magia al fulmicotone
(2012-05-25, 22:51)Furyrossa Ha scritto: prego , noi maghi siamo un po`scuscettibili perche ci prendono in giro dandoci dei ciarlatani ... e definirmi furbetto mi rode (:
io mi sono interessato di chimica per motivi piu nobili , esempio studiare la chimica organica e prodotti chimici esempio aspartame , glutammato monosodico , additivi alimentari , svillupo dei cancri in campo alimentare ... per migliorare la mia vita e alla vita delle persone intorno a me .

Benvenuto.
E' certamente un campo interessante e molto ampio su cui discutere quello relativo al cancro e agli additivi alimentari. In effetti, pochi sanno quello che realmente è contenuto nei cibi confezionati. Sarebbe utile iniziare a parlarne anche qui... ;-)

Quanto alla magia, beh è sempre stata una cosa che fa discutere e alla fine è, nella sostanza, una presa in giro, ma fatta con arte ed esperienza. Non ci si improvvisa prestigiatori.
Nel caso del fulmicotone, avevamo già affrontato in passato l'argomento.
Non è illegale l'impiego, non è classificato come esplosivo.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Nel caso del fulmicotone, avevamo già affrontato in passato l'argomento.
Non è illegale l'impiego, non è classificato come esplosivo.


Questa affermazione mi sorprende.
Sempre che stiamo parlando della stessa cosa.
Per me il fulmicotone sopramenzionato corrisponde all'ordinario cotone fulminante e chimicamente è nitrocellulosa con il 13-13,5 % di N.
Ed è un esplosivo a tutti gli effetti.


saluti
Mario
Cita messaggio
Anche io sapevo come Mario questa cosa *Si guarda intorno*
Così mi avevano spiegato...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
(2012-06-01, 19:22)Mario Ha scritto: Nel caso del fulmicotone, avevamo già affrontato in passato l'argomento.
Non è illegale l'impiego, non è classificato come esplosivo.


Questa affermazione mi sorprende.
Sempre che stiamo parlando della stessa cosa.
Per me il fulmicotone sopramenzionato corrisponde all'ordinario cotone fulminante e chimicamente è nitrocellulosa con il 13-13,5 % di N.
Ed è un esplosivo a tutti gli effetti.


saluti
Mario


No, è in libera vendita e non ha restrizioni. Non è regolamentato.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Per quanto sia venduto liberamente come trucco da palcoscenico mantiene una sua rilevante pericolosità se usato senza le dovute cautele, che io sappia (e lo sappia), un batuffolino da pochi grammi tira fuori una palla di fuoco da mezzo metro, e la vampata, molto calda, è capace di bruciare le sopracciglia del malcapitato prestigiatore, nonché essere causa di incendi.

Se proprio non se ne può fare a meno il mio consiglio per chi vuole giocare a fare il mago, è quello di comprarselo bello e pronto. Esiste in fili, in fogli e in batuffoli. Tutti pronti all'uso.

http://www.fabbricamagia.com/index.php?m...s_id=12281

La produzione, seppur non particolarmente complessa, coinvolge acidi concentrati molto pericolosi con i quali non è buona idea trafficare se non si ha già una esperienza di base. Io lo sconsiglierei.

Ad ogni modo Furyrossa non stava chiedendo informazioni sulla produzione di esplosivi, semplicemente si presentava dicendo:

Citazione:"sono anche un prestigiatore e spesso uso prodotti chimici nei giochi e e`meglio sapere se sono dannosi o no (es.fulmicotone)"

Sul fulmicotone credo di averti risposto, su altri prodotti non c'è una risposta generica, bisognerebbe scendere nello specifico. Quando ci sono di mezzo sostanze chimiche comunque è sempre meglio stare attenti.

Prendiamo per esempio un classico trucco da palcoscenico come il sangue finto: questo viene fatto spalmandosi sulla pelle una sostanza chimica che reagisce con un altra sostanza posta su un coltello senza lama, il quale viene fatto passare sulla pelle e lascia vistosi tagli rosso sangue (finto ovviamente) dato dalla reazione delle due sostanze.

Sembra innocuo, ma la pelle è traspirante, e assorbe parte di ciò che la bagna... e le sostanze in questione non sono proprio innocue!

Un altro esempio coinvolge un mio amico che voleva fare il vulcano di vapore con l'acqua ossigenata, gettando dentro al contenitore un pizzico di permanganato di potassio che teneva tra le dita.

Dopo aver eseguito con successo il trucco si è dimenticato di avere i polpastrelli sporchi di permanganato e si è strofinato un occhio.

I chimici che leggono possono facilmente immaginarsi le dolorose conseguenze.

