esercizio bilanciamento
Ma in questa equazione come faccio a sapere i numeri di ossidazione di OCN- a parte ovviamente l'ossigeno ?

Questo èil mio tentativo


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
Se vuoi sapere i numeri di ossidazione reali di C e N nello ione CN- e di O, C e N nello ione OCN- il metodo migliore è quello di scrivere le formule di struttura di questi due ioni e poi, da queste, si spiega tutto molto facilmente.
Sai scrivere le due formule di struttura???

Il metodo che ti sta spiegando nella risoluzione (che hai tagliato) non consiste nel calcolare i numeri di ossidazione ma di bilanciare le due semireazioni con OH- e H2O in modo che risultino gli elettroni in ciascuna semireazione.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
No il disegno delle formule di sturttura non lo abbiamo trattato ma Lei inviò in un post tutte le tecniche da pllicare e me lo spiegò ma dopo sei mesi circa ho dimenticato!!!
Ma pur semza usare i numeri di ossidazione la redox basica può essere bilanciata con gli OH- invece che con gli H+ come ha fatto l'autore del libro?
Riallego la spiegazione

Questo è il continuo


AllegatiAnteprime
      
Cita messaggio
Una redox in ambiente basico deve essere bilanciata con OH- e H2O e non con quel metodo, a mio parere assurdo, di bilanciarla con gli H+ e l'H2O per poi passare dall'ambiente acido a quello basico.
Questo è nell'ordine quello che si deve fare:

   

Per tua conoscenza, le formule di struttura degli ioni e del composto inerenti alla redox sono:

   

Non te lo ricorderai, ma nel programma di Chimica generale e inorganica che mi hai inviato in MP l'argomento "struttura atomica", "concetto di valenza" e "formule di struttura" viene trattato eccome :-(
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
Rosa
Ma i docenti non sono obbligati a sovlgerlo tutto! Il programma viene svolto in maniera diversa da ogni prof io ho tutti gli appunti e sbobinature delle lezioni (pure se non capisco di chimica) e non c'è nessuna spiegazione su come disegnare le formule perché un po' forse le danno per scontato o perché comunque le foto delle strutture nelle slides ce le fanno vedere pure se non ci dicono quali regole usare. Non c'è tempo!Abbiamo comunque parlato di strutture di Lewis. Però per esempio non so perché magari gli atomi doppio legati all'ossigeno si mettono con quell'angolo di inclinazione che Lei ha rappresentato.
Quindi posso evitare quel metodo aaaurdo spiegato dal libro. Io usavo il metodo che dice Lei (che mi spiegò in 1000 post!!!) ma il mio libro usa questo.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)