esercizio termodinamica
data la reazione CaO+CO2=CaCO3
determinare qual è il calore in gioco misurato in c.s nella formazione di 1 kg di carbonato di calcio. qual è l'effetto di un aumento di temperatura sull'equilibrio? un aumento di pressione ha lo stesso effetto?

Svolgimento:
per calcolare il calore in gioco devo prima di tutto calcolare il deltaH di reazione.

deltaH=-178

adesso posso calcolare il numero di moli di CaCO3

n=g/MM=1000g/100,1=10 mol

per calcolare il calore utilizzo Q=ne x F

come ricavo ne?

nCaCO3:ne=1:x ?
cosa comporta un'aumento di temperatura/pressione?

Grazie!
Cita messaggio
n=g/MM=1000g/100,1=1mole
Veramente sono 10 moli. :-(

per calcolare il calore utilizzo Q=ne x F
come ricavo ne?
nCaCO3:ne=1:x ?
Questa formula non c'entra nulla, la reazione non è una redox.
E poi il prodotto ne- x F non è il calore, ma la quantità di carica. :-(
Che unità di misura ha il valore -178 (corretto) che hai calcolato?
Quante moli di CaCO3 hai a disposizione??? Quindi...


cosa comporta un'aumento di temperatura/pressione?
Temperatura: Cosa significa il valore negativo del ΔH che hai calcolato???
Considerando questo calore come un vero e proprio reagente della reazione, lo inserisci fra i reagenti o fra i prodotti?
A questo punto devi considerare da che parte si sposta l'equilibrio se si aumenta la temperatura del sistema.
Pressione: la variazione della pressione influenza solo i componenti in fase gassosa.
Bisogna scrivere la reazione con gli stati fisici:
CaO(s) + CO2(g) <==> CaCO3(s)
Si tratta di un equilibrio gassoso in fase eterogenea con Δn = -1, cioè avviene con una diminuzione del numero di moli allo stato gassoso.
A questo punto devi considerare da che parte si sposta l'equilibrio se si aumenta la pressione che agisce sul sistema; un aumento di pressione significa una diminuzione del volume del sistema.

La teoria prima degli esercizi!!!
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
salve Luisa,

ottengo -178 KJ/mol ho un valore negativo di delaH quindi è una reazione esotermica.

il numero di moli di CaCO3 sono 10 moli.

allora quando:

Q=K equilibrio

Q<K spostata a destra

Q<K spostata a sinistra

in una reazione endotermica un'aumento di temperatura aumenta il valore della costante di equilibrio.

non so cosa accade se viene aumentata la pressione :-(

calcolo K:

K=[CaCO3]/[CaO][CO2]=1/[][]
come trovo le concentrazione dei reagenti all' equilibrio? 
Q=[CaCO3]/[CaO][CO2]=

Grazie!
Cita messaggio
Stai facendo confusione tra l'effetto che provoca un aumento di temperatura sul valore della costante di equilibrio e sull'effetto provocato dalla variazione della concentrazione a temperatura costante.

      
      

Per la reazione:
CaO(s) + CO2(g) <==> CaCO3(s)
la Kc è:
Kc = [CaCO3]/[CaO][CO2] = 1/[CO2]
perché la concentrazione dei solidi è sempre unitaria.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
cri98
salve Luisa,
anzitutto grazie grazie grazie :-) per la teoria spiegata perfettamente.

nel mio caso aumentando la pressione ottengo un deltan <0 

deltan= 0+0-(1+0)=-1

l'equilibrio si sposta verso i prodotti e la costante di equilibrio aumenta.

ancora grazie!
Cita messaggio
Il Δn della reazione in questione è sempre uguale a -1, indipendentemente dalla pressione e dalla temperatura.
Se si aumenta la pressione a temperatura costante si ha:
- Kc e Kp restano costanti perché dipendono solo dalla temperatura
- Kx aumenta perché dipende sia dalla temperatura e dalla pressione
- l'equilibrio si sposta verso i prodotti, ovvero la [CO2] dimuiuisce

La Kp aumenta solo se si aumenta la temperatura.
Se la temperatura aumenta da T1 a T2, la K2 si calcola in base all'equazione di Van't Hoff:
ln K2 = ln K1 - ΔH°/R · (1/T2 - 1/T1)

Mi sembra impossibile che sul tuo libro di testo non siano spiegati questi argomenti.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
cri98
salve Luisa

gli argomenti sul libro di testo ci sono ma sono spiegati con i piedi e non vengono approfonditi (gli appunti che mi hai inviato superano il contenuto del libro pensa un pò..)

Grazie!
Cita messaggio
Pensa un po', sono tratti, con qualche adattamento in difetto, da un libro di testo per la terza classe di un ITI ad indirizzo Chimica e materiali.
Non so quale corso di laurea frequenti, ma in genere all'università gli argomenti sono molto più approfonditi. :-(
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
cri98
devo sostenere un'esame di chimica generale di 6 CFU per ingegneria.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)