esercizio redox : difficoltà
Ciao!!

Ho questo esercizio redox da fare ma con il solito procedimento non mi viene.
Ho iniziato bilanciando le specie coinvolte nella redox per stabilire il numero corretto di e- scambiati (esempio lo zolfo che a dx era solo 1 gli ho messo un 2 davanti e poi ho contato il n e- scambiati)

FeS2 + Na2O2 --> Na2FeO4 + Na2SO4 + Na2O
FeS2 + Na2O2 --> 2 Na2FeO4 + Na2SO4 + Na2O

OX1: Fe(II) --> Fe(VI) + 4e-
OX2: S(-I) --> S(VI) + 7e- x 2 = 14 e-
OX TOT = 18e-


RID:
O(-1) + 1e- ---> O(-2)


MA ho problemi nell'impostare la reazione di riduzione in quanto l'O in Na2O2 si riduce in 3 specie nei prodotti
Devo considerarle tutti e tre i prodotti? ma cosi facnedo poi sballo il bilanciaemto di Fe e S.

GRazie
Cita messaggio
   
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
Qualche domanda/considerazione sparsa:

1) Come fai a capire che bisogna aggiungere NaOH?
Cioè in genere H2O si fa in "automatico" ma per gli altri reagenti non è cosi facile...o mi sto perdendo qualcosa

2) Inoltre con il mio metodo avrei potuto comunque farla?? perche poi avevo provato e mi veniva un 18 a dx ma appunto non immaginavo di poter aggiungere NaOH
... o dovevo per forza farla con il metodo delle semireazioni in forma semi ionica?

3) SBAGLIO o la difficoltà qua stava nel capire che evidentemente gli Ossigeni dei prodotti non derivavano tutti da Na2O2 ma in parte da NaOH (e la difficoltà stava proprio nell'immaginarselo visto che non era riportato tra i reagenti)

4) nell'equazione ionica FeS2 l'hai tenuto indissociato perchè ha scarsa solubultà? come potrei capirlo? Posso immaginare all'analogo degli ossidi che in genere non si riportano dissociati??

GRAZIE
Cita messaggio
1) Come fai a capire che bisogna aggiungere NaOH?
Cioè in genere H2O si fa in "automatico" ma per gli altri reagenti non è cosi facile...o mi sto perdendo qualcosa
Per bilanciare le cariche elettriche si possono usare H+ o OH-; poiché uno dei prodotti è un ossido e non si forma H2S, l'ambiente deve essere per forza basico.

2) Inoltre con il mio metodo avrei potuto comunque farla?? perche poi avevo provato e mi veniva un 18 a dx ma appunto non immaginavo di poter aggiungere NaOH
... o dovevo per forza farla con il metodo delle semireazioni in forma semi ionica?
Si riesce a bilanciare anche con il tuo metodo che io non apprezzo molto perché ci sono cariche volanti non bilanciate; bisogna comunque capire di aggiungere NaOH nei reagenti.

   

3) SBAGLIO o la difficoltà qua stava nel capire che evidentemente gli Ossigeni dei prodotti non derivavano tutti da Na2O2 ma in parte da NaOH (e la difficoltà stava proprio nell'immaginarselo visto che non era riportato tra i reagenti)
Sì, una delle difficoltà era questa, l'altra era capire che ci sono due elementi che si ossidano.

4) nell'equazione ionica FeS2 l'hai tenuto indissociato perchè ha scarsa solubultà? come potrei capirlo? Posso immaginare all'analogo degli ossidi che in genere non si riportano dissociati??
Esatto, tutti gli elettroliti deboli (tipo gli acidi deboli), i composti insolubili in acqua (tipo gli ossidi) e gli elettroliti forti insolubili in acqua (tipo FeS2).

A voler essere puntigliosi, poiché l'Na2O reagisce in H2O per dare NaOH, la reazione finale dovrebbe essere:

   

Quindi l'NaOH è funzionale solo per bilanciare le semireazioni in forma ionica!!!
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
xshadow




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)