deltap/p0=frazione molare
grazie a entrambi!
Cita messaggio
(2018-04-26, 09:50)LuiCap Ha scritto: Analizziamo il testo dell'esercizio, con una premessa importante che forse ti sfugge:
L'evaporazione è il passaggio di stato di aggregazione da liquido a vapore e avviene a qualsiasi temperatura!!!

A 20°C la tensione di vapore del CH3OH è di 94 mmHg e quella del C2H5OH di 44 mmHg.
Significa che se mettiamo in due diversi recipienti chiusi termostatati a 20°C i due liquidi, questi evaporano e quando viene raggiunto l'equilibrio dinamico tra la fase liquida e la fase vapore (cioè quando la soluzione è in presenza del suo vapore saturo) la pressione esercitata sulle pareti del recipiente è di 94 mmHg per l'alcool metilico e di 44 mmHg per l'alcool etilico. Questa pressione prende il nome di tensione di vapore e dipende unicamente dalla temperatura e dal tipo di legami intermolecolari che tengono unite le particelle dei due liquidi. Poiché a 20°C la tensione di vapore del CH3OH è maggiore di quella del C2H5OH, il primo è un liquido più volatile del secondo, ovvero ha una tendenza maggiore a passare allo stato di vapore.

(miscela ideale a qualsiasi concentrazione per sostanze simili; sono due alcooli).
Miscela o soluzione ideale significa che i legami intermolecolari che si instaurano tra i due alcooli (A···B) sono gli stessi di quelli esistenti fra i due liquidi puri (A···A e B···B) a qualsiasi concentrazione di uno nell'altro. In questo caso si tratta di legami a idrogeno.

Si mescolano 20 g di CH3OH (A) e 100 g di C2H5OH (B).
Il CH3OH è il soluto perché è presente in quantità minore e il C2H5OH è il solvente.
È sottinteso che questa soluzione viene immessa in un recipiente chiuso termostatato a 20°C.
Cosa accade???
I due liquidi evaporano e quando viene raggiunto l'equilibrio dinamico tra la fase liquida e la fase vapore la pressione esercitata sulle pareti del recipienti è la tensione di vapore totale della soluzione.
La tensione di vapore parziale di ciascun componente, in base alla legge di Raoult, è direttamente proporzionale alla sua tensione di vapore allo stato puro: il coefficiente di proporzionalità è la frazione molare del componente nella soluzione liquida:
P(A)= X(A) · P°(A)
P(B)= X(B) · P°(B)
All'equilibrio avremo perciò che la tensione di vapore totale è data dalla somma delle tensioni di vapore parziali in base alla legge di Dalton:
P(tot) = P(A) + P(B)
Quale è la composizione del vapore, ovvero la frazione molare di ciascun componente nella fase vapore???
X(A) = P(A)/P(tot)
X(B) = P(B)/P(tot)

Quale considerazione generale si può trarre dalla risoluzione dell'esercizio???
La frazione molare in fase vapore del componente più volatile (X(CH3OH) = 0,38) è maggiore della sua frazione molare in fase liquida (X(CH3OH) = 0,22).
La frazione molare in fase vapore del componente meno volatile (X(C2H5OH) = 0,62) è minore della sua frazione molare in fase liquida (X(C2H5OH) = 0,78).
In altre parole, i due liquidi evaporano insieme ma in rapporto diver
 
Quindi si applica la legge di Dalton non ai liquidi metanolo o etanolo, ma alle componenti vapore quindi agli aeriformi
Cita messaggio
Ovvio, l'esercizio in questione riguarda lo studio di un sistema all'equilibrio liquido-vapore.
Nel tuo programma di studio hai mai incontrato questi grafici???
http://www.uniroma2.it/didattica/CHIMICA...azione.pdf
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Sì li ho incontrati
Cita messaggio
... li hai salutati e te ne sei andata via di corsa???
Sono perfetti per spiegare visivamente le leggi di Raoult e di Dalton per un equilibrio di fase liquido-vapore di una soluzione a due componenti entrambi volatili, ovvero l'esercizio in questione. ;-)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Mi tocca riincontrarli :-) e ripassarli perché il giorno dell'esame è sempre più vicino, ma da quanto mi sembra di capire è che il mio è soprattutto un problema di logica, cosa molto preoccupante
Cita messaggio
Questa kp si dimostra con le formule che sopra ha spiegato vero?


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
Sono solo passaggi matematici.
Quello che hai scritto tu, ovvero:
Kp = P(A) · P(B) / P
è sbagliato :-(

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Kx sarebbe k riferita alle frazioni molari?
Cita messaggio
Ovvio che sì. ;-)
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)