Estrazione amido e test con la tintura di iodio
Ciao a tutti, oggi vorrei riproporvi un esperimento che sicuramente avrete già fatto mille volte ma manca nel database perciò ho pensato di inserirlo. Oggi vi mostrerò come estrarre l'amido e eseguirò il classico test con la tintura di iodio che dimostra effettivamente che si tratta di amido e non di un altro composto. Ma prima due parole sull'amido.
L'amido è un polimero naturale, per la precisione un polisaccaride ad alta massa molecolare presente in molti alimenti: patate, riso, frumento ecc. In esso distunguiamo due componenti polimerici principali, l'amilosio che ne costituisce circa il 20% e l'amilopectina più abbondante (circa l'80 %). Il primo ha una struttura lineare formata da unità di alfa-glucosio unite tramite legame glicosidico alfa 1-4 che assume una struttura elicoidale a causa della formazione di legami idrogeno. L'amilopectina invece ha una struttura più complessa, ramificata, i cui costituenti (sempre alfa glucosio) si legano in posiz 1-4 e 1-6(dove vi sono le ramificazioni).

Procedimento di estrazione.
Si tratta di un'operazione di una semplicità estrema: si pela ad esempio una patata di 100 g e la si grattugia. Si pone la patata grattuggiata in un beaker nel quale si versano 100 ml di acqua bollente. Si agita la soluz per uno due minuti con una bacchetta di vetro. Si filtra quindi con un colino da cucina. Nel filtrato è presente amido puro, insolubile in acqua che quindi precipita sul fondo sotto forma di precipitato bianco. Si elimina l'acqua per filtrazione e si asciuga l'amido a temperatura ambiente. Da 100 g ho ottenuto circa un grammo di amido, considerando però che non ho lavato più volte la polpa del tubero che trattiene comunque un pò di amido.

Test con la tintura di iodio.
Un classico test che si può realizzare facilmente è il test con la tintura di iodio(nella quale lo iodio è presente sotto forma di ione I3-). Si versa qualche goccia della tintura in una provetta contente un pò dell'amido estratto, ma si può fare la prova anche con un pezzettino di pane o di patata alimentare. Lo ione I3- a contatto con l'amilosio è in grado di legarsi all'elica e far assumere al composto una colorazione blu-nera molto intensa.
Note: Una considerazione che mi è passata per la testa è se si potessero legare all'amido altri anioni oltre allo ione iodio. Dato che la molecola di iodio è abbastanza pesante ho pensato ad anioni di tipo metallico. Qualcuno di voi ha mai avuto notizia di anioni capaci di legarsi all'elica dell'amilosio e di far assumere al composto qualche colorazione particolare? In attesa di una risposta soddisfacente la butto lì, secondo voi lo ione WO42- potrebbe legarsi?
Posto foto
Saluti :-D


AllegatiAnteprime
            
Cita messaggio
bravo, molto bella come esperienza per capire cosa si mangia, l'amido è la riserva energetica dei vegetali, certamente per loro ha un'importnaza tale da doverlo immagazzinare nei tuberi, io so che non è lo ione I3- a legarsi all'amido, ma lo stesso I2, infatti se lo fai disciogliere in una soluzione satura di Iodio, darà la medesima colorazione scura/blu.
Cita messaggio
Molto bene!! ;-) Se vuoi un consiglio, nell'eseguire il test con la tintura di iodio, diluiscila molto prima di utilizzarla, altrimenti diventa tutto nero e non rende bene. Basta una soluzione giallina di tintura e una appena torbida di amido per dare un blu bello evidente.
Cita messaggio
quoto Max...
è abbastanza sensibile come "test" per l'amido...
e quel blu è davvero bello... sarà perché adoro il blu asd
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
estrazione e test molto semplici ma belli comunque...
Cita messaggio
(2011-04-20, 20:15)NaClO3 Ha scritto: bravo, molto bella come esperienza per capire cosa si mangia, l'amido è la riserva energetica dei vegetali, certamente per loro ha un'importnaza tale da doverlo immagazzinare nei tuberi, io so che non è lo ione I3- a legarsi all'amido, ma lo stesso I2, infatti se lo fai disciogliere in una soluzione satura di Iodio, darà la medesima colorazione scura/blu.

Scusami, clor, spero di non sbagliarmi, ma io ricordo di aver letto sulla parte di iodi(o) metria di qualche libro di analisi che la colorazione che avviene è dovuta in realtà ad un complesso tra l'elica dell'amido e l'anione [I5]-. Si riferiva ad altro il libro, ti riferivi ad altro tu o stiamo parlando di due cose diverse? :-S
Ciao
Cita messaggio
Non importa come sia complessato lo iodio (tra l'altro I5-, ma sentito...)..tanto è l'elemento che si infila nell'elica dell'amilosio...
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza." Divina Commedia, canto XXVI Inf.
Cita messaggio
La ricerca iodi/iodometrica in questione si chiama test alla salda d'amido.
La procedura di preparazione della salda d'amido prevedeva in primis la miscelazione di un' aliquota di amido solubile in acqua, la successiva ebollizione del colloide aggiungendo acqua bidistillata e ulteriori quantità di amido, si passa al raffreddamento,si filtra e si aggiunge una piccola quantità (alcune gocce...) di formaldeide non stabilizzata come antimicrobico.
Si conserva in bottiglia di vetro scuro,al riparo dalla luce in luogo fresco e mantiene la sua efficienza per un pajo di mesi dalla preparazione.

Av salut!
comandante diavolo *yuu*
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)