Terre rare e altro...
E' un cristallizzatore e sì, è incrinato. Ma lo uso solo per pesare polveri... non dovrebbe creare grossi problemi.
Comunque tranquillo Al, che prima o poi una foto di classe, come dicevo anche per gli acetilacetonati, la faccio ;-)
Cita messaggio
Ecco qui le foto del mio YbCl3 appena cristallizzato. I cristalli visti da vicino assomigliano a tante "spadette" e ciò è strano, perchè come dice Max, di solito i cristalli di cloruri di lantanidi formano ammassi microcristallini. Il solido è altamente deliquescente.

http://imageshack.us/photo/my-images/109/dscf6954.jpg/

http://imageshack.us/photo/my-images/594/dscf6955s.jpg/
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Se qualcuno lo sa mi può dire con quante molecole d'acqua cristallizza tale sale?
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Se non avessi detto che sale è l'avrei scambiato per solfato di sodio... la forma dei cristalli è identica a prima vista! :-P
Cita messaggio
Rusty l'immagine non rende bene l'idea! I cristalli di Na2SO4 decaidrato sono tutta un'altra cosa! Ho visto che il sale cristallizza come esaidrato.
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Eh già, non è esattamente questo il modo di fare, imbucarsi in una discussione senza troppo curarsi di quel che si è trattato fino ad ora, cominciare con delle domande e non presentarsi.
Applico i punti E del regolamento, in seguito vedrò di cancellare queste ultime risposte.
Cita messaggio
ciao ciao. addio anzi...
Cita messaggio
Torno all'attacco con le foto di due elementi del blocco f.
Cerio, 50g, parzialmente ossidato, 99,9% :
   
Reagisce molto lentamente in acqua fredda e tiepida, poco più velocemente in soluzione debolmente acida (per acido acetico) dando un iniziale precipitato rosso mattone insolubile. Alla fiamma si accende con una certa facilità, emettendo poi una forte luce propria, che persiste per pochi minuti una volta tolto dalla fonte di calore: se in queste condizioni viene frantumato o scalfito emette luminosissime scintille bianche che si consumano prima di arrivare a terra. Una superficie oxid-free si ossida lentamente anche sotto olio di paraffina (almeno in parte) assumendo suggestive colorazioni gialle, blu profondo e violette.

Itterbio, 20g, frammenti dendritici, 99,99% :
       
Praticamente inerte all'aria e all'acqua, caratteristico tra tutte le terre rare per la sua netta colorazione dorata, probabilmente dovuta ad ossidi inferiori superficiali. Come ione, presenta uno stato di ossidazione 2+, poco conosciuto e poco stabile, avente una colorazione verde (se riesco, in seguito, proverò a preparare per breve tempo un sale di Yb2+ e posterò le foto).
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
Rusty, Mario, quimico, al-ham-bic
Ecco, bravo...tienilo sotto paraffina liquida e non sotto acido nitrico!
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Per dirvi uno dei tanti motivi per i quali adoro gli elementi del blocco f, basti guardare questa immagine Rolleyes


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Max Fritz per questo post:
fosgene, Beefcotto87




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)