Acido o-clorobenzoico
Dopo un piccolo periodo di inattività rieccomi con un'altra interessante sintesi! Questa volta rimpiazzeremo l'amino gruppo dell'acido o-aminobenzoico con un atomo di cloro, utilizzando la ben nota reazione di Sandmeyer!

Materiali:
- acido o-aminobenzoico (antranilico)
- cloruro di rame (o solfato)
- sodio nitrito
- acido cloridrico 20%
- sodio cloruro
- rame in polvere fina
- apparato per riflusso e poca altra vetreria

Procedimento:

Preparazione del riducente (CuCl in HCl):

In un pallone da 100 ml si pongono 9,2 g di CuCl2 diidrato, 9,4g circa di NaCl, 45ml di HCl 20% e 8g circa di rame in polvere (vanno bene anche i trucioli, ma la reazione sarà molto più lenta). Scaldare ad ebollizione con condensatore a ricadere fino a quando la soluzione non diventa incolore (usando la polvere la sol. diventa incolore prima di bollire). Far rafferddare a temperatura ambiente e poi in bagno di ghiaccio a 5°.

   
   
   

Preparazione del sale di diazonio:

In un becker da 500ml si pongono 7g di acido antranilico, 24ml di HCl 20% e 50 ml di acqua. Si scalda ad ebollizione per dissolvere tutto l'acido e poi si raffredda in bagno di ghiaccio (riprecipita tutto l'acido doppiamente protonato, ma in cristalli piccoli che velocizzano la diazotazione). Si aggiungono ora lentamente e mescolando bene 3,5g di NaNO2 dissolti in 15ml di acqua. La soluzione diventa limpida e giallina. Fare attenzione a non superare i 5°.
   

Preparazione dell'acido o-clorobenzoico:

Trasferire la soluzione riducente (cercando di decantare il Cu in eccesso, ma non è un problema se ce lo portiamo dietro) in un becker da 500 o meglio da 1000ml, sempre tenendola a circa 5°. aggiungere lentamente e sotto vigorosa agitazione la soluzione di sale di diazonio. Si avrà una copiosissima evoluzione di azoto gassoso e la precipitazione dell'acido desiderato. Questi due fattori causeranno la formazione di un'odiosa e densa schiuma che può anche uscire dal becker...regolare bene le aggiunte. Terminata l'aggiunta di tutto il sale di diazonio, mescolare per altre 2 ore a circa 15° e poi filtrare su bukner, lavando bene con acqua, le acque di lavaggio saranno colorante intensamente in verde a causa del rame che è stato ri-ossidato.
Trasferire il prodotto grezzo in un becker con 100ml di acqua e aggiungere Na2CO3 fino a completa dissoluzione dell'acido, rimarranno delle particelle indissolte (rame e composti rimasti dal lavaggio). Bollire per un paio di minuti con carbone decolorante e poi filtrare. Per riacidificazione si ottiene l'acido decentemente puro per il futuro utilizzo. La resa è quasi quantitativa. Volendo lo si può ricristallizzare da 300ml di acqua bollente + 20ml di EtOH.
La sintesi è stata presa dal Vogel, apportando qualche piccola modifica

               

Ecco a grandi linee i passaggi della sintesi:
   
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano marco the chemistry per questo post:
ohilà, al-ham-bic, MaXiMo, TETSU, Max Fritz, fosgene, Dott.MorenoZolghetti, ale93, GabriChan, quimico
E anche questa è fatta! ;-)
Che ne dici di aggiungere per completezza magari sotto l'ultima foto un paio di reazioncine?
Cita messaggio
Grazie al! Ho provveduto ad inserire i passaggi, credo possa andare bene così!
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
Le reazioni di Sandmeyer sono sempre molto "spumeggianti", a meno che si faccia ricorso a una vorticosa agitazione. Il prodotto è destinato a qualche altra sintesi? Oppure era soltanto un modo per "consumare" del preziosissimissimo acido o-aminobenzoico? Molti, me compreso, ti ucciderebbero per una simile opzione. ;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Mi sarei ucciso da solo tranquillo...asd Volevo provare la sintesi dell'acridone! Comunque ho letto che non è difficile sintetizzare l'antranilico o l' N-acetil antranilico... ossidi l' N-acetil o-toluidina con KMnO4 e il gioco è fatto...La via della ftalimide invece conduce a un olio nero..
ma mi sa che però sono un po' oltre il limite permesso..
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
(2014-02-25, 01:00)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Oppure era soltanto un modo per "consumare" del preziosissimissimo acido o-aminobenzoico? Molti, me compreso, ti ucciderebbero per una simile opzione. ;-)

Come mai preziosissimo?
"Il successo [...] non sta nel riuscire a risolvere problemi, ma nel renderli banali. Il vero momento di gloria arriva con la scoperta di una nuova teoria che non risolve nessuno dei vecchi problemi, ma li rende irrilevanti."
G. Rota
Cita messaggio
Scusate una domanda, ma l'acido o-aminobenzoico e 4-Aminobenzoic acid (CAS 150-13-0) solo la stessa cosa?

Preziosissimo? sarà per le: Anti-Gray-hair Factor ?
“Grandi menti parlano di idee, menti mediocri parlano di fatti, menti piccole parlano di
persone”
Eleanor Roosevelt
Cita messaggio
Orto e para sono due concetti affatto astratti. Orto posizione 2 dell'anello benzenico, para posizione 4. Inoltre le due molecole sono ben diverse anche sotto il profilo biochimico.

Preziosissimo perchè non viene venduto facilmente, essendo un precursore di stupefacenti.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
GabriChan, Frank
(2014-02-25, 21:45)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Preziosissimo perchè non viene venduto facilmente, essendo un precursore di stupefacenti.

Non ho mai capito come mai esistano precursori di categoria 2 di serie A e di serie B. Tra l'altro se la normativa non è cambiata, quantitativi inferiori ai 2kg non sono soggetti a particolari restrizioni. Eccetto quelle che il venditore può imporre a sua personale discrezione.
"Il successo [...] non sta nel riuscire a risolvere problemi, ma nel renderli banali. Il vero momento di gloria arriva con la scoperta di una nuova teoria che non risolve nessuno dei vecchi problemi, ma li rende irrilevanti."
G. Rota
Cita messaggio
Dipende da cosa tu intenda per "particolari restrizioni". Si tratta di un prodotto sottoposto a controllo, non viene venduto, in qualsiasi quantitativo, senza fornire le debite informazioni (dati anagrafici e ragione sociale, indirizzo, destinazione d'uso) e senza che queste siano registrate dal venditore e sottoposte all'Autorità di controllo, se dovesse essere necessario.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)