esericizio combustione
Salve a tutti, sto trovando difficoltà di comprensione di questo esercizio..

Calcolare il volume di ossigeno (nonché il relativo volume di aria),
misurati a c.n., richiesto per bruciare completamente 30 g di disolfuro di
carbonio, liquido, ad anidride carbonica e biossido di zolfo. Calcolare
inoltre i volumi dei gas finali e la composizione della miscela.

Ho provato a ragionarci.. le reazioni di combustione portano sempre alla formazione dei relativi ossidi. 
Di conseguenza la reazione dovrebbe essere:

CS2+O2---> CO2+SO2+H2O


così non è ovviamente bilanciata, ma non so se è giusta e sono indecisa sulla presenza dell'acqua.. per calcolare il volume di ossigeno, penso di dover partire dal numero di moli che potrei ottenere considerando il reagente limitante (a patto che la reazione sia corretta) e poi moltiplicarlo per 22,414 in quanto una mole di gas in condizioni normali occupa sempre 22,414 litri ...
Anidride solforosa e anidride carbonica sono entrambi due gas quindi dovrei calcolare le moli di entrambi per vedere il loro volume dato che nell'esercizio chiede "volumi dei gas finali", ma non so se ho tutti i dati per farlo... io so solo che ho 30 g di disolfuro di carbonio

Poi successivamente viene chiesta la composizione della miscela, con questa dicitura si intende la composizione peso su peso?

Grazie mille a chi potrà risolvere i miei mille dubbi... mi scuso per qualche strafalcione
Cita messaggio
Qualsiasi ragionamento lo devi fare con la reazione bilanciata!!!

CS2(l) + 3 O2(g) --> CO2(g) + 2 SO2(g)

L'H2O non si può formare perché nel reagente non c'è idrogeno. Infatti il testo dice "... ad anidride carbonica e diossido di zolfo...".
Questo significa che per ogni mole di CS2 occorrono 3 moli di O2.
Il volume di aria (sottintendendo che sia aria secca) si calcola sapendo che in essa l'O2 è presente per il 21% in volume.
Il reagente limitante non c'entra nulla perché il testo dice "... bruciare completamente...". Questo significa che a fine reazione i reagenti si sono trasformati completamente nei prodotti, il cui rapporto molare di combinazione è di 1 mole di CO2 e 2 moli di SO2.
Per composizione della miscela si intende la loro frazione molare o la percentuale in volume. Per calcolare la percentuale in peso occorrono le densità dei due gas, dati che il testo non fornisce.
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
paola890
(2019-03-02, 16:52)LuiCap Ha scritto: Qualsiasi ragionamento lo devi fare con la reazione bilanciata!!!

CS2(l) + 3 O2(g) --> CO2(g) + 2 SO2(g)

L'H2O non si può formare perché nel reagente non c'è idrogeno. Infatti il testo dice "... ad anidride carbonica e diossido di zolfo...".
Questo significa che per ogni mole di CS2 occorrono 3 moli di O2.
Il volume di aria (sottintendendo che sia aria secca) si calcola sapendo che in essa l'O2 è presente per il 21% in volume.
Il reagente limitante non c'entra nulla perché il testo dice "... bruciare completamente...". Questo significa che a fine reazione i reagenti si sono trasformati completamente nei prodotti, il cui rapporto molare di combinazione è di 1 mole di CO2 e 2 moli di SO2.
Per composizione della miscela si intende la loro frazione molare o la percentuale in volume. Per calcolare la percentuale in peso occorrono le densità dei due gas, dati che il testo non fornisce.

Non riesco comunque a capire come sfruttare a mio vantaggio la sola informazione dei grammi di solfuro, ho capito il suo ragionamento, ma non riesco a risolvere il problema..
Cita messaggio
n O2 = n CS2 · 3
n CO2 = n CS2
n SO2 = n CS2 · 2

Prova a proseguire tu.
Correggo una mia affermazione che ho scritto prima: puoi anche calcolare la % in peso della miscela gassosa. Blush
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano LuiCap per questo post:
paola890




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)