Tetraioduro di stagno
Brick 
Salve a tutti, propongo un metodo di sintesi dello stagno tetraioduro che non mi sembra essere già stato postato, ho svolto quest’esperimento recentemente nel laboratorio dell’università in cui studio.

La reazione in questione è piuttosto semplice:
Sn + 2I2  --> SnI4
Porre in un pallone da 100mL un ancoretta magnetica. Al pallone di reazione si aggiungono 1g di stagno, 4 grammi di iodio bi sublimato e 50mL di diclorometano. La miscela che inizialmente appare di un colore violaceo/rossastro viene messa a ricadere con condensatore a bolle usando come riscaldamento un bagno ad acqua. La miscela viene lasciata reagire finché il solvente condensato non risulta perfettamente limpido e non presenti riflessi violacei indice di iodio non reagito. Al termine della reazione la miscela assume un colore arancione scuro e sulle pareti del pallone iniziano a formarsi incrostazioni di colore giallo/arancio. Interrompere il riscaldamento e decantare la miscela per rimuovere lo stagno non reagito. La soluzione limpida viene trasferita in un becher in bagno di ghiaccio e lasciata riposare fino a formazione del precipitato. Il solido cristallino di colore arancione che si forma viene separato per filtrazione su gooch e lasciato asciugare su un filtro..

La resa ottenuta con questo procedimento è stata del 64%, tuttavia ritengo che possa essere aumentata riducendo ad un terzo il volume della miscela posta a cristallizzare in bagno di ghiaccio.

Il solido ottenuto fonde nell’intervallo di temperatura 146-147°C in buon accordo con il valore reperibile in letteratura di 145°C


AllegatiAnteprime
      
 "What we observe is not nature itself, but nature exposed to our method of questioning." - Werner Heisenberg
Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Hamiltoniano per questo post:
fosgene, al-ham-bic, ClaudioG., Mario, luigi_67, ohilà, quimico, contefra95, thenicktm, RhOBErThO




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)