PRECURSORI DI STUPEFACENTI
Tempo fa, su di un forum nero nero, scrissi un commento a un "copia e incolla" di una "lista nera" (...e non poteva essere di altro colore) relativa alle sostanze proibite. Era l'evidenza di una incompetenza in materia, dato che si rifaceva a disposizioni USA e non certo a quelle in vigore nel nostro Paese.
Ora, qui vorrei fare un po' di chiarezza.
Una cosa sono gli stupefacenti, la lista è lunga, ma si tratta di cose che tutti più o meno conoscono: si va dai farmaci narcotici ai tranquillanti, fino ai classici d'abuso. Credo non vi siano dubbi in proposito: detenere queste sostanze, fatte salve le formulazioni farmaceutiche, costituisce potenzialmente un reato.

Una cosa diversa sono i precursori degli stupefacenti.
La legge italiana li classifica in 3 categorie, e ovviamente la prima è la più severa e restrittiva, la terza è la più lassa e permissiva.
Quali sono le sostanze chimiche proibite, per le quali è necessaria un'autorizzazione all'acquisto (e alla vendita), all'uso, alla detenzione?
Eccole brevemente:
CATEGORIA 1 (12 sostanze)
1- 1-fenil-2-propanone
2- acido N-acetilantranilico e suoi sali
3- cis e trans - isosafrolo
4- 3,4-metilendiossifenilpropan-2-one
5- piperonale
6- safrolo
7- efedrina e suoi sali
8- pseudoefedrina e suoi sali
9- norefedrina e suoi sali
10- ergometrina e suoi sali
11- ergotamina e suoi sali
12- acido lisergico e suoi sali




CATEGORIA 2 (5 sostanze)

1- acido antranilico e suoi sali
2- acido fenilacetico e suoi sali
3- anidride acetica
4- piperidina e suoi sali
5- permanganato di potassio



CATEGORIA 3 (6 sostanze)


1- acetone (dimetilchetone)
2- etere etilico (dietiletere)
3- metiletilchetone (MEK)
4- toluene
5- acido cloridrico
6- acido solforico



La legge non stabilisce nè le quantità, nè le concentrazioni.
In categoria 3 ci sono sostanze molto usate in vari campi della tecnica e dell'industria. Verso queste sostanze il controllo è molto poco serrato, solitamente non ci sono grossi problemi sia per chi vende, sia per chi acquista. Diverso è per la categoria 2: molti laboratori clandestini sono stati scoperti a causa dell'incauta domanda di permanganato effettuata dai "chimici illegali". Il permanganato è utilizzato dai produttori di stupefacenti per la sintesi della cocaina. Questo la dice lunga sull'uso che si può fare di un sale bello e violetto, utilissimo per sbalordire amici e parenti con giochi di colori, oppure fare fumogeni nel cortile del condominio. Attenzione quindi: la dimostrazione delle buona fede, in sede di giudizio, è a carico dell'imputato.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
thechemicalsistem, myttex, Rusty, **R@dIo@TtIvO**, jobba, Avogadro, oberon, MarcoA, thenicktm
mmm interessante, nalla produzione di cocaina spevo che si usava l'acido solforico, etere o molto spesso gasolio , ma il fatto del permanganato mi è nuovo, cmq bel post...
Cita messaggio
Moreno, puoi dire il motivo della categoria 2 dell'acido antranilico?
(Ho un piccolo contenzioso personale con questo simpatico acido...)
Thanks
Cita messaggio
per la categoria 3 praticamente potremmo essere tutti dei possibili sintetizzatori di stupefacenti!
Cita messaggio
(2009-11-18, 23:28)al-ham-bic Ha scritto: Moreno, puoi dire il motivo della categoria 2 dell'acido antranilico?
(Ho un piccolo contenzioso personale con questo simpatico acido...)
Thanks

L'acido antranilico è il precursore più immediato per la sintesi del metaqualone. L'acido fenilacetico è invece utilizzato per la sintesi di molecole anfetaminiche.
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Ma scusa, la pseudoefedrina si vende (ovviamente non pura) in alcuni medicinali da banco! E' comunque considerabile come illegale? :S
Ad esempio il Reactine... Va bene che ci sono eccipienti, ma come precursore della meth si puà comunque usare peso
Cita messaggio
(2009-11-19, 10:47)Beefcotto87 Ha scritto: Ma scusa, la pseudoefedrina si vende (ovviamente non pura) in alcuni medicinali da banco! E' comunque considerabile come illegale? :S
Ad esempio il Reactine... Va bene che ci sono eccipienti, ma come precursore della meth si puà comunque usare peso

