Zolfo ...funghicida.
Eh, bella domanda, bisognerebbe fare qualche prova.
Penso che l'evaporazione debba essere condotta tenendo la soluzione ad una temperatura media ben superiore a quella ambiente dato che a 20°C di zolfo, almeno nel toluene, non è che se ne scolga molto.
Si potrebbe provare ad esempio a lavorare intorno agli 80°C saturando la soluzione, filtrandola sempre a caldo per rimuovere il corpo di fondo indisciolto e lasciando evaporare a quella temperatura... se il processo è abbastanza lento, forse si riescono a formare cristalli più grandi e regolari.
Oppure si potrebbe fare in modo che, partendo dalla soluzione satura come ho fatto io, il raffreddamento (senza evaporazione, coprendo il becher) avvenga molto lentamente mettendo ad esempio il becher stesso in un bagno di sabbia con molta sabbia... questa è una prova che mi ispira di più e che potrei provare a fare.
Un saluto :-)
Luigi
Cita messaggio
Ti invito caldamente a provarci :-D Bravo!
Cita messaggio
Scusate se riuppo, ma capita praticamente a fagioloXD
Giusto oggi sono entrato in possesso di un buon quantitativo di quella che pare essere polvere di zolfo:gialla e impalpabile, come nelle foto della pagina precedente. dato che ne ho un bel po' mi dispiacerebbe non poterla usare. Ma qui sta l'inconveniente: questo zolfo stava in un sacco in un vecchio capanno di parenti, ora deceduti, di cui nessuno si curava più(del capanno, eh).
Gia così si parla di anni di stoccaggio agricolo pesante:busta aperta e ambiente inadeguato, con quello che comporta.
Qualche tempo fa una bella frana si porta appresso mezza baracca e,in pratica, sto sacco di zolfo l'ho trovato nel mucchio di terra franato. In sostanza sto zolfo sta in un buco nella terra da non so quanto...buono che sia insolubileXD
Il sacco é imprendibile essendosi praticamente decomposto, dato che si strappa al tocco...quindi ne ho preso un po' a spatolate...non senza portarmi appresso un po' di sabbia e terriccio....e qui sta il punto.
Dopo tutta sta storia che serve solo a prendersi in simpatia sto zolfo...dite che ho modo di separarlo dalla sporcizia? Pensavo di fonderlo e filtrarlo...sperando che lo zolfo fuso dia un liquido di densità simile all'acqua....e che sia semplice da manipolare anche a quelle temperature?
Xilene e compagni non li ho quindi sfuma l'idea di solubilizzarlo...potrei anche provare una decantazione in acqua...ma credo che qualcosa vada a fondo oltre allo zolfo...prima di provare e spargere fumi zolfosi volevo chiedere un parere a voi, gentilmente!
E, a proposito, é uscito il cristallone di zolfo, luigi?
Cita messaggio
L'unica cosa che potrebbe funzionare è la fusione. Poi si lascia raffreddare e si frantuma il solido, recuperando solo i frammenti privi di sporco.
I problemi sono tre:
1) il recipiente per la fusione. Da scartare quelli in metallo perchè vengono corrosi. Il vetro va bene ma poi la sua pulizia è un'avventura.
2) c'è il rischio incendio e i vapori di SO2 che si sviluppano. Ovviamente per il riscaldamento bisogna evitare le fiamme e usare solo piastre elettriche. Ma anche così non è facile viste le temperature in gioco.
3) separare lo zolfo fuso dal materiale ferroso non è semplice visto che hanno peso specifico simile. Bisogna sperimentare.

saluti
Mario

Cita messaggio
Grazie marco, ma a che ti riferisci con "materiale ferroso"? Dove starebbe?
Purtroppo non posso sapere niente in quanto la confezione é irrangiungibile...ma magari non é una cattiva idea far fare anche un passaggio in acqua per solubilizzare eventuale roba solubile e un po' di impurezze galleggianti....per la fusione, poi, avevo pensato ad un bagno di sabbia. Stando a wiki, se é giusto, fonde a circa 115 gradi e bolle a più di 400...questo mi lascia con un buon range di tranquillità.... Però tu dici di solidificare e raccogliere solo da zone pulite..perché? Troppo densa la forma liquida per permettere una filtrazione?
Magari aggiungendo anche NaOH all'acqua all'inizio....
E perché é dura da pulire? Se nel recipiente in vetro restasse dello zolfo residuo della fusione, attaccato, non basterebbe dargli fuoco per ripulire tutto?
Cita messaggio
Chiedo scusa, intendevo dire terroso. :-D 

Mario

Cita messaggio
Prova con la levigatura, è il metodo che utilizzano i cercatori d'oro, quelli veri: procurati una ciotola larga, poco profonda, ci metti un po' del miscuglio assieme ad un po' d'acqua, e via con lenta rotazione. Sembra difficile e molto palloso, invece è molto facile e solo un po' palloso.

Mi pare già di vederti, mentre ti diverti in giardino...

   

Beato te.

PS
Non per abbreviarti il passatempo, ma prima potresti anche provare con un setaccio.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Igor per questo post:
Xel88
Ahah, igor, ci ho pensato anche ioXD e ho pensato anche al setacciarla, che poi é uno dei metodi che applicherò..il fatto é che non é terra di quella bella scura e spumosa...é infida sabbia da selciato...setacciando separerò poca roba...
Intanto ho provato a bruciarne un pizzico...la fiamma é di un bel blu e, al buio, non si vedevano altri colori...però resta un residuo carbonioso oleoso...
Un altro piccolo campione l'ho posto in soluzione con NaOH bella calda...al momento si distinguono 4 fasi; dalla cima: corpuscoli biancastri che galleggiano a pelo dell'acqua anche agitando, soluzione incolore di NaOH, un sottilissimo strato di materiale pulverulento nerastro adagiato sopra lo strato di polvere di zolfo.
Pare un minestrone....la roba nera non c'era prima, e non capisco cosa sia, la roba bianca in cima idem...
Dovrò ripetere con meno fretta...ma ogni suggerimento é apprezzato, gradito, ricercato e via di scorrendo!
XD a vedere i miei post sul forum si direbbe che sono un patito di purificazioniXD ma sono contento di aver aggiunto(o quasi) un elemento alla mia collezione!

Edit
-----------
Dopo un giorno in NaOH, la soluzione limpida si é colorata di giallo ed é rimasto un precipitato di polvere nera su quella di zolfo...ho tolto il surnatante e ho riaggiunto NaOH..se la soluzione resta bianca, bene, significa che il solubilizzabile é stato solubilizzato! Però resta il residuo nero che va a fondo con lo zolfo...come lo separo?
Ho letto che qualcuno l'ha cristallizzato nell'olio minerale portando il miscuglio a temperatura di fusione dello zolfo....ho un po' di dubbi in merito..qualcuno ha idee?
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)