La luce rossa del Drako
Ho visto il filmato, anzi li ho rivisti tutti e quattro i tuoi esperimenti da chimico-mago...sono belli: bravo per i contenuti (ormai taccio sulle musiche...). L'ultimo è molto interessante. L'ossigeno allo stato eccitato (di singoletto)...non può che emettere luce rossa....è eccitato...a luce rossa...tutto quadra, nella vita come nella chimica. A parte la facile ironia, spiegarti il fenomeno richiederebbe molto tempo e molte nozioni, tuttavia ti basti sapere che lo stato di singoletto è metastabile, vale a dire non è eterno, ma decade rapidamente liberando l'energia accumulata (di natura chimica, legata all'ossidazione) sottoforma di fotoni, per ritornare allo stato fondamentale stabile.
La lunghezza d'onda dei fotoni emessi è dettata da particolari regole della meccanica ondulatoria, ma semplificando, rispecchiano la quantità di energia assorbita nella reazione e quindi ceduta al momento del decadimento. La chemiluminiscenza (senza la i...) è un fenomeno complesso, legato a tanti fattori, da processi ossidoriduttivi, a riarangiamenti molecolari.

Il tuo video, ho notato, è uno dei pochi presenti sul web, in cui la chimica non è legata a un botto, a una nuvola di fumo, a una fiammata...tutti fenomeni da ciarlatani, più che da scienziati. Sbalordisce maggiormente un petardo, ma che il suo botto sia interessante...questo è tutto da dimostrare.
Stessa cosa per la bottiglia magica....bella perchè semplice e modesta, nella sua complessità.

"La luce che si libera in una reazione è l'espressione dell'energia chimica che si rende clamorosamente e immediatamente visibile all'uomo" mi diceva il mio prof. di chimica analitica. Lui si rifaceva alla reazione di ossidazione di alcuni metalli (Mg, Al, Fe, ecc.) a contatto con ossigeno, cloro, bromo o iodio. Potresti provare anche tu a far bruciare Mg in nastro prima in aria e poi in atmosfera di ossigeno....oppure nel cloro. Io da parte mia ti posso mettere a disposizione un po' di magnesio.

Saluti
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Beh io pensavo che normalmente tutti gli elementi o composti se scaldati, urtati o sottoposti a luce si eccitassero e emetessero al momento della " diseccitazione" luce, radiazioni o altro... tipo se non sbaglio quando si scalda il ferro a 1000° ( per dire) questo si illumina perchè il ferro si eccita per effetto del calore e quindi emetteva uno spettro di luce che era il mix delle varie radiazioni elettromagnetiche che poteva emettere il ferro in base ai modi in cui si eccitava, tipo gli elettroni saltano 1 livello, 2 livelli o cambiano orbitale per poi ritornare a quello originario ridando sottoforma di luce l'energia che hanno usato per saltare quel livello... oh detto qualcosa di sbagliato?
Magnesio in atmosfera di ossigeno??? mi vuoi morto? Già raggiunge temperature alte quando brucia all'aria, non immagino cosa possa succedere in una bottiglietta di vetro con il pezzetto di magnesio e l'ossigeno... mi buca il vetro, se non lo rompe... A proposito di ossigeno... ho fatto un video anche su quello!!! Arriverà in serata... e ci sarà sempre la solita musica!!!
Al lo tagliato una volta da un temperino, la cassa del temperino, come le lattine è in alluminio ( ma forse è una lega con solo il 40% di questo..), cmq ho tagliato una piccola striscia con il coltello e l'ho accesa, ha fatto una bella luce...
Cita messaggio
No, nessuno ti vuole morto...solo molto illuminato.
E' come dici, tutti gli elementi se riscaldati emettono spettri di radiazione elettromagnetica (spettri di emissione), ma si tratta di un fenomeno differente da quello ottenuto con ossigeno e cloro.
Comunque ancora complimenti per i tuoi filmati.
Quanto alla musica...ora ci sono abituato, metto il silenziatore appena parte il video...:-P
Vado a vedere quello sull'ossigeno...
ciao
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)