ANALISI DELLE ACQUE (5): determinazione della durezza
Determinazione della durezza totale (metodo complessometrico)

Reattivi:
EDTA sodico (sale bisodico dell'acido etilendiaminotetracetico) soluzione 0,01 M
Soluzione tampone ammoniacale pH 10 : 350 mL di idrossido di ammonio 35%, 54 g di cloruro di ammonio, acqua distillata q.b. a 1 L.
Nero eriocromo T: solido diluito 0,1% con NaCl in polvere

Modo di operare:

Porre in un becker da 200 mL un volume di acqua di pozzo o di superficie pari a 100 mL, quindi riscaldare l'acqua su una piastra riscaldante, a una temperatura di 40-45°C. Versare 20 mL di tampone ammoniacele e agitare con ancora magnetica. Porre una punta di spatola di indicatore Nero Eriocromo T e miscalare. La soluzione diviene rosa intenso. Iniziare a titolare con EDTA M/100 fino a un colore rosa-lilla. Quindi attendere qualche secondo prima di continuare la titolazione. Procedendo la soluzione passa all'azzurro e resta di questo colore in modo stabile.
Valutare i mL di titolante occorsi al viraggio.

Calcolo:
La durezza totale in gradi francesi (°F) è data direttamente dal volume di mL di EDTA M/100 utilizzati, arrotondati al decimale.

Se si vuole esprimere la durezza totale in mg/L di CaCO3 allora moltiplicare i mL di titolante per 10.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
**R@dIo@TtIvO**, ENNIO VOCIRZIO, Roberto
tipico metodo che insegnano. carino ma io non ho mai amato questa chimica. però è un modo semplice per capire ;-)
inoltre vendono kit comodi e semplici da usare. per uso domestico, ad esempio.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Tanto tipico da essere inserito tra i metodi ufficiali d'analisi delle acque. Ci possono essere delle varianti, ma la titolazione complessometrica resta rapida, economica e facilmente accessibile. I metodi strumentali hanno prezzi proibitivi.Rolleyes
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
È il metodo che usano nei kit portatili ?
Cita messaggio
credo di sì... sinceramente non ho mai usato un kit portatile per la durezza dell'acqua ma ho sempre fatto tramite titolazione gravimetrica...
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Oltre che nei kit portatili penso sia proprio uno dei metodi ufficiali per determinare la durezza dell'acqua anche in laboratori di analisi.
Io l'ho provata. Il viraggio non è così netto, infatti conviene aspettare un po' quando siamo nei pressi del punto equivalente, denotato dal persistere della goccia celeste nella soluzione che, se non contiene troppo Nero Eriocromo T, è di color rosa/violetto pallidi.
Come metodo funziona bene ed è preciso, se la titolazione viene ben svolta.
A noi come limite di errore ci davano 0,5%.

Se siete interessati posso postare la trattazione approfondita della complessometria per la durezza di un'acqua.
oO° elena [pink_chemist] °Oo
Cita messaggio
Noi siamo interessati. ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
posta posta.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
Oggi non avevo nulla in programma, e allora ho provato la metodica.
Vf(mL) EDTA = 12,00 mL
durezza in gradi francesi = 12,0 °F
durezza totale = 120,0 mg CaCO3/ L

L'acqua che ho usato è quella del mio rubinetto di casa.
Prima di iniziare la titolazione :    
Al punto finale :    
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Christian per questo post:
Dott.MorenoZolghetti, Mario
(2009-08-18, 20:24)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Determinazione della durezza totale (metodo complessometrico)

Reattivi:
EDTA sodico (sale bisodico dell'acido etilendiaminotetracetico) soluzione 0,01 M
Soluzione tampone ammoniacale pH 10 : 350 mL di idrossido di ammonio 35%, 54 g di cloruro di ammonio, acqua distillata q.b. a 1 L.
Nero eriocromo T: solido diluito 0,1% con NaCl in polvere

Modo di operare:

Porre in un becker da 200 mL un volume di acqua di pozzo o di superficie pari a 100 mL, quindi riscaldare l'acqua su una piastra riscaldante, a una temperatura di 40-45°C. Versare 20 mL di tampone ammoniacele e agitare con ancora magnetica. Porre una punta di spatola di indicatore Nero Eriocromo T e miscalare. La soluzione diviene rosa intenso. Iniziare a titolare con EDTA M/100 fino a un colore rosa-lilla. Quindi attendere qualche secondo prima di continuare la titolazione. Procedendo la soluzione passa all'azzurro e resta di questo colore in modo stabile.
Valutare i mL di titolante occorsi al viraggio.

Calcolo:
La durezza totale in gradi francesi (°F) è data direttamente dal volume di mL di EDTA M/100 utilizzati, arrotondati al decimale.

Se si vuole esprimere la durezza totale in mg/L di CaCO3 allora moltiplicare i mL di titolante per 10.


Una Domanda,...perchè riscaldare la soluzione ?
E' il test metodo che io adopero normalmente, ma io non ho mai riscaldato la soluzione (e forse ho sempre sbagliato eh...eh...)

Grazie in anticipo della risposta.
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)