Miglior libro di chimica inorganica
Buongiorno a tutti.
A breve inizierò il secondo anno di chimica e avrò Chimica Inorganica (non generale). Volevo chiedervi qual è o quali sono secondo voi i migliori libri universitari di Chimica Inorganica.
Grazie a tutti
"L'uomo saggio è pieno di forza, chi ha scienza accresce la sua potenza..."   Proverbi 24:5
Cita messaggio
Ciao!

Io ti consiglio o la "Advanced Inorganic Chemistry" di Wilkinson e Cotton (esiste anche una edizione italiana, ma oramai non è più in pubblicazione) o la "Chimica Inorganica" di Porterfield o la "Chimica Inorganica" di Atkins e Shriver (la nuova versione! Con la copertina cartonata ed internamente a colori).
Il primo offre veramente una enorme panoramica sulla chimica di tutti gli elementi del sistema periodico, dopo aver fornito delle base in merito alla struttura atomica, alle geometrie dei complessi e sulle teorie di legame nei complessi. Io lo ho usato per il corso di Sistematica della Magistrale ed è stato utilissimo: trovavo veramente tutto, anche troppo. Unico difetto? L'edizione italiana, quella che ho usato io, è un po' datata, risalendo agli anni Ottanta.
Il secondo è più generale e non trovi la sistematica, ma sembra essere molto apprezzato da alcuni professori di Inorganica della vecchia scuola... un mio professore lo citava spesso. Io lo riporto solo per quello.
Il terzo lo ho usato alla Triennale, per Inorganica, ed è molto buono: è semplice, chiaro e, dopo una parte generale sulle teorie di legame e le proprietà degli elementi, passa in rassegna la sistematica dei gruppi dei blocchi s e p. Fornisce anche qualche cenno ai metalli di transizione ed alle serie dei lantanoidi ed attinoidi.
Un saluto,

Egle
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Egle per questo post:
longosamuel
Io ho studiato su "Chimica Inorganica" di Peter Atkins, Tina Overton, Jonathan Rourke, etc...
Stampato da Zanichelli, prezzo 70,50 euro
Decisamente un libro esaustivo e completo.
Nulla si CREA, nulla si DISTRUGGE -Democrito & Lavoisier-
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Guglie95 per questo post:
longosamuel
Già che il post è aperto, e l'argomento molto simile, chiedo a tal proposito se siete a conoscenza di un testo di Inorganica 
in particolare di Analisi Qualitativa non strumentale in Italiano o in Inglese che comprenda tutti gli elementi, quelli di transizione e i Lantanidi,
e non i soliti 15.-16 elementi divisi nei 5 gruppi che troviamo sui testi normalmente.
Gradita la ricerca per via "umida" alla vecchia maniera, senza apparecchi con spina.

Grazie

Roberto.
Cita messaggio
Ciao Roberto, forse ti potrebbe essere utile il testo "Analytical Chemistry Vol 1 - Qualitative analysis" di F. P. Treadwell.
Per caso lo conosci già? Ti lascio le immagini dell'indice per farti capire come è strutturato.

           

       

Il secondo volume dello stesso testo riguarda l'analisi quantitativa.

Se fossi interessato ad avere la copia dei due volumi in formato pdf contattami in privato.

Andrea
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano AndreaChem per questo post:
NaClO, Roberto
Grazie AndreaChem della segnalazione, li avevo in archivio tra altri nel dimenticatoio dei pdf
erano proprio quelli che cercavo, ma senza il titolo ci avrei messo secoli... Utile anche il II volume.

Roberto.
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Roberto per questo post:
AndreaChem
(2018-09-18, 10:12)Roberto Ha scritto: Già che il post è aperto, e l'argomento molto simile, chiedo a tal proposito se siete a conoscenza di un testo di Inorganica 
in particolare di Analisi Qualitativa non strumentale in Italiano o in Inglese che comprenda tutti gli elementi, quelli di transizione e i Lantanidi,
e non i soliti 15.-16 elementi divisi nei 5 gruppi che troviamo sui testi normalmente.
Gradita la ricerca per via "umida" alla vecchia maniera, senza apparecchi con spina.

Grazie

Roberto.

Ci sarebbe anche lo "Spot test in inorganic chemistry", o qualcosa di simile, di Feigl, se ti interessa... è un libro datato: lo trovai nella biblioteca della mia Facoltà! E' molto completo e molti libri di analisi qualitativa lo usano come riferimento... 

Egle
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Egle per questo post:
Roberto
(2018-09-17, 18:16)Egle Ha scritto: Ciao!

