Titolazione CrO3 bagni cromatura
Ho questo
esercizio: http://i65.tinypic.com/2e6eivk.png

So che il Cr(6) di CrO3 passa a Cr(3) ad opera del Fe^2+

Cio' che mi chiedo e' un po di chimica che ci sta dietro.
Anzitutto il testo parla di CrO3 in H2SO4...ma ha senso pensarlo come CrO3 oppure e' meglio pensarlo come H2CrO4 --> CrO4 ^(2-)

Sicuramente so che il Cr con n.o=+6 passa a +3 come nunero di ossidazione...ma non so bene la formula molecolare della specie avente il Cr con numero di ossidazione +3.

E' importante saperlo per risolvere l'esercizio o basta sapere indistintamentr che passa da +6 a +3?

Grazie.
Cita messaggio
Detta molto "terra a terra" ai fini dell'esercizio devi considerare lo ione dicromato Cr2O7(2-).
In ambiente acido a pH < 6,5 i seguenti equilibri sono spostati verso destra:
2 CrO4(2-) + 2 H+ <==> 2 HCrO4(-).......... K1 = 3,2·10^-7
2 HCrO4(-) <==> Cr2O7(2-) + H2O.............K2 = 2,3 ·10^-2

         

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
(2019-02-03, 20:21)LuiCap Ha scritto: Detta molto "terra a terra" ai fini dell'esercizio devi considerare lo ione dicromato Cr2O7(2-).
In ambiente acido a pH < 6,5 i seguenti equilibri sono spostati verso destra:
2 CrO4(2-) + 2 H+ <==> 2 HCrO4(-).......... K1 = 3,2·10^-7
2 HCrO4(-) <==> Cr2O7(2-) + H2O.............K2 = 2,3 ·10^-2

Ok domani provo a fare l'esercizio e nel caso lo posto qua!
Cita messaggio
Io vorrei provare a risolvere ora, ma non mi si apre più il link e prima si era aperto.
Mistero, per me!!!
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
(2019-02-03, 20:54)LuiCap Ha scritto: Io vorrei provare a risolvere ora, ma non mi si apre più il link e prima si era aperto.
Mistero, per me!!!

Ho provato ora a cliccare sul link ma a me funziona dopo un attimo di caricamento.
Se non ti va in mattinata posso ricaricarlo comunque...

Io penso di svolgerlo domani in mattinata e socuramente poi postero' il mio procedimento
Cita messaggio
Ho fatto l'esercizio....la prima parte dovrebbe essere giusta ma non so cosa proporre come metodo alternativo di individuazione per il punto finale

Qualche suggerimento?
Ecco il link(testo esercizoo+ risoluzione parziale)
http://i64.tinypic.com/idvvkg.jpg
Cita messaggio
I calcoli sono corretti.

L'altra richiesta è molto generica.
Si può eseguire una titolazione potenziometrica con elettrodo al platino e elettrodo a calomelano saturo come riferimento per eliminare la difficoltà di vedere il cambiamento di colore dell'indicatore redox sommato a quello del cambiamento di colore del Cr2O7(2-) arancione a Cr3+ verde al p.e.
Altrimenti si potrebbe usare un altro indicatore redox che cambi colore al valore del potenziale al punto equivalente, ma la vedo dura perché il colore del bagno di cromatura penso sia molto intenso.
Il tuo libro riporta una tabella degli indicatori redox???
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
(2019-02-05, 21:00)LuiCap Ha scritto: I calcoli sono corretti.

L'altra richiesta è molto generica.
Si può eseguire una titolazione potenziometrica con elettrodo al platino e elettrodo a calomelano saturo come riferimento per eliminare la difficoltà di vedere il cambiamento di colore dell'indicatore redox sommato a quello del cambiamento di colore del Cr2O7(2-) arancione a Cr3+ verde al p.e.
Altrimenti si potrebbe usare un altro indicatore redox che cambi colore al valore del potenziale al punto equivalente, ma la vedo dura perché il colore del bagno di cromatura penso sia molto intenso.
Il tuo libro riporta una tabella degli indicatori redox???

http://i63.tinypic.com/2wqzsxg.jpg

http://i67.tinypic.com/zn7asn.jpg

Questi.
Poi subito dopo ci sta un paragrafetto di 8 righe dove accenna della potenziometria per le titolaz. Redox.

Puo' quindi essere quello un modo?

Ulteriore domanda a tal proposito generale sugli indicatori redox.

Io so che l'intervallo di viraggio degli indicatori resox e' centrato sul loro potenziale stabdard formale....ora se mi si chiedesse di scegliere l'indicatore migliore( potendo consultare i vari potenziali E (In) formali ) per una certa titolazione come dovrei fare?

Mi devo calcolare il potenziale della soluzione al punto di equovalenza e in base a cio' scelgo un indicatore che ha un potenziale formale il piu vicino possiible al valore di potenziale al p.e del mio sistema?

E' corretto,in prima approssimazione?
Cita messaggio
La tabella degli indicatori redox è uguale alla mia. Sicuramente ci sarà anche la spiegazione di come funzionano gli indicatori redox, che è lo stesso degli indicatori acido-base: un indicatore redox cambia colore nell'intervallo:
E = E° ± 0,059/ne-
E = 1,147 ± 0,059/1 = 1,088-1,206
Questo rispetto all'elettrodo standard ad idrogeno.
Rispetto all'elettrodo a calomelano saturo bisogna sottrarre il potenziale costante dell'elettrodo a calomelano saturo (0,241 V) all'intervallo di viraggio della ferroina rispetto all'SHE.
Fino al limite inferiore dell'intervallo di viraggio la ferroina è blu chiaro che, sommato al colore arancio del Cr2O7(2-), darà una "qualche tonalità strana" di verde.
Dopo il limite superiore è rosso-viola che, sommato al colore verde del Cr3+, darà una "qualche tonalità strana" di grigio-verde, presumo.
Come per gli indicatori acido-base, conviene sempre fermare la titolazione all'ultimo cambiamento di colore e non a metà.

Dimenticavo, per via potenziometrica occorre costruire sperimentalmente la curva di titolazione che avrà grosso modo l'andamento di una titolazione acido forte-base forte, poi con un qualche metodo grafico o matematico si ricava il volume di titolante al punto equivalente e da lì la concentrazione dell'analita.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)