Fotografia digitale: Sensori, MPxl, dimensioni, ecc.
La fotografia classica (quella a base d'argento) otteneva delle immagini, proiettandole su una superfice fotosensibile che veniva poi sviluppata.
nella fotografia digitale, molti concetti sono rimasti uguali, con la differenza che la pellicola è stata sostituista da un sensore elettronico.
I sensori digitali, imitano (per quel che possono) le caratteristiche della pellicola, utilizzando una matrice di piccolissimi fotorecettori, strategicamente distribuiti sulla superfice. ognuno di questi fotorecettori (detti fotositi) possiede un sottile strato filtrante selettivo, che ne determina la sensibilità spettrale al rosso, al verde o al blu.
ogni fotosito, quando viene esposto alla luce, produce un determinato segnale, che verrà convertito ed elaborato a formare un pixel.
il mercato, per ovvie ragioni, ha inculcato nei consumatori l'idea che 20mpx sono meglio di 10 e che 40 sono meglio di 20, questo, abbinato ad un consumatore medio che ignora le più elementari regole dell'ottica, ha portato alla produzione di fotocamere difficilmente classificabile e francamente inutili. queste, spesso è volentieri sono qualitativamente più scadenti dei modelli che le hanno precedute e per un buon motivo.
Nella fotografia classica, quando si aveva bisogno di una maggiore sensibilità, si sceglieva una pellicola più sensibile, nella cui emulsione si trovavano cristalli di alogenuro d'argento molto grandi e quindi in grado di catturare più luce.
La logica e la fisica non sono cambiate nel digitale, con l'unica differenza che il sensore delle fotocamere digitali, non si può sostituire al bisogno, come una pellicola.
quindi per cambiare la sensibilità si ricorre a stratagemmi di tipo elettronico.
ogni sensore ha una sensibilità caratteristica, alla quale rende il massimo.
Amplificando il segnale dei singoli fotositi, è possibile aumentare la sensibilità del sensore, ma il processo di amplificazione, comporta l'accentuazione di un disturbo, che è il rumore e che diventa tanto più evidente, quanto più spinta è l'amplificazione del segnale (l'argomento è piuttosto vasto è complesso)
Ora, come per le pellicola, anche per i sensori digitali la sensibilità dipende dalle dimensioni e nello specifico dalla "superfice captante".
a questo punto il ragionamento diventa molto più lineare.
se io ho un sensore molto piccolo, con un numero enorme di fotositi, è comprensibile che tali fotositi, dovranno essere molto piccoli.
se poi io, nell'evoluzione tecnica, aumento il numero dei fotositi (leggasi Mpxl) senza modificare le dimensioni del sensore, i fotositi diventano ancoraa più piccoli, la loro superfice captante si riduce ancora e la sensibilità caratteristica del sensore diventa bassissima.
Risultato, finchè c'è luce in abbondanza, bene o male si riesce a fotografare, ma appena la luce diminuisce, il rumore diventa intollerabile.

le dimensioni fisiche dei sensori digitali, raramente (molto raramente) raggiungo quelle del fotogramma su pellicola a cui eravamo abituati.
questo ha una spiegazione commerciale.
più piccolo è il sensore e più ce ne stanno su un unico wafer di silicio.
dal punto di vista commerciale quindi i sensori di grandi dimensioni, sono riservati solo alle costose macchine professionali.
al momento sul mercato ci sono sensori di dimensioni molto varie anche se già comincia a delinearsi qualche standard.
Tralasciando i sensori medio formato delle Hasselblad digitali (da 30-40 mila euro)
i sensori a cui i comuni mortali possono aspirare sono identificate essenzialmete da due sigle:
- FF, che sta per Full Frame e identifica un sensore da 24x36mm che ha quindi le stesse dimensioni del fotogramma di una macchina 135mm a pellicola

- APS e qui il discorso si complica un po perchè di aps ce ne sono diversi e le dimensioni tra di loro differiscono in modo non sempre trascurabile. il formato Aps più diffuso è L'Aps-C, che ha una dimensione pari a circa la metà del FF.

sulle macchine reflex si trovano sensori di queste categorie e mai inferiori, i sensori più piccoli (talvolta moooolto piccoli) si trovano invece sulle macchinette digitali.

Ps.
purtroppo la fotografia digitale è qualcosa di molto recente e quindi le informazioni relative che posso fornirvi, non sono dettagliatissime. questo perchè non sono ferratissimo in materia.
Vuoi saperne di più sulla Fotografia:
fotoQualcosa
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano mordr3d per questo post:
myttex
Grazie delle delucidazioni. In effetti avevo al macchina da 4 mega che rendeva meglio della attuale 8 mega. Probabilmente il sensore era grande uguale.

Per quanto riguarda le dimensioni, esse vengono espresse in pollici però scrivono una frazione tipo 1/1,7 o giù di li (ora non ricordo). Che significa?