Io ti consiglio o la "Advanced Inorganic Chemistry" di Wilkinson e Cotton (esiste anche una edizione italiana, ma oramai non è più in pubblicazione) o la "Chimica Inorganica" di Porterfield o la "Chimica Inorganica" di Atkins e Shriver (la nuova versione! Con la copertina cartonata ed internamente a colori).
Il primo offre veramente una enorme panoramica sulla chimica di tutti gli elementi del sistema periodico, dopo aver fornito delle base in merito alla struttura atomica, alle geometrie dei complessi e sulle teorie di legame nei complessi. Io lo ho usato per il corso di Sistematica della Magistrale ed è stato utilissimo: trovavo veramente tutto, anche troppo. Unico difetto? L'edizione italiana, quella che ho usato io, è un po' datata, risalendo agli anni Ottanta.
Il secondo è più generale e non trovi la sistematica, ma sembra essere molto apprezzato da alcuni professori di Inorganica della vecchia scuola... un mio professore lo citava spesso. Io lo riporto solo per quello.
Il terzo lo ho usato alla Triennale, per Inorganica, ed è molto buono: è semplice, chiaro e, dopo una parte generale sulle teorie di legame e le proprietà degli elementi, passa in rassegna la sistematica dei gruppi dei blocchi s e p. Fornisce anche qualche cenno ai metalli di transizione ed alle serie dei lantanoidi ed attinoidi.
Un saluto,

Egle
Grazie per la risposta! Sono portato a utilizzare, quando posso, dei libri molto completi, perchè ogni cosa presa per buona va ad indebolire le mie conoscenze. Ho cercato online il primo e ho visto che la versione inglese costa un bel po' ed è l'unica che si trova (come dicevi tu). Riesco a studiare da testi in inglese, ma impiego sicuramente più tempo, quindi dubito che riuscirei a studiarci sopra tenendo il passo con le altre materie. Più che altro lo userei come approfondimento e per chiarire eventuali dubbi, quindi non mi sembra il caso di andarci a spendere quei 130/150€. Magari lo cercherò in biblioteca quando ne avrò necessità. Il secondo diciamo che perde un po' di interesse da parte mia, dal momento che non ne hai un'esperienza diretta (sicuramente anche il mio professore consiglierà dei testi, quindi preferisco prendere in considerazione libri direttamente conosciuti da voi). Riguardo al terzo mi potrebbe interessare, anche se ho un po' un'antipatia (del tutto a caso) verso i testi Zanichelli. Avrei, però, un dubbio: è completo? Dalla tua descrizione mi sembra quasi che tralasci certi argomenti (solo un accenno ai metalli di transizione). Non so, in realtà, cosa studieremo a questo corso, quindi potrebbero benissimo essere argomenti "superflui", per quanto ne so. Inoltre, potresti chiarirmi il concetto di "Sistematica"?
Grazie ancora per la risposta!

(2018-09-17, 21:58)Guglie95 Ha scritto: Io ho studiato su "Chimica Inorganica" di Peter Atkins, Tina Overton, Jonathan Rourke, etc...
Stampato da Zanichelli, prezzo 70,50 euro
Decisamente un libro esaustivo e completo.
Ciao, grazie per la risposta.
Ho visto che siete già in due a consigliarmelo. Sto cercando di capire quanto questo testo sia completo, ma vedo che comunque me ne state parlando bene. Purtroppo ho alle spalle qualche esempio di testi Zanichelli non proprio completi, anche in confronto ad altri testi.
Grazie mille!!
"L'uomo saggio è pieno di forza, chi ha scienza accresce la sua potenza..."   Proverbi 24:5
Cita messaggio
Sul sito della Zanichelli trovi l'indice dettagliato del libro... In realtà è un buon libro per un PRIMO approccio però non aspettarti chissà che livello di approfondimento per la parte generale sulla chimica inorganica o sulla serie di transizione. 
Dopo aver richiamati i fondamenti di atomistica passa ad un succinto approccio delle varie teorie del legame chimico (troppo esigua la parte sull'orbitale molecolare... se ti interessa quello, il Cotton è di gran lunga migliore... in più non c'è praticamente nulla sulla teoria del campo cristallino, e questa è una grande pecca), le strutture dei solidi, le proprietà acido-base e redox ed un breve cenno alla chimica dei complessi. 
Poi, dopo un capitoletto sulle tecniche di caratterizzazione in chimica inorganica, passa alla Sistematica del blocco s e di quello p, ovverosia lo studio di ciascun gruppo del sistema periodico elemento per elemento: le proprietà, i composti principali e le più importanti applicazioni nel mondo odierno, oltreché i metodi di sintesi, contestualizzando queste informazioni con quelle degli altri elementi del gruppo d'appartenenza (per esempio delle analogie nella reattività). Questa parte è fatta veramente molto bene: ogni gruppo (dall'I all'VIII) ha un suo capitolo e la trattazione si sviluppa su due livelli, uno di "base", con le conoscenze indispensabili sul gruppo, ed uno "approfondito". 
Infine trovi due capitoli sul blocco d (è una trattazione generale che non ha nulla a che vedere con la Sistematica vera e propria di ciascun elemento), uno sul blocco f ed altri due sulle reazioni dei complessi e sulla chimica metallorganica. 


Spero ti sia utile, 

Egle
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)