Physics fact
Question 
Ieri o l'altro ieri, non ricordo, discutevo con un amico su una questione di fisica che vorrei proporvi. Più che altro perché non siamo arrivati ad una conclusione che ci soddisfi. E non ho ancora chiesto al mio docente di radiochimica...

La diatriba è nata da un'immagine, che sotto vi allego.

Come forse alcuni avranno fatto caso qui c'è un errore. Chi lo trova?


AllegatiAnteprime
   
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
La butto li in maniera da "uomo della strada": 20 kg di uranio 238 non raggiungono la massa critica necessaria per autoinnescare la reazione a catena di fissione, cosa invece più facilmente raggiungibile con l'uranio arricchito, che contiene una percentuale più alta dell'isotopo 235, più adatto a questo scopo.
Nella "little boy" la bomba lanciata su Hiroshima ad esempio c'erano circa 64 kg di uranio arricchito, in due masse da circa 38 kg (proiettile) e 25 kg (bersaglio).
Con il plutonio 239 invece la massa critica per raggiungere l'autoinnesco è di poco più di 16 kg, quindi nell'esempio citato, se fosse plutonio, potrebbe verificarsi il famoso cratere... :-)
Con l'uranio 238 probabilmente non accadrebbe nulla, tra l'altro esso è solo debolmente radioattivo. Non sono sicuro neanche che scaldi.


Un saluto
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
quimico
L'U-238 NON è fissile, ma è un materiale fertile: può catturare un neutrone lento e dopo due decadimenti beta diventare plutonio-239 fissile. È fissionabile da neutroni veloci, ma non può supportare una reazione a catena perché lo scattering non elastico riduce l'energia neutronica sotto il range dove la fissione veloce di uno o più nuclei di nuova generazione è probabile.

Due masse di 10 kg di U-238 messe assieme NON provocheranno MAI una reazione a catena. Da quello che ricordo l'U-238 va bene per alcuni tipi di reattori nucleari in quanti serve per produrre Pu-239 che è il vero combustibile nucleare, fissile, in questi reattori. Può essere usato per armi atomiche come materiale per riflettere i neutroni ma è il plutonio in queste a farla da protagonista.

Da quello che ricordo l'U-238 si produce dall'U-235 durante la reazione a catena e se non ricordo male l'U-238 assorbe due dei tre neutroni che si formano durante la reazione, togliendoli al processo. Solo un neutrone dei tre può proseguire la reazione a catena. Non capisco come le due masse di U-238 assieme possano fare qualcosa.

Nessuna quantità di uranio naturale può essere una massa critica perché l'uranio-238 non subisce fissione e la percentuale di uranio-235 è troppo bassa.
Non a caso si usa uranio arricchito.
Sensa schei né paura ma coa tega sempre dura
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano quimico per questo post:
luigi_67
Esatto, ci sono infatti i cosiddetti reattori "autofertilizzanti" che partendo dall'U-238 lo "fertilizzano" facendolo passare al prezioso Pu-239, fissile.

Per il discorso dei neutroni, se la percentuale di isotopo fissile U-235 è sufficiente, i neutroni liberati hanno alta possibilità di autoalimentare la reazione che quindi si ineesca. Se invece il materiale fissile invece è presente in percentuale troppo bassa i neutroni o si perdono o sono assorbiti da altri atomi di U-238.

Confermo quindi quello che pensavo, 20 kg di U-238 sono una bella zavorra ma non esplodono....

Saluti
Luigi
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano luigi_67 per questo post:
quimico




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)