Teoria del legame di valenza.
Salve a tutti, come da titolo ho un dubbio concettuale riguardo questa teoria, e ve lo mostro subito con un esempio: 
PF5 (pentafluoruro di fosforo), è una molecola che ha geometria bipiramidale trigonale, e questo lo si può dedurre dal fatto che il fosforo si ibridizza sp3d.
I 5 elettroni spaiati del nuovo orbitale vengono utilizzati per il legame con i 5 atomi di fluoro che a loro volta, come dice il mio testo (Kotz) utilizzano il loro orbitale 2p. Ora se F non ha alcuna ibridizzazione agli atomi di fluoro rimangono questi elettroni nel guscio esterno (2s2 2p4) i quali essendo accoppiati fungono da 3 coppie di elettroni solitari dei rispettivi fluori. 
Ecco la mia domanda: se il mio ragionamento è corretto, non c'è alcuna differenza nella struttura di lewis tra gli elettroni 2s e quelli 2p del fluoro? Il fluoro dovrebbe avere 2 coppie dell'orbitale p, e una coppia proveniente dall'orbitale 2s, ma nella struttura a punti non riscontriamo alcuna differenza visibile... Spero di essere stato chiaro.
Cita messaggio
Se non sono stato chiaro in un punto chiedete, perchè mi sembra strano non aver ricevuto nessuna risposta ad una domanda che per voi "esperti chimici" non dovrebbe essere complicata.
Cita messaggio
Non so se ho capito bene quello che chiedi, ma a me sembra molto chiaro che una struttura molecolare scritta con il simbolismo di Lewis non possa in alcun modo distinguere a quale livello appartengano gli elettroni di valenza degli atomi coinvolti nei legami.
Ora il fosforo appartiene al V gruppo perciò possiede 5e- sul 3° livello energetico, mentre il fluoro appartiene al VII gruppo perciò possiede 7e- sul 2° livello energetico.
Nel pentafluoruro di fosforo (PF5) ogni atomo di fluoro condivide uno dei 5e- dell'atomo di zolfo e raggiunge la configurazione stabile del gas nobile più vicino, il neon; su ogni atomo di fluoro rimangono 3 coppie di e- non condivise.
L'atomo di fosforo condivide tutti i suoi 5e- di valenza con i cinque atomi di fluoro, espande il suo ottetto di valenza ed è perciò circondato da 10e-. La stabilità energetica dell'atomo di fosforo è quindi inferiore, ma questo è il prezzo da pagare per rendere più stabili i cinque atomi di fluoro.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
firebolt90
(2016-03-25, 13:17)LuiCap Ha scritto: Non so se ho capito bene quello che chiedi, ma a me sembra molto chiaro che una struttura molecolare scritta con il simbolismo di Lewis non possa in alcun modo distinguere a quale livello appartengano gli elettroni di valenza degli atomi coinvolti nei legami.
Ora il fosforo appartiene al V gruppo perciò possiede 5e- sul 3° livello energetico, mentre il fluoro appartiene al VII gruppo perciò possiede 7e- sul 2° livello energetico.
Nel pentafluoruro di fosforo (PF5) ogni atomo di fluoro condivide uno dei 5e- dell'atomo di zolfo e raggiunge la configurazione stabile del gas nobile più vicino, il neon; su ogni atomo di fluoro rimangono 3 coppie di e- non condivise.
L'atomo di fosforo condivide tutti i suoi 5e- di valenza con i cinque atomi di fluoro, espande il suo ottetto di valenza ed è perciò circondato da 10e-. La stabilità energetica dell'atomo di fosforo è quindi inferiore, ma questo è il prezzo da pagare per rendere più stabili i cinque atomi di fluoro.

Praticamente nella prima frase hai colto l'essenza della mia domanda... *clap clap*
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)