esercizio redox
Avrei questa redox da risolvere:

Al + Fe3(SO4)4 --> Fe + S + Al2O3

Non sapendo se questo solfato sia solubille o meno non sapevo se fare il metodo ionico

Ho provato allora il metodo del conto elettronico:

OX:
Al (0) --> Al (+3)
2Al (0) --> 2Al (+3) + 6e-
Fe3(SO4)4 --> Fe + S

RID:
Ho qualche dubbio.

Fe passa da 8/3 a 0 --> come faccio a capire quanti e- scambiati sono? posso moltiplicare ambo i membri per 3 e quindi ottenere che passa da 8 a 0 e scrivere:

3Fe(+8/3) -->3 Fe(0)
3Fe(+8/3) + 8e- -->3 Fe(0) (il 3 deriva dal bilancio di massa della specie coinvolta nella redox)


S(+6) --> S(0)
4S(+VI) + 24e- --> S(0)

TOT RID: 30 e- X1
OX: 6e- X5

Ha senso ?
graziee
Cita messaggio
Ha senso, però hai sbagliato il conteggio degli elettroni totali per la riduzione, sono 32, non 30.

Io comunque mi trovo meglio con il metodo ionico-elettronico:

   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow
Wink 
(2021-06-23, 12:47)LuiCap Ha scritto: Ha senso, però hai sbagliato il conteggio degli elettroni totali per la riduzione, sono 32, non 30.

Io comunque mi trovo meglio con il metodo ionico-elettronico:

il mio problema con quel metodo è che non so mai bene se aggiungere OH- o H+

In questo caso siamo in ambiente acido perchè abbiamo l'ossido di alluminio?
Fossimo stati in ambiente acido si sarebbe dovuto "sciogliere" ?

grazie
Cita messaggio
Quando ci sono degli ossidi l'ambiente è basico.
L'alluminio, in realtà reagisce sia in ambiente acido che in ambiente basico:

2 Al(s) + 3H2SO4 --> Al2(SO4)3 + 3 H2(g)

2 Al(s) + 3 H2O(l) --> Al2O3(s) + 3 H2(g)
Al2O3(s) + 6 NaOH(aq) --> 2 Na3AlO3(aq) + 3 H2O
-----------------------------------------------------------------------
2 Al(s) + 6 NaOH(aq) --> 2 Na3AlO3 + 3 H2
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)