Zibetto, civetta africana e gommalacca
Lightbulb 
Ho appena letto una curiosità che vorrei condividere con tutti voi, e che mi ha dato l'idea per una sintesi che vorrei fare, ma per la quale ho bisogno dei vostri consigli.

Qualcuno probabilmente avrà già sentito parlare dello "zibetto", una sostanza profumata estratta dalle ghiandole anali dell'animale omonimo (chiamato anche "civetta africana", nome scientifico: Civettictis civetta). Tale sostanza, utilizzata dalla civetta africana per la comunicazione chimica, contiene il civetone, cis-9-cicloeptadecen-1-one, che gli conferisce l'intenso odore di muschio. Mi sembra proprio una bella molecola: un solo atomo di ossigeno, tutti gli altri C e H, senza ramificazioni, profumata, molto rara (nemmeno la Sigma l'ha in catalogo!).

Civetone: [Immagine: 130px-Civetone.svg.png] Zibetto: [Immagine: zibetto_1.jpg]

Tuttavia pare evidente che star lì a spremere le ghiandole del povero mammifero non è un metodo conveniente per estrarre il civetone, o almeno non lo è più. Per fortuna, la chimica sintetica viene in aiuto: un altro animaletto, un insetto questa volta (Kerria lacca), produce un importante precursore del civetone, la gommalacca. Questa resina dagli svariati utilizzi, un tempo impiegata anche come succedaneo della plastica, è relativamente abbondante e uno dei suoi componenti principali è l'acido aleuritico, o acido 9,10,16-triidrossipalmitico (ne è costituita per circa il 35%). E' proprio questa molecola ad essere impiegata nella sintesi del civetone.

Acido aleuritico: [Immagine: CAS%5CGIF%5C533-87-9.gif] Gommalacca: [Immagine: dewaxed-shellac-flake-500x500-250x250.jpg]

QUI potete trovare una procedura abbastanza semplice per estrarre il triidrossipalmitico dalla gommalacca (shellac, in inglese).

La questione finale è la seguente: come arrivare al civetone partendo dall'acido aleuritico?
Tutto ciò che ho trovato è questo: http://www.scribd.com/doc/92442136/JACS-1948
Ma mi rimetto a voi per commenti e considerazioni sia su quanto detto che sulla sintesi al centro della discussione.
Cita messaggio
Interessante sintesi... Caschi a fagiuolo caro Max.
Io lavoro tra le tante cose sulle macrolattonizzazioni e macrolattamizzazioni e reazioni di questo tipo, come quelle citate da te, le ho viste in diverse forme...
Lavorando in condizioni molto diluite avvicini le due estremità della lunga catena e riesci con opportune reazioni a chiudere.
Secondo me ti viene abbastanza bene questa sintesi, sintesi che sulla carta appare anche fattibile. Avendo starting materials e reagenti ovviamente ;-)
Più che altro ti servono le condizioni di sintesi di alcuni dei composti citati nell'articolo... Se ti servono fai un fischio.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Max Fritz
Ti ringrazio molto per la disponibilità! Il problema però è che non posso solo lattonizzare, devo proprio creare un chetone, e anche aggiungere un carbonio alla catena utilizzando la sintesi malonica seguita da decarbossilazione. Questo mi sembra senz'altro il passaggio più critico.

Tuttavia, rimanendo in tema di lattonizzazioni, si potrebbe preparare dall'acido aleuritico, anzichè il civetone, l'ambrettolide: anche questo è un composto profumato, e dovrebbe richiedere "solo" la formazione del doppio legame tra 9 e 10 della catena (dove ci sono i due -OH vicini) e la successiva lattonizzazione dell'idrossiacido.
Cita messaggio
Beh vedi cosa ti riesce più semplice. Alla fine il doppio legame si riesce a fare in modo abbastanza semplice, chiudere è più complesso, ma si fa.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
posso solo IPOTIZZARE...

1) formazione estere

2) protezione del diolo

3) trasformazione OH primario in Bromuro primario

4) grignard sul bromuro che dovrebbe attaccare l'estere ciclizzando

5) deprotezione e disidratazione o qualcosa che formi il doppio legame
Cita messaggio
Ho cercato 1po' di sintesi di questo composto... sono quasi tutte metatesi.
Ciò non toglie che si possano fare sintesi meno complesse, si fa per dire, di una metatesi.
So per esperienza che queste ciclizzazioni sono piene di sorprese... sulla carta sembrano cazzate ma poi...
La linea sintetica sembra promettente, e di fatti in lavori vecchi fanno proprio così.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)