reazioni redox
riposto in questa sezione la discussione che avevo già iniziato nella sezione di chimica inorganica 

Ciao a tutti!! sono alle prese con le reazioni di ossidoriduzione da una settimana ma ancora non mi sono chiari certi passaggi. Ad esempio utilizzando il metodo delle  semireazioni non ho capito quando devo e non devo moltiplicare gli elettroni persi e quelli acquisiti. Ad esempio:

I- +SO4−2 = I2+ 2O2

calcolando i numeri di ossidazione ho trovato che l'elemento che si riduce è lo zolfo( il suo n.o passa da +6 a +4) mentre l'elemento che si ossida è lo zolfo( il suo n.o passa da -1 a 0)

ho scritto le due semireazioni: SO4-2 + 4 elettroni = H2S
                                           2I-       -1 elettrone=   I2


il bilanciamento finale mi viene: 8I- + 2 SO42- + 10 H+ =  4I2+ 2H2S+ 4 H2O

mentre il risultato del testo è: 8I-+ SO42- +10 H+ = 4I2 + H2S + 4 H2O

come capisco quando moltiplicare e quando no gli elettroni?
nella verifica di lunedì come mi regolo?

mi servono urgentemente dei consigli perché è da una settimana che faccio esercizi tutto il giorno ma sbaglio sempre questo passaggio
Cita messaggio
La semireazione di ossidazione è:
2 I- --> I2 + 2 e-
lo iodio si ossida da -1 a 0.

La semireazione di riduzione è:
SO4(2-) + 10 H+ + 8 e- --> H2S + 4 H2O
lo zolfo si riduce da +6 a -2.

Con il metodo ionico-elettronico ogni semireazione deve essere bilanciata sia come numero degli atomi dei vari elementi, che come cariche reali.

Ora bisogna bilanciare il numero degli elettroni scambiati nel seguente modo:
4 x (2 I- --> I2 + 2 e-)
1 x (SO4(2-) + 10 H+ + 8 e- --> H2S + 4 H2O)

Infine si somma membro a membro:
8 I- + SO4(2-) + 10 H+ --> I2 + H2S + 4 H2O
Ciao
Luisa

Dal laboratorio se ne usciva ogni sera, e più acutamente a fine corso, con la sensazione di avere “imparato a fare una cosa”;
il che, la vita lo insegna, è diverso dall’avere “imparato una cosa”.
(Primo Levi)


Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)