Trietilborato
Photo 
Mi è arrivato da poco il refrigerante a ricadere e ho voluto subito provare una semplice esterificazione.
Il trietilborato è molto facile da ottenere ed è molto caratteristico per il colore verde che da alla fiamma quando brucia.
MATERIALE NECESSARIO:
-Etanolo 95° :infiammabile:
-Acido Borico
-Refrigerante a ricadere.

PROCEDIMENTO:
Si mescolano dentro un pallone a due colli da 100ml 30ml di etanolo 95° e circa 3g di acido borico.
   
Si tappa il collo laterale mette in quello centrale (nel mio caso 29/32) un refrigerante a ricadere (allhin o ad aria) e si riscalda la miscela ad ebollizione.
   
Si mantiene la temperatura costante per 30min.
Passato questo tempo si scola rapidamente il liquido dentro un becker e si lascia raffreddare per eliminare l'acido borico non reagito.
Preciso che il liquido ottenuto non è trietilborato puro, ma lo conterrà in una piccola parte, osservabile dal diverso odore e dal colore che impartisce alla fiamma.
   

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ale93 per questo post:
as1998, myttex, Dott.MorenoZolghetti, Nichel Cromo, Raffaele
carina.
ovviamente per aver trietilborato puro andrebbe distillata via l'acqua, così da spostare l'equilibrio a destra...
che odore ha?
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2010-12-20, 14:51)quimico Ha scritto: carina.
ovviamente per aver trietilborato puro andrebbe distillata via l'acqua, così da spostare l'equilibrio a destra...
che odore ha?
Si ovviamente il mio scopo non era quello di ottenerlo puro, dato che dopo avrei dovuto bruciarlo.
L'odore? Non saprei descriverlo forse leggermente dolciastro

Cita messaggio
beh dai, è interessante lo stesso come composto. soprattutto per la colorazione che impartisce alla fiamma. l'odore è soggettivo... se mi capiterà lo farò... tanto per provare...
diversa cosa sono i borani... ma quelli è meglio lasciarli stare... io ho in laboratorio del tri(isopropile)borano: è un liquido, usato tipicamente per la sintesi di arilborani, reagenti cardine nel coupling C-C, tramite reazioni di Suzuki-Myaura...
gli alcossiborani sono abbastanza stabili e maneggiabili, diversa cosa invece gli alchil- e arilborani... tipicamente sono infiammabili e tossici... a partire dal capostipite, il borano, BH3
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Ben fatto.
Si il prodotto immaginavo non fosse puro, il colore che impartisce alla fiamma sembra, se non erro, simile al colore del rame cloruro.
"La Chimica è un mondo da scoprire, credi di sapere tutto e non sai niente, apri un libro ne apri un altro ne apri 1000 e ancora non basta, la Chimica è la Vita!"
[radioattivo]
Cita messaggio
è un colore stupendo, pulito e uniforme in tutta la fiamma.
ma il refrigerante a ricadere non era mica la colonna di vigreux?
Cita messaggio
(2010-12-20, 21:15)NaClO3 Ha scritto: ma il refrigerante a ricadere non era mica la colonna di vigreux?
No è un semplice refrigerante ad aria da 600mm, che devo dire funziona abbastanza bene

Cita messaggio
a bè allora avresti potuto usare un semplice liebig.
Cita messaggio
(2010-12-20, 21:20)NaClO3 Ha scritto: a bè allora avresti potuto usare un semplice liebig.
Liebig da 600mm mi pare un po' esagerato *Si guarda intorno*
per un home-lab 400mm di liebig bastano e avanzano.
Inoltre il refrigerante ad aria ha il vantaggio di non richiedere l'acqua per il funzionamento.

Cita messaggio
(2010-12-20, 14:06)ale93 Ha scritto: ...preciso che il liquido ottenuto non è trietilborato puro, ma lo conterrà in una piccola parte, osservabile dal diverso odore e dal colore che impartisce alla fiamma.

Questa procedura porta alla formazione di una quantità assolutamente minima di etilborato che però è sufficiente a colorare la fiamma in verde per la sua estrema sensibilità.
Avrai forse visto la sintesi che avevo messo del borato di metile (in Sintesi a pag.4) la cui resa è molto scarsa anche con procedura più evoluta e usando anidride borica.
Hai fatto bene a mettere in Esperimenti e non in Sintesi.
---
Idem per il dietilossalato, che è molto più difficile.
Tutto l'ambiente deve essere assolutamente anidro (acido+etanolo+H2SO4), reaz. in benzene e lunghissimo riflusso. Nella "sintesi" fatta semplicemente con ossalico idrato ed etanolo la resa in (COO-C2H5)2 è quasi zero.



Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano al-ham-bic per questo post:
ale93




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)