tris(2,2,6,6-tetrametil-3,5-eptandionato)Terbio(III)-4-dimetilamminopiridina
Photo 
Il Tb(DPM)3-4-DMAP viene preparato per reazione del dipivaloilmetano con il nitrato di terbio(III) in ambiente basico, e per successiva reazione del complesso ottenuto con la 4-dimetilamminopiridina
   
MATERIALE NECESSARIO
-Dipivaloilmetano
-Metanolo :tossico::infiammabile:
-Terbio(III) nitrato :irritante:
-Metossido di sodio :infiammabile:
-Esano :irritante::infiammabile:
-4-dimetilamminopiridina :tossico:
Il metanolo è tossico e praticamente inodore, occorre lavorare in ambiente ben ventilato. La 4-dimetillamminopiridina è tossica e può essere mortale per contatto con la pelle, utilizzare guanti adatti.

PROCEDIMENTO:
In un recipiente con tappo da 25ml si pesano il più rapidamente possibile 0,45g di metossido di sodio e si sciolgono in 4ml di metanolo.
Una volta che tutto il metossido si è disciolto e si ha una soluzione limpida, si aggiungono 4ml di metanolo, seguiti da 1,7ml di dipivaloilmetano.
L'aggiunta di dipivaloilmetano va fatta lentamente e sotto agitazione continua.
In un altro recipiente si sciolgono 1,2g di nitrato di terbio(III) in 3ml di metanolo, e si scalda per facilitare la dissoluzione.
A questo punto si aggiunge la soluzione di nitrato di terbio(III) a quella preparata precedentemente; l'aggiunta va fatta goccia a goccia e mescolando continuamente.
      
La soluzione si intorbidisce e inizia a precipitare il complesso.
Si lascia riposare per 30min,si raccolgono i cristalli e si asciugano all'aria.
La resa è stata di circa 1,5g.
   
Si presenta come cristalli gialli di circa 4-5mm di lato.
A questo punto si scioglie il prodotto finale in 30ml di esano e si scioglie fino a completa dissoluzione.
In un altro recipiente si sciolgono 0,5g di 4-dimetilamminopiridina (GUANTI!!) in 15ml di esano, e si scalda fino a completa dissoluzione.
Si uniscono le due soluzione, non si nota un cambiamento di colore, e si scalda ad ebollizione e si lascia riposare per 1 ora.
   
trascorso questo tempo si lascia evaporare l'esano e si raccoglie il complesso che si presenta come una polvere cristallina che va dal bianco al giallo a seconda del tipo di illuminazione.
Il prodotto è fortemente fluorescente e presenta una evidente triboluminescenza verde, che si nota anche di giorno.
      
La resa è stata di 1,2g corrispondente al 55% sulla base del nitrato di terbio esaidrato
Ecco un video che mostra la triboluminescenza. Purtroppo non si vede molto!
http://www.youtube.com/watch?v=10fn2vdeylQ

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano ale93 per questo post:
marco the chemistry, Max Fritz, Mario, fosgene, al-ham-bic, oberon, rock.angel
Molto bello ale! Solo un paio di domanda: come fai a conservare NaOMe solido? Non è un po' troppo reattivo? Io avrei fatto i calcoli sul sodio da usare per ottenere quella quantità e l'avrei tenuto in soluzione di MeO!
Seconda cosa: dove trovi quei bei boccettini? asd Sono l'ideale per tenere bene i liquidi!
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Grazie!
NaOMe lo conservo sotto argon!
La boccetta l'ho comprata dalla colaver e pagat circa 4€

Cita messaggio
Ottimo lavoro anche questo!
E semplicemente splendida quella triboluminescenza *clap clap*
Cita messaggio
Grazie!
Purtroppo non si vede granchè perchè i cristalli sono venuti molto piccoli, dovrei trovare un solvente adatto per ricristallizzare!

Cita messaggio
Io mi sono sempre sintetizzato ottimamente NaOMe e NaOEt. Solidi non sono un così grande problema se si sa come si maneggiano. Nulla a che vedere con altri composti tipo gli organolitio.
Interessante sintesi. Ottimo lavoro.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
I miei omaggi Ale *Hail*, era tanto che cercavo questa sintesi, io ne avevo solo un abbozzo che non mi convinceva affatto...

Volevo chiedere: come intensità, è >,< o = a quella del complesso dell'Eu con dibenzoilmetano ed Et3N ??

Adesso immagino sia il turno del Dy ed eventualmente del Sm....

A proposito di solvente adatto, la mia procedura usava come solvente l'acetonitrile, che a me manca tra parentesi, magari va bene per ricristallizzare se ne hai...
Cita messaggio
Grazie!
Per quanto riguarda il confronto con il complesso di Eu, purtroppo non saprei dirti perchè ancora ho preparato il complesso!
Proverò con acetonitrile! Sai per caso la solubilità?

Cita messaggio
(2013-01-29, 14:33)ale93 Ha scritto: Grazie!
Per quanto riguarda il confronto con il complesso di Eu, purtroppo non saprei dirti perchè ancora ho preparato il complesso!
Proverò con acetonitrile! Sai per caso la solubilità?

Ah, non l'avrei mai detto che ti manca quello con Eu O_O....a me manca quello che hai appena fatto, ho quello con Eu e quello con CuSCN, Py e PPh3...Mi auguro vivamente che prima o poi salti fuori un complesso che dia una triboluminescenza molto intensa col colore della fiamma del Li!!!!*Sbav*

Purtroppo non conosco la solubilità in MeCN azz!, altrimenti l'avrei scritta....il mio abbozzo non dice neppure quanto ne occorre per la reazione, uno dei motivi per cui avevo accantonato la sintesi....
Cita messaggio
(2013-01-29, 17:19)oberon Ha scritto: Ah, non l'avrei mai detto che ti manca quello con Eu O_O....a me manca quello che hai appena fatto, ho quello con Eu e quello con CuSCN, Py e PPh3...Mi auguro vivamente che prima o poi salti fuori un complesso che dia una triboluminescenza molto intensa col colore della fiamma del Li!!!!*Sbav*

Purtroppo non conosco la solubilità in MeCN azz!, altrimenti l'avrei scritta....il mio abbozzo non dice neppure quanto ne occorre per la reazione, uno dei motivi per cui avevo accantonato la sintesi....
Ti rispondo ora!
Per quanto ho visto il complesso di terbio ha una triboluminescenza più forte rispetto a quello di Eu! Inoltre mi sembra che il complesso di Tb sia più "sensibile" , nel senso che basta sfregare leggermente una superficie su cui è posto uno strato sottile di complesso e si nota subito la triboluminescenza.

Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)