Qui ovviamente si parla di sostanze pure, non di preparati farmaceutici.
Per i farmaci esiste una specifica normativa. Prova a chiedere al tuo farmacista un po' di confezioni di quell'anticongestionante nasale. Ogni scatola contiene 14 compresse da 5 mg di cetirizina dicloridrato + 120 mg di pseudoefedrina cloridrato, con un numero elevato di eccipienti, quindi puoi dedurre facilmente che non è fattibile per almeno tre ragioni:
1) non ti verranno date
2) te ne servono tante
3) ti costeranno tanto (circa 12 euro a scatola)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
Io possiedo, come penso tutti voi, qualcuna di queste sostanze (in particolare appartenenti alla categoria 2 e 3) però non ho nessuna licenza o cosa del genere. Anche se, da quanto ho capito, non ci sono grosse sanzioni o cmq non ci sono se vengono usati in modo non illecito; vorrei sapere cosa si deve fare per essere in regola. Dott. lei ha detto che non sono specificate ne quantità ne concentrazioni, ma sotto un certo livello non è che, tali sostanze, diventino legali?
Per ottenere qualcosa è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore. In alchimia è chiamato il principio dello scambio equivalente.
Alphonse Elric
sito web; canale YT
Cita messaggio
vabbe ma penso che una cosa sia possedere degli acidi inorganici o del permanganato, una cosa è possedere anche qualche grammo di acido lisergico...o anche il permanganato stesso, come scritto da zolghetti, se ti trovano in possesso di 50 kg di permanganato è logico che qualche sospetto lo dai...
Cita messaggio
Credo che il rigore della logica sia alla base del distinguo fra il laboratorista clandestino e il chimico casalingo. Almeno così dovrebbe essere! A rigor di logica, quindi, se hai una "modica" quantità di reagenti diciamo "non troppo sospetti", allora nessuno dovrebbe poter pensare a te come a un criminale.
Esempio 1: ho in casa almeno due etti di nitrato di ammonio, quindi sono un bombarolo? Direi di no! Gioco a calcio e mi porto dietro, nel borsone, l'occorrente per automedicare una distorsione o una contusione. E' una cosa lecita, essendo liberamente venduta in farmacia e non solo.

Esempio 2: ho in cantina 20 Kg di quel sale, armi e munizioni, schemi elettrici di inneschi vari, qualche accenditore, 20 m di miccia lenta...
Qualche sospetto potrà pur venire a che ti fa il controllino...o no?

Spero di essere stato chiaro, tuttavia mi preme di ribadire che la legge in materia è fumosa, e ciò è sempre molto pericoloso, poichè dà adito a interpretazioni personalissime del magistrato. Occorre prestare attenzione anche a questo aspetto.

Poi vi lascio il mio personale pensiero: ritengo che il proibizionismo abbia mostrato già molte volte il suo intrinseco non-senso. Più che proibire, sarebbe meglio spendere energie per educare alla civiltà, magari tornando a usare maniere più persuasive del buffetto sulle spalle attualmente tanto in voga, specie con alcuni giovinastri fannulloni e ignoranti. Questo prima che sia tardi, prima che si diffonda il NULLA nelle loro scatole craniche e l'INDIFFERENZA dilaghi a livello sociale.


Theiden, l'acido cloridrico lo vendono ovunque, così come il solforico.
Non è che se hai un litro di acido nell'autorimessa sei un delinquente.
Le norme in materia si rifanno soprattutto al commercio di quantità importanti, ovviamente in relazione alla sostanza.
Se hai dell'acido lisergico diventa più difficile dimostrare che lo usi per sgorgare i tubi dello scarico del lavello... Tutto qui.;-)
*** Cercar di far bene e non di far molto. (A. L. Lavoisier) ***
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Dott.MorenoZolghetti per questo post:
MarcoA




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)