Ciao
Cita messaggio
Interessante,
più dei mpx forse sono più importanti le dimensioni?

ciao
Cita messaggio
Citazione:Probabilmente il sensore era grande uguale.
il probabilmente ce lo puoi levare. :-P


(2009-12-20, 10:30)sapiens Ha scritto: Per quanto riguarda le dimensioni, esse vengono espresse in pollici però scrivono una frazione tipo 1/1,7 o giù di li (ora non ricordo). Che significa?

Ciao

esprime la lunghezza della diagonale del fotogramma in frazione di pollice. nello specifico corrisponde a un sensore di 5x7 mm (grosso modo come l'unghia del mignolo)
(2009-12-20, 16:49)Francesca Ha scritto: Interessante,
più dei mpx forse sono più importanti le dimensioni?

ciao

indubbiamente.
infatti a livello professionale, non c'è la stessa densità di Mpxl che trovi a livello amatoriale. le macchine reflex semi pro non vanno oltre il 12 - 15 mpx. ma con sensori ben più spaziosi
canon con la 5D MKII (che ha un sensore FF) arriva a 22 mpxl.
se dovesse avere la stessa densità di fotositi di una compattina da 12 mpx, supererebbe i 150-200 Mpxl.
Vuoi saperne di più sulla Fotografia:
fotoQualcosa
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano mordr3d per questo post:
Francesca
molto interessante, delle reflex diciamo entry level facendo una piccola comparativa cosa prenderesti? e perchè?
Cita messaggio
dipende da cosa intendi per entry level.

io ho comprato da circa 6 mesi, una pentax K20.
la scelta è stata motivata anche dal fatto che possedevo un corredo di ottiche pentax che posso continuare ad usare su questa macchina.
pentax purtroppo non ha investito in publicità come le colleghe nikon e canon e in ambito fotografico, tra gli amatori, è pressocchè sconosciuta.
tuttavia, sono convinto che abbia, al omento, il miglio rapporto qualità prezzo sul mercato.
tieni presente che la k20, quando l'ho presa io era il top della gamma pentax (adesso è uscita la k7) e l'equivalente nikon o canon (che poi è equivalente fino ad un certo punto) costa in media 300 euro di più.
pentax inoltre ha delle caratteristice non presenti su canon, che non sono proprio trascurabili.
pnti di forza sono certamente il corpo in lega di acciaio (di magnesio nella k7) interamente tropicalizzato (c'è gente che la lava sotto il rubinetto) e lo stabilizzatore ottico sul sensore e una resa cromatica eccezionale.
punti a sfavore sono, un parco ottiche limitato (solo se si guardano quelle ancora in produzione, sull'usato c'è di tutto) e un autofocus, non velocissimo.

la k20, costa in rete, circa 650 euro. un prezzo decisamente inferiore alle equivalenti concorrenti e molto vicino alle entry lvl delle altre case.
con quei soldi però si prendi una signora reflex fatta con tutti i crismi.
Vuoi saperne di più sulla Fotografia:
fotoQualcosa
Cita messaggio
L'hai provata sul micro?asd
Cita messaggio
mmm
la canon d 450 era in offerta con ottica stabilizzata 18-55 a 599 euro
mentra la nikon d3000 era a 399 con ottica 18-55 non stabilizzata.

Perchè uno dovrebbe prendere una o l' altra oppure la pentax...si c'è differenza di prezzo e poi? si anche il materiale... e poi?

ciao
Cita messaggio
premettendo che il 18-55 di canon fa a dire poco pietà e quello di nikon è molto peggio (nell'ambiente lo chiamano il tappo, perchè più che chiudere il bocchettone e proteggerlo dalla polvere non può fare)
le due macchine sono di una categoria decisamente entry level, ben lontane dalle caratteristiche costruttive della pentax k20.
che costa poco di più.

al contrario il 18-55 di pentax è un ottica davvero onesta in rapporto al prezzo esiguo che ha .

Ps. ho un piccolo microscopio comprato al lidl anni fa (non ridete)
no non ho mai provato la pentax su questo microscopio che cmq ad occhio mi pare molto economico ed otticamente limitato.
inoltre non ho un innesto adattatore, anche se volendo saprei come costruirne uno...
Vuoi saperne di più sulla Fotografia:
fotoQualcosa
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano mordr3d per questo post:
Francesca
ho trovato queste prove a riguardo:
http://www.trustedreviews.com/digital-ca...tal-SLR/p1
http://www.trustedreviews.com/digital-ca...tal-SLR/p1
http://www.trustedreviews.com/digital-ca...Preview/p1

li leggerò con calma, grazie per i consigli..
ciao
Le Panasonic, Sony ed Olympus come sono??
ciao
mmm si ma la nuova k7 costa più di mille euro, non puoi paragonare una top di gamma con una entry-level. :-)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)