Insomma chimica + magia = molta attenzione

Se è un chimico che gioca a fare il magio è un conto, se è un mago che gioca a fare il chimico è un altro.
Cita messaggio
Sono andato a dare un occhiata al vecchio TULPS ed è (o era) classificata come esplosivo in 2° categoria, con tanto di numero identificativo.
Dovrei informarmi meglio se poi negli ultimi tempi mediante le nuove regolamentazioni è stata declassificata e dunque ne è permessa la vendita. Le ultime normative e classificazioni recepite dalla comunità europea infatti prevedono 2 categorie T1 e T2 che si riferiscono proprio a "artifici pirotecnici teatrali" ,magari confezioni con un limitato contenuto di questa sostanza sono state omologate proprio nella categoria T1 che non necessita di permessi particolari e dunque è stata resa commerciabile, dovrei informarmi meglio ma credo che sia andata così la storia!
Cita messaggio
E' una questione di livello di nitrazione. La nitrocellulosa (come termine generico) ha (o ha avuto) molteplici impieghi: pellicole cinematografiche (celluloide), pellicole protettive in terapie madicali (collodio e collodio elastico), contenitori per laboratorio (es. provette per ultracentrifugazione), materiale da riempimento per munizioni (polveri senza fumo), mio nonno, a esempio, ci caricava le cartucce per la caccia (non ho dettagli a riguardo, solo ricordi sfumati). Poi è usata in fotografia e nell'industria delle vernici, oltre a quella degli esplosivi. Le differenze d'impiego sono legate alla quantità di azoto contenuto nella sostanza.
E' verissimo che il fulmicotone (cotone fulmimante) è quello a maggior titolo in N (corrispondendo al prodotto trinitrato, ha non meno del 13% di N ), ma quello usato per i giochi di prestigio è sottoclassificato.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Max Fritz, Rusty
Si infatti ci pensavo ai diversi livelli di nitrazione del prodotto finale che cambiano molto le proprietà e l'utilizzo finale del prodotto, che come dici tu ha molteplici impieghi anche se ultimamente sono molto calati (per fortuna magari! Vedi le pellicole di celluloide che prendevano fuoco).
Però per questo tipo di "effetto" ci vuole tessativamente nitrocellulosa trinitrata altrimenti usando collodio oltre a non fare un bell'effetto ti scotti pure! asd
Poi altra questione che secondo me è limitante è sempre la fabbricazione, non può essere non regolamentata (e dunque vietata in casa). Per quanto il prodotto sia stato declassificato e dunque reso commerciabile ai maggiorenni, resta pur sempre un esplodente. Per fare un sempio anche i giocattoli pirici che prima della nuova normativa erano classificati in "libera vendita" ossia vendibili ai quattordicenni (ora cat. 1EU), dovevano comunque essere riconoscoiuti dal ministero, etichettati e la loro detenzione non deve superare un certo peso.
Ora mi sono fatto une veloce ricerca su internet per cercare di capirne un pò di più ma non ho tirato fuori un gran che, ho trovato solo diversi siti che vedono queste bustine ai maggiorenni ma nessuno che pubblichi una scheda di sicurezza,un etichetta, una regolamentazione. Probabilmente sarà scritta sulla bustina. Non posso credere (dopo le ultime circolari del 2011 specie) che possa essere fabbricata,detenuta e venduta da chiunque senza nessuna regolamentazione! Perfino l'alcool etilico deve sottostare a delle leggi in merito di stoccaggio e quantità massima detenibile in negozio, figuriamoci fulmicotone.
In pirotecnica ci sono aticoli a base di nitrocellulosa usati spesso, le varie fontane e effetti luminosi senza fumo, ma sono fuochi artificiali a tutti gli effetti, con tanto di etichettatura,classificazione da parte del ministero dell'interno e inserimento in una precisa categoria che ne regola la vendita il trasporto e la detenzione.
Se hai dei link a aticoli o pubblicazioni che spiegano la regolamentazione ti chiederei gentilmente di mandarmeli, essendo pirotecnico mi interessa l'argomento, non perchè mi capiti di usarlo ma perchè sono curioso...
Saluti.
Cita messaggio
Non ho materiale in proposito, l'esperto sei tu.
Io ho acquistato, però non di recente, nitrocellulosa (collodio o celloidina) senza restrizioni, per questo ritengo siano materiali in libera vendita. Se la normativa è cambiata, allora non ne sono a conoscenza.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Marzio
Comunque la magia non è far uscire un coniglio dal cappello o simil trucchi da prestigiatore.
" Trasformare rifiuti in risorse "
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)