Ascolta caro Banderas...
Antonio, io ti voglio bene e ti apprezzo nella veste di attore, ma ti devo assolutamente illuminare sulla cottura dei frollini.
Vedi caro, i frollini possono essere cotti in due modi differenti, definibili "tradizionali", sia dentro, sia fuori dal Mulino.
Il primo metodo è detto "ad aria calda", nel quale il forno di cottura viene scaldato in vario modo (legna, gas, elettricità) e la cottura si ottiene per azione diretta dei raggi infrarossi, dei gas caldi e del calore trasmesso dai piani di cottura.
Il secondo metodo è quello denominato "a vapore" e il riscaldamento del forno, così come la cottura dei frollini, è ottenuto mediante l'impiego di vapore acqueo sotto pressione.
I vantaggi e gli svantaggi di questi due processi non sono rilevanti ai fini della nostra discussione, ma comunque constano essenzialmente in differenti tempi di cottura e quindi, di costi di esercizio.
Quello che mi preme farti capire è che se un frollino che sviluppa, quando consumato, 20 KJ per g, è cotto in forno a vapore, il suo valore energetico non cambia, rispetto a quello cotto in forno ad aria calda.
In altre parole, il tuo frollino cotto a vapore non è meno calorico (e quindi non è più dietetico) di uno eguale altrimenti cotto.
L'apporto nutrizionale inteso in senso energetico, non varia al variare del metodo di cottura del cibo, ma soltanto in funzione del contenuto in componenti assimilabili (nutrienti).
Se non lo capisci, Rosita te lo può rispiegare.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Guglie95, ClaudioG.
Per il discorso dei biscotti, sono completamente d'accordo! Ma credo sia un voluto gioco pubblicitario sulla cottura a vapore di altri alimenti... Per esempio, Rosita è una gallina ricca di grasso sottocutaneo, e il buon vecchio Antonio ha deciso di variare la dieta e cambiare partner televisivo, quindi la prende, la copa e la macella... Per cuocerla, visto che ci tiene alla salute, decide di farla al vapore: ebbene, sul supporto per la cottura a vapore (in bambù), la gallina farà colare il suo grasso, e non ne verranno usati altri, di grassi (sperando che non si sbrodoli coi succhi di Rosita!), col risultato dell'avere un piatto meno calorico rispetto a quello preparato in padella con olio.
Poi, se fosse vecchia, ci sarebbe sempre il brodo ;-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
TrevizeGolanCz, Mario
Sì, ma io parlo di cottura al forno. Anche Rosita, cotta in forno a vapore o in forno a gas, non cambia il suo valore in KJ per grammo.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Dipende. Se fosse completa di tutte le sue parti, se fosse mangiata senza condimento e se nel caso si mangiasse anche il fondo di cottura, ecc... Tuttavia penso che obiettivamente il metodo in forno non presenti differenze!
Cita messaggio
Mi avete fatto venire l'acquolina in bocca con il vostro parlare di frollini e pollame. Io sono molto sensibile a queste cose.
Una cosa è certa: ora l'aitante Antonio che fu è proprio cotto. Invecchiare è sempre una brutta cosa, peggio ancora se si pensa all'attuale partner e la si confronta con quella pollastrella di Elèna.

saluti
Mario
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Dott.MorenoZolghetti, quimico
(2014-06-08, 20:40)Beefcotto87 Ha scritto: Dipende. Se fosse completa di tutte le sue parti, se fosse mangiata senza condimento e se nel caso si mangiasse anche il fondo di cottura, ecc... Tuttavia penso che obiettivamente il metodo in forno non presenti differenze!

Non frequenti Nutrizionisti, mi pare di capire. Anzi, mi sa che tu sei uno di quelli che in rosticceria compra le patate cotte nelle colature dello spiedo. ;-) Libidinoso!

A Mario direi solo questo: oltre i 20 anni, cibo e pollastrelle insieme, rappresentano la prima causa di morte per l'uomo. ;-) Occhio!
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
Mario
(2014-06-09, 06:39)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto:
(2014-06-08, 20:40)Beefcotto87 Ha scritto: Dipende. Se fosse completa di tutte le sue parti, se fosse mangiata senza condimento e se nel caso si mangiasse anche il fondo di cottura, ecc... Tuttavia penso che obiettivamente il metodo in forno non presenti differenze!

Non frequenti Nutrizionisti, mi pare di capire. Anzi, mi sa che tu sei uno di quelli che in rosticceria compra le patate cotte nelle colature dello spiedo. ;-) Libidinoso!

A Mario direi solo questo: oltre i 20 anni, cibo e pollastrelle insieme, rappresentano la prima causa di morte per l'uomo. ;-) Occhio!

Sul forno tu stavo dando ragione Doc XD Io non compro, cucino ;-)
Cita messaggio
(2014-06-09, 06:39)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: A Mario direi solo questo: oltre i 20 anni, cibo e pollastrelle insieme, rappresentano la prima causa di morte per l'uomo. ;-) Occhio!



Vista la conoscenza dell'argomento, scusi DOC; pollastrelle separate dal cibo ..aumentano l'incidenza di morbidità/mortalità oppure NO ?....

Del caso è possibile anziche pollastrelle ...pecorelle ?:-P

Sempre separate dal cibo è chiaro !
*Hail* Sirio è lucente <==> Pepi è stabile e perfetto *Hail*
Cita messaggio
Riesumo con la scusa di porgervi un quesito.
A che uccello appartiene l'uovo posto tra la moneta e l'uovo di gallina?


AllegatiAnteprime
   
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
(2014-08-11, 22:03)Dott.MorenoZolghetti Ha scritto: Riesumo con la scusa di porgervi un quesito.
A che uccello appartiene l'uovo posto tra la moneta e l'uovo di gallina?

Numida Meleagris?

saluti
Mario
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)