Forza legami e loro rottura in acidi grassi
Salve a tutti. 
Partiamo dal presupposto che un legame doppio è più forte di un legame covalente singolo, a sua volta un legame covalente triplo e' piu' forte di un legame covalente doppio. Quindi, per rompere un legame doppio serve una quantita' maggiore di energia rispetto a quella necessaria per le rottura di un legame covalente semplice. 
Ora mi ricollego alla struttura di acidi grassi saturi e insaturi. Gli insaturi, tipici dei vegetali, possiedono un doppio legame e sono piu' facili da digerire rispetto ai saturi, di origine animale. 
Non capisco perche' i grassi insaturi, che hanno il doppio legame che e' piu' difficile da rompere, siano piu' facili da digerire. 
Grazie in anticipo per l'aiuto.
Cita messaggio
Eh? Guarda che è decisamente più difficile rompere un legame singolo rispetto ad uno doppio ed ad uno triplo. Infatti, la chimica degli alcani è decisamente meno corposa perché essi sono meno reattivi rispetto ad un alchene o ad un alchino. Ma prima di scrivere ragionarci su?
Prima di scrivere è meglio studiare e prendere in mano un libro.
Senza contare che il resto del messaggio è campato per aria. La biochimica degli acidi grassi non è una cavolata che si esaurisce con due righe sterili.
Se non fosse facile la rottura del legame pi greco in alcheni ed alchini non avremmo tante reazioni, tanta chimica... Avremmo solo le poche reazioni degli alcani.
Sono allibito. Penso sempre di aver sentito di tutto come chimico ma ogni volta mi ricredo.
Ti invito a prendere in mano un libro serio di organica e di studiare. POI ne riparliamo.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
La domanda la ho fatta perche' non so le cose, sono appena diplomato e non credo sia obbligatorio essere a conoscenza di questo genere di concetti. Comunque la risposta non la ho capita, e non credo di dover essere attaccato per questo.
Cita messaggio
Quello che vuole dire è: non parlare di cose che non si conoscono prima di averle conosciute ;-)
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Beefcotto87 per questo post:
quimico
Hai fatto tutto te. Dicendo cose inesatte e senza senso logico.
Visto che non hai conoscenze e non so che diploma possiedi, perché non cercare prima su un libro o in rete e poi domandare qui?
Ti saresti risparmiato una figura non bella.

Maggiore il numero dei legami carbonio-carbonio (restiamo sul caso in particolare), minore l'energia. Infatti alcheni ed alchini reagiscono facilmente, mentre gli alcani no. Infatti sono necessarie temperature elevate o reazioni fotochimiche.

E poi che c'entra il fatto del doppio legame carbonio-carbonio? Hai almeno vagamente idea di come vengano assorbiti gli acidi grassi? Soprattutto sai cosa sono gli acidi grassi? No? Forse meglio aspettare di averli studiati in modo serio prima di entrare in un argomento, la biochimica, non alla tua portata.

Soprattutto, se non hai capito le cose semplici che ho scritto, non so che dirti. Non ho usato termini così aulici. Non ti ho parlato di orbitali atomici/molecolari, di energie di scissione o di legame... Ho solo parlato in generale.
Visto comunque che non sei all'università, meglio rimandare a quando avrai un minima base. Poi fai come ti pare.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
Beefcotto87
(2015-11-04, 16:57)quimico Ha scritto: Hai fatto tutto te. Dicendo cose inesatte e senza senso logico.
Visto che non hai conoscenze e non so che diploma possiedi, perché non cercare prima su un libro o in rete e poi domandare qui?
Ti saresti risparmiato una figura non bella.

Maggiore il numero dei legami carbonio-carbonio (restiamo sul caso in particolare), minore l'energia. Infatti alcheni ed alchini reagiscono facilmente, mentre gli alcani no. Infatti sono necessarie temperature elevate o reazioni fotochimiche.

E poi che c'entra il fatto del doppio legame carbonio-carbonio? Hai almeno vagamente idea di come vengano assorbiti gli acidi grassi? Soprattutto sai cosa sono gli acidi grassi? No? Forse meglio aspettare di averli studiati in modo serio prima di entrare in un argomento, la biochimica, non alla tua portata.

Soprattutto, se non hai capito le cose semplici che ho scritto, non so che dirti. Non ho usato termini così aulici. Non ti ho parlato di orbitali atomici/molecolari, di energie di scissione o di legame... Ho solo parlato in generale.
Visto comunque che non sei all'università, meglio rimandare a quando avrai un minima base. Poi fai come ti pare.
Sono un perito agrario-ambientale. Frequento il primo anno del corso di laurea in scienze e tecnologie alimentari, e cercando di mettere insieme quanto fatto gli anni scorsi in chimica con quanto fatto fino ad ora nel corso di chimica generale mi sono posto il problema che ho spiegato all'inizio. Ho consultato libri, sia quelli dell'anno scorso di biochimica che quello di quest'anno di chimica generale.
Ero sicuro di non aver capito qualcosa o comunque di sbagliarmi su alcuni concetti, infatti i conti non tornavano. 
Spero che in futuro questi concetti mi saranno più chiari.
Cita messaggio
Oh, ora ci siamo. Dirlo prima no?

In linea di principio vale quello che ho detto su legami multipli ed energia di legame/forza di legame.
Per gli acidi grassi magari se ne riparla più avanti.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)