conservare base contenente nicotina
[Attenzione! Questo thread è stato importato da Answers, non si garantisce nulla sulla correttezza, presenza e coerenza dei contenuti così com'erano su Answers!]


salve a tutti, premetto che faccio parte della categoria degli svapatori ovvero coloro che hanno messo da parte le sigarette tradizionali per passare alle ormai famosissime (e contestatissime) sigarette digitali. La soluzione che comunemente vaporizziamo è formata da glicerolo vegetale (VG) glicole propilene (PG), acqua demi e nicotina (solitamente con concentrazioni che vanno da 0 mg/ml fino ad un massimo di 18 mg/ml) e aromi alimentari. Solitamente i liquidi da "svapare" sono gia pronti all'uso (50% vg + 40% pg + 10% h2o) ma per i piu coraggiosisi sta diffondendo sempre piu la pratica del fai da te... acquistiamo separatamente una base contenente nicotina (solitamente 36mg/ml) per poi diluirla con pg e vg acquistati separatamente; cosi facendo inseriamo gli aromi che vogliamo noi e risparmiamo anche qualche soldino. Purtroppo le basi hanno una data di scadenza di 18 mesi circa (da consumarsi preferibilmente entro...) e questo comporta l'impossibilità di fare scorte massicce di base (diciamo per un 2/3 anni). Discutendo su un forum del settore qualcuno chiedeva se fosse stato possibile congelare la base in modo da posticiparne la scadenza ma viste le nostre incolmabili lacune su chimica&affini di noi comuni utenti mortali non ha ancora ricevuto una risposta esaudiente ma solo ipotesi. Tenendo conto del fatto che la base puo contenere (o non contenere) indistintamente sia PG che VG oltre a nicotina a 36 Mg/ml secondo voi è possibile congelare la soluzione e utilizzarla all'occorrenza anche dopo 1 anno dalla data di scadenza? Da un'analisi superficiale abbiamo notato che la temperatura di fusione del PG è di-59 °C, quella del VG di +18 °C e quella della nicotina di-79 °C. Eliminando il PG e facendo una soluzione di VG 80% e h2o 20% contenente nicotina a 36mg/ml riusciremmo a portarla allo stato solido nel congelatore di casa nostra??? Ammesso e non concesso di riuscirci, tutto ciò gioverebbe alla nostra causa oppure è un'idea malsana da mettere nel dimenticatoio??? mi scuso per eventuali bestialità inserite nel mio 3d ma la chimica non è il mio settoresaluti
Cita messaggio
Veramente l'idea malsana è quella di inalare queste sostanze.

Quello che so è che la nicotina è una sostanza facilmente ossidabile da parte dell'ossigeno ontenuto nell'aria.

Di conseguenza se si riesce a eliminare l'ossigeno è presumibile che si possa conservare più a lungo. Le basse temperature, anche senza arrivare al congelamento, rallemntano e di molto il degrado.

In pratica si potrebbe trasferire il liquido in un piccolo contenitore in vetro riempiendolo all'orlo e dopo averlo ben tappato metterlo nel freezer.

Le basi a 36mg solitamente contengono VG, PG e acqua in dosi variabili e il loro punto di congelamento non è conosciuto. Non credo che il liquido solidifichi ai -24 °C del congelatore, bisognerebbe fare una prova per sincerarsene. Il rischio è quello di spaccare il contenitore.

Naturalmente i contenitori devono essere in vetro e il tappo di un polimero adatto per basse temperature.



saluti

Mario

Cita messaggio
[-] I seguenti utenti ringraziano Mario per questo post:
Utente di Answers
Se, al posto del contenitore di vetro, volessi utilizzare un contenitore in plastica a quali controindicazioni andrei incontro???? Mi dispiacerebbe allagare il congelatore di casa con liquidi di questo genere... Saluti
Cita messaggio
Solitamente la plastica alle basse temperature si irrigidisce parecchio e diventa fragile. Un materiale che resiste bene è il polipropilene. Poi bisogna considerare la compatibilità chimica della plastica con il VG e PG.
Un contenitore perfettamente idoneo sarebbe la provetta per criogenia.

saluti
Mario

Cita messaggio
Grazie mille :-)
Cita messaggio




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)