lavaggi
hahahahahah ma e bello anzi appassionante sdtudiare la chimica se non ti dispiace potresti passare sul mio altro thead

Cita messaggio
ragazzi potete spiegarmi una cosa come potrei rendermi la vita più facile con questa reazione magari prendermi alluminio gia puro o voi che mi consigliate?
Mettiamo nel pallone 20g di foglio alluminio tagliuzzato (alluminio delle pentole da forno), mettiamo poi 350mL di acqua (H2O) e 0,1g di Hg Sale (o anche una piccola spatola), dopo di che mescolate. Vedrete che iniziera la reazione lasciatela andare, si formeranno delle bolle, si formerà un precipitato grigio chiaro e sull alluminio ci saranno macchie argentate più lucide.
Sarà completa in circa 15-30 minuti.
Eliminare l'acqua che resta dopo la reazione mettendola nella tazza e aggiungere altri 350mL di acqua, agitare un po', rimuovere nuovamente l'acqua, e aggiungerne altri 350mL agitare e buttare nella tazza lasciando l'alluminio nel pallone. In pratica bisogna fare 2x350mL lavaggi al Al.
Immediatamente inserire nel pallone, contenente alluminio, in quest'ordine
Cita messaggio
Che reazione è?
0,1 di Hg o di un sale di Hg?
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
alehobby10
A me pare la formazione di un'amalgama di alluminio.
Tipicamente si usa mercurio(II) cloruro in soluzione acquosa. Sotto agitazione, si aggiunge alluminio in polvere o in trucioli, e si attende la reazione arrivi a completezza.
Questa amalgama viene usata come reagente chimico per ridurre composti, come ad esempio la riduzione di immine ad ammine. L'alluminio è il donatore di elettroni ultimo, ed il mercurio serve a mediare il transfer di elettroni.
La reazione stessa ed il rifiuto che si forma da essa contengono mercurio, così è cosa saggia prendere le dovute precauzioni di sicurezza e predisporre lo smaltimento dei metalli pesanti. Quali alternative amiche dell'ambiente, come si dice, gli idruri o altri agenti riducenti possono spesso essere usati per ottenere i medesimi risultati sintetici. Un'altra alternativa amica dell'ambiente è una lega di alluminio e gallio che in modo simile rende l'alluminio più reattivo prevenendo la formazione dell'ossido superficiale.

Come ben saprete, l'alluminio esposto all'aria si protegge di norma tramite uno strato del proprio ossido dello spessore di una molecola. Questo ossido di alluminio serve come barriera protettiva dello strato di alluminio sotteso ad esso e serve a prevenire la reazioni chimiche con il metallo. Il mercurio che viene in contatto con esso non lo intacca. Comunque, se qualsiasi alluminio elementale (anche attraverso un graffio recente) venisse esposto, il mercurio potrebbe combinarsi con esso formando l'amalgama. Questo processo può continuare molto più in profondità rispetto alla superficie del metallo immediatamente esposta, potenzialmente reagendo con una larga parte dell'alluminio in toto prima che esso finalmente finisca.
Il risultato netto è simile a quello degli elettrodi a mercurio spesso usati in elettrochimica, eccetto per il fatto che invece di fornire elettroni attraverso una fonte elettrica essi sono forniti dall'alluminio che diventa ossidato nel processo. La reazione che avviene alla superficie dell'amalgama può in verità essere una idrogenazione piuttosto che una riduzione.

La presenza di acqua nella soluzione è presumibilmente utile—addirittura necessaria; la amalgama elettron-ricca ossiderà l'alluminio e ridurrà gli H+ dall'acqua, creando alluminio idrossido Al(OH)3 ed idrogeno gassoso H2. Gli elettroni dall'alluminio riducono lo ione mercurico Hg2+ a mercurio metallico. Il mercurio metallico può quindi formare un'amalgama con l'alluminio metallico esposto. L'alluminio amalgamato è quindi ossidato dall'acqua, convertendo l'alluminio ad alluminio idrossido e rilasciando mercurio metallico libero. Il mercurio generato quindi torna nel ciclo catalitico tramite questi due passaggi fino a quando la fonte di alluminio non viene consumata.


AllegatiAnteprime
   
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
NaClO, alehobby10
hai perfettamente ragione 'quimico' e una formazione di amalgama di alluminio volevo pero capire se potevo risparmiarmi questo processo poichè anche se non e difficile e un po una perdita di tempo
comunque e la sintesi della dimetilammina che non ho voluto sintetizzare con questo metodo appena finito l'esperimento lo posterò

(2016-09-18, 08:19)TrevizeGolanCz Ha scritto: Che reazione è?
0,1 di Hg o di un sale di Hg?
dimetilammina
credo volesse intedere che si potrebbe fare con entrambi
Cita messaggio
No no è che avevi scritto Hg Sale e non capivo...
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
alehobby10
(2016-09-18, 16:01)TrevizeGolanCz Ha scritto: No no è che avevi scritto Hg Sale e non capivo...

hahahahaha scusami sono di difficile interpretazione pensavo volessi dire due cose distinte Rolleyes
Cita messaggio
Magari se scrivessi in italiano, non sarebbe male *Tsk, tsk*
Non è facile leggerti. Trovo fastidiosa la cosa.
E non è uguale a È. Po' si scrive così.

Non ho capito. Cosa è la sintesi della dimetilammina?
Se scrivi un sale di mercurio non parli di dimetilammina. Al posto dell'amalgama si possono usare idruri, come ho scritto sopra *Si guarda intorno*
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
NaClO, Mario
scusami!
preferisco fare l'amalgama poichè ho gia memorizzato questo processo
Cita messaggio
(2016-09-18, 16:01)TrevizeGolanCz Ha scritto: No no è che avevi scritto Hg Sale e non capivo...

hai per caso del cloruro di mercurio(2)

anzi qualsiasi sale
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)