teoria OM
salve a tutti...uno dei pilastri della chimica organica (e di quella generale) è dato dalle reazioni acido/base dove vi è sempre una interazione tra un orbitale vuoto ed una coppia di elettroni (ac/bas di lewis). In tutto ciò durante l'interazione si ha la formazione di un orbitale di legame sigma (o pigreco) a più bassa energia, (dove avviene il legame vero e proprio) e uno a più alta energia sigma (o pigreco)* di antilegame dove non si ha il legame. Poi ancora nell'orbitale di legame gli orbitali sono "in fase" e in quello di antilegame in "opposizione di fase". Ora non essendomi ben chiare alcune cose non riesco a far mia questa teoria che è fondamentale...in particolar modo non ho capito 3 cose: 1) cosa vuol dire che gli orbitali siano in fase o no, e quando sono in fase oppure no. 2)l'orbitale sigma* esiste fisicamente anche quando gli elettroni stanno nell'orbitale di legame, o si forma solo quando si ha un aumento dell'energia del sistema?? 3) in alcuni casi si parla di un terzo orbitale, oltre quelli accennati (legame e antilegame), ovvero quello di "non legame" dove non ho capito esattamente in cosa consista...scusate l'esposizione sempliciotta, ma  sarei infinitamente grato *hail* se qualcuno potesse aiutarmi a togliere questi dubbi che ostacolano un proseguimento sereno nell'appresa di un mondo meraviglioso quale quello dell'organica...cordialmente
Cita messaggio
Esistono parecchi libri che parlano in modo molto marcato su questi argomenti. Per spiegartu la MO ci vorrebbe un pomeriggio e sinceramente devo studiare.
Prova chimica inorganica di atkins.
Nulla si CREA, nulla si DISTRUGGE -Democrito & Lavoisier-
Cita messaggio
Ciao :-)!
Non sono mai stato molto bravo in questa branca della chimica, ma vediamo se il mio modo sempliciottto di esporre può esserti di aiuto!

Orbitali in fase o fuori fase:
secondo il dualismo onda-particella gli elettroni che occupano gli orbitali si comportano anche da onde, per cui quegli elettroni che si muovono lungo orbite fuori fase fra di loro per il fenomeno dell'interferenza si annullerebbero (si respingono).
http://www.larapedia.com/chimica/chimica...age008.gif
Il risultato è che al centro non hai densità elettronica (probabilità pari a 0 di individuare un elettrone).

Orbitale Sigma *:
quando gli elettroni non lo occupano questo "fisicamente" non esiste. (non ho ben capito se era questo il dubbio)

Orbitali di non legame:
prendo direttamente da wikipedia: "Gli orbitali non leganti invece non risultano il frutto di alcuna sovrapposizione (i non leganti puri), sono ininfluenti riguardo alla stabilità energetica della struttura molecolare ma influiscono sulla reattività chimica."
Sono perciò quegli orbitali che potrebbero partecipare a dei legami, ma a causa della loro disposizione spaziale non possono dare sovrapposizione. Non è la stessa cosa dell'antilegame, in quel caso c'è sovrapposizione, in questo invece manco si incontrano gli orbitali (per un fattore puramente geometrico)

Se il dubbio resta vedrò di scrivere qualcosa di più concreto, è ovvio che quanto ho detto varrebbe un'immediata bocciatura ad un esame, ma se serviva solo a mettere in chiaro alcuni concetti penso che basti :-)!

Ps. guglie95 non ha chiesto di farsi spiegare TUTTO l' MO, inoltre penso che prendere l'Atkins per porre rimedio ad alcune blande lacune sia come voler applicare la fisica quantistica ad un problema del tipo "si ha una macchina che viaggia a 50 chilometri all'ora, quanta strada ha percorso in 2 ore?"
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
ClaudioG., alberto
intanto grazie davvero dell'attenzione...stavolta ho capito in pieno il discorso dell'orbitale di non legame...però ancora non capisco il termine "in fase"...cioè quali sono queste orbite fuori fase e a cosa sono dovute e perchè si crea al centro un nodo? Ha a che fare con lo spin magari?
Cita messaggio
Se la sovrapposizione è tra due funzioni d'onda (Ψ) con lo stesso segno allora si dice "in fase"
Segni opposti -> "non in fase"
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ch01 per questo post:
alberto
Se preso singolo un'orbitale non può essere definito in fase o fuori fase, solo quando lo confronti con un altro puoi fare un paragone, per farti un esempio se te fai partire 2 cronometri nello stesso momento puoi definirli in fase, se non li fai partire insieme sono fuori fase, ma se ne fai partire solo uno come puoi definire quest'ultimo in fase o meno se non puoi fare nessun confronto?

Che cosa vuol dire che le orbite sono fuori fase? Ieri ti ho detto che gli elettroni possono essere visti come onde e non solo come particelle, quindi adesso parliamo di onde.
Prendiamo come esempio 2 onde sonore con la stessa frequenza:
abbiamo 2 onde sinusoidali che si scontrano, se sono in fase, ossia quando si scontrano le creste si sommano, avremmo un picco, se invece sono fuori fase la sovrapposizione comporterà l'annullamento delle 2 onde (mi viene in mente un bel esempio sempre col suono per farti capire meglio, ma dimmi te se ti interessa).
La stessa cosa avviene con gli elettroni di 2 orbitali che si sovrappongono, immaginali come 2 onde, non come 2 particelle!
Al centro si crea un nodo nel qual caso tu abbia due orbitali fuori fase proprio perchè in quel punto hai una probabilità pari a zero di trovare gli elettroni a causa dell'annullamento delle 2 onde! Il segno cambia proprio perchè fuori fase.

Dimmi se c'è ancora qualcosa di poco chiaro
8-)  Tanto vetro zero reagenti 8-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano TrevizeGolanCz per questo post:
alberto
ok diciamo che sta prendendo forma una nuova concezione di queste interazioni... proverò a rivalutarle attraverso questa nuova lente...vediamo come andrà...eventualmente riscriverò...grazie della solidarietà
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)