di ossidi di piombo(II) e piombo(IV), basta l'acido cloridrico. Nel caso del PbO bastano 2 moli di HCl per mole di PbO e si ottiene PbCl2 e acqua, mentre nel caso del PbO2 ne servono 4 di moli di HCl per mole di PbO2 e si forma oltre all'acqua anche del cloro gas. Si ottiene sempre PbCl2.

A questo punto, se uno volesse, da PbCl2 si può ottenere il PbCl4. Basta gorgogliare del cloro gassoso in una soluzione di HCl PbCl2 e NH4Cl. Si forma il complesso[NH4]2[PbCl6], che per trattamento con H2SO4 a freddo porta alla formazione di PbCl4 come olio.
Cita messaggio
(2014-03-13, 14:04)quimico Ha scritto: A parte che magari sarebbe buona cosa studiare un po' di chimica di base prima di avventurarsi nel fantastico mondo della chimica, evitando così di scrivere orrori come quello di cui sopra.
Quale? Basti prendere una tavola periodica (fallo) e cercare il piombo. I numeri di ossidazione di questo metallo sono +2 e +4. Quindi NON esiste PbCl3 *Tsk, tsk* *help*

http://www.endmemo.com/chem/compound/pbcl3.php
" Humile so et humiltà me basta, dragon diventarò se alcun me tasta " - Matteo Tafuri . Alchimista ,medico e filosofo salentno


Cita messaggio
(2014-03-13, 14:16)GiuseppeT Ha scritto: ammazza aho! che palle questo forum fatemelo dire ...sapete tutto,allora gli altri che stanno a fare, allora fatevi le pippe tra di voi e buonanotte,,,vi ho fatto le foto vi ho descritto il procedimento invece di fare delle critiche costruttive ve ne uscite con la vostra saccenza del cacchio, la pazienza ha un limite

Non vorrei intromettermi ma...

Hai fatto bene a postare il tuo lavoro e a partecipare al forum. Gli insulti, invece, stai certo che non sono graditi! *Tsk, tsk*

Se tu avessi letto con attenzione, avresti capito che quelle di quimico sono critiche costruttive.
In sostanza:
- Il Piombo(III) non esiste.
- Hai ottenuto solo PbCl2.
- Male che vada si formano dei tricloro- e tetracloroplumbati solubili.

Comunque non ti scoraggiare e non ti arrabbiare. Rolleyes
In fondo siamo tutti qui per imparare, chi più, chi meno... Me compreso che di chimica ne so poco e niente.
Cita messaggio
Ho cancellato i messaggi superflui.
Certamente, GiuseppeT, fai bene a sperimentare, a riportare, a fare ipotesi. Ma non fai bene ad inventare e saltare a conclusioni. quimico ha perfettamente ragione; si possono discutere i modi, ma non quello che ti sta dicendo. Che ci sia qualche folle che si inventa il PbCl3 (e chissà che in condizioni assurde esista pure questo, ma non è senza ombra di dubbio il nostro caso) dimostra ben poco: quel sito riporta una formula e la banale addizione delle masse atomiche dei rispettivi elementi. Lo può fare anche un bambino, ma questo non dimostra l'esistenza di una sostanza.

Spero tu non ti offenda. Ribadisco: non voglio accusarti e capisco che puoi esserti offeso. Però, per favore, ammetti di aver torto e correggi il primo post per evitare fraintendimenti.
Cita messaggio
GiuseppeT,
se devo essere sincero, non mi è affatto dispiaciuto leggere dei suoi esperimenti con il piombo.
Alcuni passaggi non sono propriamente ortodossi, la sua conoscenza della chimica un po' traballante, ma con il tempo e la passione tutto si risolve.
Gli esperimenti che ha effettuato, in apparenza semplici, nascondono molte insidie pratiche e teoriche. Quello che distingue un chimico dilettante ma attento da un pasticcione è la voglia di porsi continuamente delle domande e la capacità di cogliere, osservando il fenomeno in atto, ogni aspetto insolito e imprevisto.
Non è mia intenzione criticare (inteso come dialogo serrato) i risultati ottenuti, anche perchè la cosa si farebbe lunga, piuttosto le suggerisco, per i suoi prossimi post di evitare, ad esempio, di arrivare a conclusioni su argomenti sui quali non ha specifica conoscenza. Meglio abbondare nell'uso del condizionale o specificare che si tratta solo di un'ipotesi.
E poi, voler far seguire ad ogni composto chimico le icone di rischio chimico. Niente di male, solo che sovente sono errate e questo genera confusione e distorce la realtà. Così elencando, l'acido cloridrico non è un tossico e lo stesso piombo non è anche :preicoloambiente: bensì nocivo con frasi di rischio R62-20/22 e R33, le quali evidenziano, tra l'altro i rischi per la fertilità e il pericolo di effetti cumulativi.

PS: ci spieghi poi come ha smaltito tutte quelle soluzioni

saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Max Fritz, GiuseppeT




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)